Roma-Torino, ripartenze arma da sfruttare. E Niang deve stare più vicino a Belotti…

Roma-Torino, ripartenze arma da sfruttare. E Niang deve stare più vicino a Belotti…

Lavagna tattica / La coppia d’attacco Belotti-Niang per fare male alla Roma

di Lello Vernacchia

Sicuramente non è facile tornare a giocare dopo un evento come la morte di un calciatore, una vera e propria tragedia. La partita di domani, inoltre, diventa molto più difficile dopo le brutte prestazione nelle ultime due gare. Non penso ci sia bisogno di sottolineare troppo quanto sia importante questa gara, sarà fondamentale vedere in campo un Torino diverso.

DUE PUNTE – Il 4-3-2-1 che sembra intenzionato a schierare Mazzarri non mi convince: i due trequartisti si allargano uno a sinistra e l’altro a destra e lo schieramento diventerebbe un 4-5-1. Io proverei un 4-3-1-2 con Niang al fianco di Belotti. L’ex Milan non può fare il trequartista e sulla fascia non ha convinto, mentre da cenravanti ha fatto bene contro Bologna e Benevento. Dietro le punte il profilo giusto sarebbe quello di Ljajic, ma bisogna anche valutare le condizioni fisiche e mentali dopo le ultime esclusioni. Mi dispiacerebbe togliere Iago Falqué, che sta facendo bene: non lo vedo molto come trequartista puro, ma potrebbe partire da destra per accentrarsi come fa Suso nel Milan. Là davanti Belotti è troppo solo, Niang al suo fianco lo aiuterebbe e come caratteristiche sarebbe una coppia alla Graziani-Pulici. Sono d’accordo con lo schierare tre centrocampisti, sono fondamentali. La mediana composta da Baselli, Rincon ed Obi è ben assortita: ci sono qualità, corsa e fisicità.

ATTEGGIAMENTO TATTICO – La Roma ha necessità di fare punti per la corsa Champions, quindi sarà costretta a fare la partita e non potrà più permettersi di sbagliare. Il Toro dovrà sapersi difendere bene e riuscire a colpire con le ripartenze. Bisognerà fare attenzione soprattutto a Perotti, pericolosissimo quando punta l’uomo con un doppio passo terrificante. Dopo due partite al di sotto della aspettative, il Toro dovrà fare risultato. Mi ricordo che la scorsa stagione, in una situazione analoga, i granata giocarono molto bene una gara contro l’Inter. Non bisogna considerare chiusa la crisi della Roma: non bastano quattro gol per superare i problemi di un mese. Non credo che la Roma sia distratta dall’impegno in coppa della prossima settimana, anche perché i tempi di recupero ci sono tutti. Sicuramente, però, il Toro è un avversario che non si può affrontare con la pancia piena. Per quel che riguarda i granata, sarà però fondamentale che emerga il carattere: serviranno cattiveria e personalità.

0 Commenta qui

Recupera Password

accettazione privacy