Qualcosa è cambiato

Qualcosa è cambiato

Prima che sia troppo Tardy / Quasi come mai in passato, abbiamo giocato in undici

3 commenti

“Mi fai venire voglia di essere un uomo migliore” dice J. Nicholson nell’omonimo film che dà il titolo al mio articolo, sarà scattato qualcosa così anche nel nostro Toro dopo le tristanzuole partite disputate fino ad oggi? Speriamo, certo quello contro l’Inter è stato il miglior Toro dell’era Mihajlovic: squadra organizzata, ben disegnata in campo, sempre propositiva. Infatti anche nei momenti della partita di grande sofferenza non si è mai avuto la sensazione di essere sull’orlo del precipizio. Troppo bello per essere vero? Certamente, quasi come mai in passato, abbiamo giocato in undici ( non i soliti tre o quattro a rotazione) e tutti hanno espresso il loro meglio dando nell’insieme l’impressione di essere una squadra vera. De Silvestri è stato l’emblema di questo Toro. Tecnicamente non certo dotatissimo “Lollo” ha fatto un tocco di esterno a Falque in occasione del gol che mai aveva fatto ( e forse rifarà…), ha difeso con attenzione e salvo in un paio di occasioni, oggi siamo tutti più buoni, è sempre stato “dentro la gara” facendo le giocate giuste con i tempi giusti. Parlare di moduli – il 4-3-3- per la cronaca lo abbiamo adottato tutto lo scorso campionato – è sicuramente cosa buona e giusta, ma avere in campo una squadra che si impegna e si dedica alla causa È ancora più importante. Essere poi la penultima squadra di serie A per chilometri percorsi in partita la dice lunga sul lavoro che si dovrà affrontare per diventare una squadra migliore.


 

Avvocato penalista, appassionato di calcio (ha partecipato al corso semestrale di perfezionamento in diritto e giustizia sportiva presso Università di Milano), geneticamente granata, abbonato al Toro da circa trent’anni.

 

3 commenti

3 commenti

  1. Sanguegranata - 2 settimane fa

    Bel analisi e aggiungo e spero che il toro volti pagina e di fare tante partite come a Milano
    forza toroooooo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 2 settimane fa

    Beh ieri abbiamo corso e attaccato la palla. Non mi ricordo una partita cosi non solo dall’era Miha ma anche nell’ultimo anno di Ventura.

    Il pressing, rubare palla, anche perdere palla ma riconquistarla. Una partita da Davide contro Golia dove Davide ha quasi portato i 3 punti in casa.

    E se Miha fosse perfetto forse avrebbe pure azzeccato i cambi o urlato ad Acquah di scendere in difesa a coprire sul quarto attaccante..

    Ma per ora ce lo teniamo così il nostro allenatore, 8 mesi di schifo e boom, bastavano un paio di giornali, un sondaggio qua, due articoli la… Una strigliata di Petrachi.

    L’ho gia’ scritto, secondo me manca un direttore tecnico, un manager del torino calcio con un po’ più di pelo e palle e conoscenza del calcio.

    Un Ventura o anche un Serino Rampanti, qualcuno a fermare le follie prima che sia troppo tardi, non c’e’ bisogno di licenziarlo Miha se hai qualcuno a fargli capire che sta sbagliando DA MESI non DA SETTIMANE.

    O dirgli due parole quando vuole spendere e spandere soldi su un profilo ‘a rischio fallimento’ come Niang.

    Perche’ alla fine anche Miha e’ acerbo come allenatore, mai fatto più di due anni da nessuna parte, ai voglia farne 5 di fila, per farne 5 devi far crescere un gruppo, non smontarlo quando ti girano…

    Vabbe’ speriamo che Miha cresca e impari col Toro e che magari faccia il miracolo con Niang. Magari dovrebbero condividere la camera al Principe di Piemonte, farsi le corrette al mattino insieme… Un po’ di sano rigore Miha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Leojunior - 2 settimane fa

      Visti i gusti di Niang, sinisa non accetterà mai di dormirci insieme. Cmq concordo c’è bisogno che qualcuno alzi la voce con l’allenatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy