Rimandato a settembre

Rimandato a settembre

Sotto le Granate / Torna la rubrica di Maria Grazia Nemour: “Quando si gioca l’ultima partita in casa, allo stadio si respira sempre l’aria da fine scuola”

di Maria Grazia Nemour

Il penultimo compito in classe è stato superato, due a uno contro la Spal. Un compitino di ripasso contro la terzultima in classifica che nel primo tempo parte con una domanda a sorpresa a cui il Toro non sa rispondere, la Spal prova un tiro solo ed è vantaggio.

Il Toro, contro quelli vestiti d’azzurro, è entrato in quest’ottica: ne incassa uno nei primi 45 minuti, e poi incorna due volte nella ripresa. Che sia il Napoli o la Spal, tanto è uguale. Domenica, nel secondo tempo un po’ il Toro è cresciuto, un po’ la Spal si è fatta piccina. Quello che non è calato è stato il gremito spicchio degli ospiti, che ha tifato in direzione ostinata e contraria fino alla fine. Volitivo, nell’aggiungere un dodicesimo giocatore di pura energia e credere al sogno di rimanere in serie A.

Nell’ultima interrogazione in casa, il voto più alto lo prende a sorpresa Berenguer, che se ne era stato seduto per tutto l’anno in fondo alla panchina, sorteggiato all’ultimo. Uno si domanda…ma perché? Boh, lo saprà il professore che assegna i posti, il professore che durante l’anno è pure cambiato, e con lui il programma. Berenguer porta il diario, sette. Che sia di incoraggiamento e promessa.

Nell’intervallo, tutti i tifosi davanti ai tabelloni formato cellulare a commentare i risultati. Una mestizia negli occhi e nelle voci che neanche il giorno dei morti… Toro rimandato a settembre. Abbiamo raggranellato una cinquantina di punti, la metà di quelli che servono per vincere il campionato. Oddio, abbiamo vissuto anni peggiori di bocciature senza appello, diseredati e alla ricerca di un padre adottivo. Ma… Ma questo non basta per superare la profonda delusione di veder cancellata, per l’ennesima volta, la gita in Europa. La classe Toro non se l’è meritata, resta a casa. E noi che ci avevamo sperato tanto, di viaggiare…

Cosa non ha funzionato? Siamo consapevoli di non aver acquisito un metodo di studio, sì? Bene, organizziamoci per il futuro. Condividiamo un progetto che convinca i tifosi a riempire lo stadio anche se piove a secchiate come domenica, e puntiamoci l’anima, su quell’idea. Che l’esperienza Miha serva a capire in cosa vogliamo essere diversi, e che Mazzarri disegni il Toro che vorrei. E lo faccia a porte aperte al Fila, magari. In modo che non ci tocchi sempre bussare, per entrare a casa nostra. Che se in famiglia uno si sente accolto e coinvolto, poi è pronto a fare sacrifici, gli straordinari…

Finisce la partita e aver saltato due volte sul seggiolino urlando i nomi di Belotti e De Silvestri, ha migliorato un po’ l’umore. La felicità, alla fine, si vive ad attimi.

Il nostro Toro fa il giro del campo per salutare i tifosi per l’ultima volta nell’annata 2017-2018. I giocatori sfilano agitando le braccia, qualcuno al seguito ha un bimbetto, qualcun altro si leva la maglietta. E mentre camminano scatta il toto-Toro: chi rimarrà il prossimo anno? Il primo della fila, il nove, quello che ora è fermo a salutare, che farà? Per una volta sarebbe bello stabilirlo subito, se col Capitano rimarremo buoni amici o se ci fidanzeremo un altro anno. Così, tanto per provare l’ebbrezza di non ballare tutta l’estate sulla stessa mattonella. Riconosco al Gallo un altissimo merito granata: aver entusiasmato i bambini, facendo alzare loro la mano sulla fronte, a drizzare la cresta e ad inorgoglirsi di Toro.

Ormai i giocatori hanno terminato la sfilata (saltando all’interno del campo davanti allo spicchio degli ospiti però, perchè meritano l’onore delle armi, gli ospiti), scattano la foto di fine anno e se ne tornano negli spogliatoi.

Ai tifosi non rimane che salutare i vicini di seggiolino – e di pena – dell’avventura Toro 2017/2018, stringere un po’ di mani. E tutti a dire: “Allora buone vacanze!”, “Ci vediamo il prossimo anno?”, “Ah io no, basta!, l’abbonamento per venire a veder giocare alle bocce, non lo faccio più!” .

Vien quasi da sorridere, è un deja-vu: le stesse frasi dell’anno scorso.

E di quello prima.

E di quello prima ancora.

E di quello…

Vabbè dai, che è ora di andare. Ma non sei ancora fuori dal Grande Torino che inizi a pensare che c’è ancora una partita, e dici: “Oh, ma ti ricordi quella volta col Genoa, nel recupero, Immobile e Cerci…”


Mi sono laureata in fantascienze politiche non so più bene quando. In ufficio scrivo avvincenti relazioni a bilanci in dissesto e gozzoviglio nell’associazione “Brigate alimentari”. Collaboro con Shakespeare e ho pubblicato un paio di romanzi. I miei protagonisti sono sempre del Toro, così, tanto per complicargli un po’ la vita.

5 Commenta qui
  1. abatta68 - 4 mesi fa

    Quello che serve, si chiede e si spera è una comunione di intenti il più possibile prossima a ciò che è la Storia di questa società. A me di sapere se quest’anno è stato il record di assist di Ljaic, o dei goal di Iago, o degli infortuni di Belotti, o delle valenze di Cairo importa assai poco… ciò che importa ai tifosi è di sapere dove si vuole andare a parare, sapere che c’è un gruppo di giocatori e allenatore in cui credere e che la prossima stagione possa andare meglio. Per fare questo occorre motivare l’ambiente e, perchè no, provare ogni tanto a far sognare i tifosi… ma non con le dichiarazioni di fine anno o con i titoli di Tuttosport di mezza estate, ma fin dalla prima partita di campionato. La gente vuole capire di quale pasta siamo fatti… peccato che in quest’anno passato non ci abbia capito niente nessuno! confido che Mazzarri abbia avuto modo, in questi sei mesi, di dare un senso al proprio lavoro e alla stagione che verrà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sempre_toro - 4 mesi fa

    Anni fa, il FILA era la casa del TORO, poi hanno tentato di distruggere Il TORO, hanno iniziato con la squadra , sono passati alla casa (il FILA) , hanno insediato presidenti a strisce a comandare la società che hanno distrutto tutto, infangato i nomi dei predecessori, hanno fatto fallire una società con una storia.

    Hanno costruito finte squadre spacciandole per il TORO, credendo che bastasse dire “ONORE AGLI IMMORTALI” e mettere una casacca Granata per far credere di essere IL TORO!

    Ma non hanno fatto i conti coi tifosi……NOI SIAMO IL TORO e ad oggi è tutto quello che c’è del TORO è questo!.

    Il FILA è la casa del TORO e quindi dei tifosi , quando si avrà una società, una squadra , un allenatore e giocatori che sono da TORO, allora saranno il TORO e quindi saranno parte di esso (come i tifosi).

    Ma fino a quel momento, prima di entrare nella casa del TORO, il nostro FILA , BUSSATE E CHIEDETE il PERMESSO di calcare questo luogo, che non è VOSTRO ma vi si lascia la facoltà di utilizzarlo per farvi sentire parte di una realtà che nemmeno capite!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marino - 4 mesi fa

    Come sempre noi compreremo all’ultima giornata, anzi pure dopo tanto la preparazione mica serve per le valenze e annunceremo all’ultima giornata quelli che sono venduti dall’anno scorso. Così il buffone potrà dire che non ha potuto rimediare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. torinodasognare - 4 mesi fa

    Comunque è vero che il Gallo ha quella magia incantatrice… all’uscita chiedo a mio figlio di 7 anni: cosa ti è piaciuto di più di tutto ciò che hai visto? Risposta: Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 4 mesi fa

    Ottima sintesi simpatica del pensiero attuale della maggior parte dei tifosi granata, sicuramente allineato al mio pensiero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy