Torino, il punto sul mercato in attacco della Primavera

Torino, il punto sul mercato in attacco della Primavera

Toro Del Futuro / Sempre a caccia di due punte: Damiano in stand-by, in prova c’è Compagno. Sul piatto i nomi di Rossetti e Ciccone: ecco di chi si tratta

Commenta per primo!
Rossetti Catania (foto Filippo Galtieri fotografo ufficiale Catania Calcio)

Poche ore fa vi abbiamo raccontato le ultime novità in tema di calciomercato giovanile per il Torino, ma la situazione relativa alla Primavera granata è in continua evoluzione, e si preannuncia un gennaio 2016 decisamente vivace per quanto riguarda le trattative riguardanti il vivaio.

La situazione della formazione di Moreno Longo è nota: la coppia titolare in attacco, formata dal croato Gabriel Debeljuh (’96) e dall’ex Cuneo Massimo Martino (’97), è da sostituire, complice il doppio infortunio riportato dai due in occasione della finale di Supercoppa Italiana contro la Lazio, con una duplice rottura del crociato e un rientro in campo che si stima non precedente al prossimo mese di maggio.

Al di là della probabile “promozione” in Primavera del bomber della Berretti, Manuel De Luca (’98), il cui cartellino è stato riscattato dal Sudtirol nell’estate 2015 e che è già vincolato con un contratto triennale da professionista fino al 2018 (10 goal in 13 presenze agli ordini di Migliaccio: lo vedremo aggregato ai più grandi dopo aver giocato il big match contro l’Inter del prossimo 9 gennaio), Massimo Bava è al lavoro per fornire a Longo due attaccanti di livello per affrontare al meglio il girone di ritorno.

Il primo ad essere stato “provinato” dal Torino è Christian Damiano (’96), ex Primavera del Bari proveniente dalla Sef Torres, dopo sei mesi non particolarmente esaltanti in Serie D. Il giovane attaccante, autore di 11 reti complessive nella passata stagione tra i Galletti, per il momento, è tenuto in stand- by, ed i granata stanno valutando altre soluzioni.

Proprio in queste ore, aggregato al gruppo di Moreno Longo c’è Andrea Compagno (’96), attaccante palermitano cresciuto nel vivaio del Catania, dove è giunto fino alla Primavera. Per lui, che già giocava stabilmente in Primavera da sottoleva nel 2013/2014, 2 goal in 9 presenze nella passata stagione tra i rossazzurri. Dalla scorsa estate, si è trasferito in Serie D al Pinerolo, dove ha totalizzato 15 presenze e 1 goal: numeri non da capogiro, ma i granata hanno intravisto in lui comunque un profilo interessante, che sarà valutato con attenzione dal tecnico della Primavera.

Non solo: un altro nome caldo è quello di Mattia Rossetti (’96), ex compagno di Compagno nella Primavera del Catania, dove nella passata stagione ha totalizzato 8 goal in 20 presenze ma, soprattutto, ha messo insieme 7 gettoni in Serie B, conditi dalla prima rete tra i professionisti, segnata nell’1-1 contro il Bari del 3 marzo 2015. Un profilo di alto livello, quello del giovane bomber nato a Mirabella Eclano, oggi stabilmente aggregato alla Prima squadra in Lega Pro, dove ha totalizzato, però, soltanto 4 presenze, più 3 in Coppa Italia, e non ha ancora messo a segno un gol.
Altro profilo tenuto sotto osservazione, infine, è quello di Nicola Ciccone (’96), attaccante della Cremonese, che fu autore di una buona stagione con la maglia delle Primavera della Sampdoria, da sottoleva, nel 2013/2014. In maglia blucerchiata, il bomber nato a Crema totalizzò 5 reti in 32 presenze complessive, mentre nella passata stagione, nonostante 22 presenze complessive in grigiorosso in Lega Pro, non è riuscito a trovare la via del goal. Nella stagione in corso, lo spazio per lui nella vecchia Serie C è davvero poco, tanto da non avere ancora esordito in gare ufficiali, con il Torino Primavera che potrebbe rappresentare per lui una buona occasione di rilancio.

Questi, dunque, i profili tenuti per il momento sotto osservazione, anche se non sono da escludere sorprese: il Torino cerca un nome di alto livello, che potrebbe anche arrivare dall’estero. Nel frattempo, come vi avevamo raccontato ieri, in granata sono arrivati due giocatori decisamente interessanti, che saranno aggregati per il momento alla Berretti: l’attaccante Alessandro Cattaneo (’98), proveniente dal Chievo Verona, e il centrocampista Matteo Bianchi (’98), trasferitosi dalla Primavera del Bari. In più, si registra anche una cessione: il centrocampista Lorenzo Mazzola (’98) si trasferisce in prestito semestrale alla Berretti dell’Alessandria, formazione dalla quale era stato prelevato dal Torino nell’estate 2012, diventando uno dei perni fondamentali dei Giovanissimi Nazionali di Menghini che, in quella stagione, vinsero a mani basse il proprio girone di campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy