Toro, Petrachi fa tremare i muri dello spogliatoio: quando è il diesse a dare la scossa…

Toro, Petrachi fa tremare i muri dello spogliatoio: quando è il diesse a dare la scossa…

Tocco di Mano / Il dirigente granata ha messo la squadra davanti allo specchio: il messaggio è stato recepito. Il concetto vale anche per la sfida interna contro l’Atalanta: il gruppo è avvisato…

5 commenti
calciomercato, Petrachi

Lo ha fatto davanti alle telecamere a ridosso del calcio di inizio di Inter-Torino, prima ancora – diversamente sarebbe stato un atto di grave scorrettezza – lo aveva ribadito in faccia ai giocatori stessi: Gianluca Petrachi si è fatto sentire, ha messo il gruppo davanti allo specchio, obbligandolo a reagire immediatamente.

Ora la squadra dovrà ripetersi in casa contro l’Atalanta, perché il messaggio resta lo stesso: le chiacchiere stanno a zero. I bonus sono finiti: “Ho chiesto ai ragazzi di tirare fuori l’orgoglio, bisogna tornare a vincere”. Punto e basta. E così è stato. Dopo un primo tempo piuttosto timido, il Torino ha messo in campo (finalmente) una prestazione degna dei propri mezzi, tornando ad esultare dopo cinque giornate di campionato. O più precisamente: dopo quarantanove giorni di digiuno. Altro che Gesù Cristo nel deserto…

Con il suo stile inconfondibile, pacato ma allo stesso tempo fortemente diretto, il direttore sportivo granata ha preso i suoi per le orecchie, strigliando un gruppo che per diversi motivi, sino a questo momento aveva reso molto meno di quanto ci si aspettasse.

Un gesto forte, che dimostra quanto Petrachi abbia ancora il polso della situazione. Sino alla sfida contro l’Inter, il direttore sportivo aveva sempre difeso e coccolato per certi versi il gruppo, invitando la piazza a sostenere i giocatori, ricordando quanto sia importante avere (tanta) pazienza con i più giovani.

Non questa volta, non contro i nerazzurri di Mancini. Petrachi ha ricalcato le orme del suo vecchio mentore Ricky Sogliano: che quando entrava nello spogliatoio, tremavano i muri. Li ha fatti tremare anche lui e i risultati si sono visti. Prova evidente del fatto che questa società non può fare a meno di figure dalla scorza dura. Tosta come quella dell’attuale uomo-mercato granata. Quando il diesse parla, tutti zitti: e così arriva la scossa.

Una figura chiave all’interno del direttivo. Perché avrà anche mille difetti, perché avrà commesso più di un errore da quando è al Torino. Ma al di là di questo, ancora una volta, Petrachi ha dimostrato di avere in mano il gruppo, anzi che nò…

5 commenti

5 commenti

  1. aterreno - 2 anni fa

    Ah ma quindi abbiamo vinto grazie alla grinta di Petrachi?

    E io che credevo che ventura avesse tirato fuori gli zebedei negli spogliatoi per una volta..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rokko110768 - 2 anni fa

    Atalanta e Bologna ci dovranno fornire almeno la tranquillità necessaria per la salvezza. Dopo di che avanti con le seconde linee che meritano e perchè no, pure un modulo diverso. Chiedo troppo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawda - 2 anni fa

    Queste ricostruzioni pittoresche mi strappano sempre un sorriso, se bastasse cacciare qualche urlaccio per risolvere i problemi penso Petrachi non avrebbe atteso la 31 giornata. La realta’ e’ che se sfuriata c’e’ stata non mi sembra avesse sortito particolari effetti visto il soporifero primo tempo, poi quello che e’ successo nel secondo tempo mi sembra piu’ un suicidio dell’Inter, ma queste sono ovviamente opinioni personali. Adesso con Atalanta e Bologna, due squadre che non ci concederanno spazi, vedremo quali prestazioni saremo in grado di offrire, indipendentemente dalle urla petracchiane.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

    Una partita peraltro rocambolesca non è un segnale. Aspettiamo la partita contro l’Atalanta e poi vedremo. Prima di criticare abbiamo dato mille chance ora pretendiamo almeno un’altra prova convincente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. AmmaMi71 - 2 anni fa

    Bene, era ora! Anzi secondo me avrebbe dovuto strigliarli un po’ prima!!! Comunque sempre meglio targi che mai, sperando che la cosa sia realmente stata recepita e che verrà messa in pratica anche nelle prossime partite!..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy