Diamo i numeri

Diamo i numeri

Prima che sia troppo Tardy / Torna la rubrica di Enrico Tardy: “The end, fine, titoli di coda di questo poco sapido campionato, ravvivato solo dal cambio di allenatore”

di Enrico Tardy

The end, fine, titoli di coda di questo poco sapido campionato, ravvivato solo dal cambio di allenatore e poco altro. Abbiamo espugnato Marassi dimostrando che a ritmi più blandi e con squadre tecnicamente inferiori siamo competitivi. Ora, prima del mercato, occorrerà scrollarci di dosso l’apatia che ci pervade.

LEGGI: Ansaldi al suo primo Mondiale: l’Argentina ritrovata dopo l’approdo al Torino

Il risultato nel calcio, e non solo, è il sale della competizione, dunque sarà importante prefiggerci degli obiettivi e perseguirli con costanza e determinazione fino al termine del torneo evitando a dicembre il ritiro anticipato.

Ieri guardavo il monte ingaggi delle squadre di serie A, il Torino è settimo con 38 milioni di euro, la Lazio sesta con 60 milioni, un abisso, solo l’Atalanta e la viola che in classifica ci precedono sono dietro di noi a stipendi. Ci vuole anche da parte di noi tifosi un pochino, anzi cicinin, più di realismo sognando ciò che realmente è raggiungibile, ben sapendo che arrivare tra le prime della classe è di fatto impossibile.

GENOA, ITALY – MAY 20: Iago Falque of Torino (L) celebrates with Daniele Baselli after scoring a goal during the serie A match between Genoa CFC and Torino FC at Stadio Luigi Ferraris on May 20, 2018 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Tutti i tifosi vorrebbero il Toro in corsa se non per lo scudetto magari per la Champions ma trattasi di evenienza neppure quotata dalle società di scommesse, facciamocene una ragione. Ci è rimasto il cantante dell’inno del 76′ ad illuderci che il tricolore ritornerà, solo più lui.


Avvocato penalista, appassionato di calcio (ha partecipato al corso semestrale di perfezionamento in diritto e giustizia sportiva presso Università di Milano), geneticamente granata, abbonato al Toro da circa trent’anni.

20 Commenta qui
  1. verarob_701 - 3 mesi fa

    PalmasCUORE GRANATA……hai l’età per ricordare un calcio che non c’è più, in cui tutti potevano vincere, il cagliari(70) o il verona (84)..ma negli ultimi 26 anni in italia germania inghilterra….hanno vinto in 5 per campionato, per soldi e potere….e il Toro di cui parli tu, è quello a cui hanno stroncato Pianelli, lasciato morire il Fila, nonostante i sindaci granata, che è stto fatto fallire, a cui non facevano tesserare Gargo e Kuffur, che nelle coppe viveva situazioni come Las Palmas,gol oltre la fine come Stoccarda o finiva in 8 in coppa campioni…tanto peso non lo vedo….saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

      verarob701 non è mia abitudine “polemizzare” né tantomeno tediare interlocutori ma debbo constatare che hai “svicolato” sugli aspetti sostanziali che mi fanno ritenere la gestione Cairo una sorta di “tirannia” non so fino a che punto voluta oppure indotta da chi vuol farci scomparire.Avrai sicuramente l’onestà intellettuale di convenire che il ns. in 13 anni nulla ha fatto per porre solide radici alla ns. Storia pur avendone le possibilità economiche. Stiamo parlando di 2\3mln…..Si liberi dell’ingaggio del fenomeno Niang e voilà ecco che il gioco sarebbe fatto!FVCG!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robertozanabon_821 - 3 mesi fa

    Gentile Avvocato,
    Il tuo è stato un corretto e garbato appello ad un sano ed inevitabile realismo.
    Lo stimolo che i tifosi cercano di trasmettere e di cercare di fare, tramite la Società, il massimo che le nostre risorse generali ci possono permettere.
    Non sempre (anche meno) abbiamo rispettato questa “consegna” morale in rispetto delle tradizioni combattive del Toro.
    Credo e spero che i tempi siano maturi per un’ottimizzazione di tutte le componenti in “gioco”.
    Il prossimo futuro deciderà l’umore dei nostri commenti che ci auguriamo benevoli.
    Grazie e Forza Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. verarob_701 - 3 mesi fa

    dai CUORE GRANATA……raccontaci la storiella che se facessimo fuori “il tiranno “, si aprirebbero le porte alle schiere di ricchi mecenati con il cuore traboccante di amore per il Toro, che farebbero quello che vogliono con le autorità cittadine, con i gobbi, sul mercato, perchè è stranoto che al Toro sono arrivate offerte clamorose,che sono state respinte al mittente……se vuoi poi parliamo di elfi e unicorni…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

      Caro verarob701 purtroppo non ho più l’età per credere alle favole,bensì ho l’età per ricordare il Torino AC come società rispettata anche a livello internazionale e soprattutto temuta anche dai gobbi che spesso e volentieri abbiamo “legnato”. La liberazione dal tiranno a mio avviso significherebbe molto semplicemente avere una proprietà in mano a persone rispettose della ns. Storia e dei ns. valori,persone che non farebbero trascorrere 13 anni senza aver completato il Fila e che dopo due anni sono ancora in attesa di avere il via libera sul Robaldo,persone che non farebbero quello che vogliono con le autorità cittadine(questa prerogativa la lascio volentieri a quelli di Venaria) ma che semplicemente ottenessero quello che le autorità cittadine sono Obbligate a fare e non fanno! Tutte cose molto terra a terra ed appunto per questo è legittimo,a mio parere,auspicare il termine della tirannia. Se poi Cairo decidesse di metterci un briciolo d’impegno su questi temi..beh anche se non mi stà simpatico lo potrei almeno tollerare.Quanto alle storielle continua pure a credere ai proclami di Cairo ed agli elfi ed unicorni che da grande imbonitore sparge a piene mani.Detto questo per carità rispetto le tue idee.FVCG!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Concordo sul fatto che l’articolo “dell’ Avucat” sia stato un insipido brodino ma qui vorrei collegarmi al post di A. Valentino per dire che mi “accontenterei”che l’Imbonitore portasse a conclusione le vergognose telenovelas riguardanti completamento Fila( con Museo) e Robaldo. La Città di Torino continua a tacere ed il NOSTRO assiste da silente “convitato di pietra”. Con questa premessa credo che parlare di mercato,obiettivi o quant’altro,temo, siano argomenti che interessano giustamente noi tifosi affetti da “torinite” e molto ma molto meno la Società! che continuerà a perseguire la politica di un “anonimo galleggiamento”finalizzato a condurci verso l’oblio.Sul numero di spettatori…faccio qui una provocazione:per liberarci dal “tiranno” servirebbe un atteggiamento molto concreto, disertare Stadio ed abbonamenti.Se il ns. realizzasse che a crederci fossero solo più i suoi sostenitori sarebbe un vulnus per la sua immagine, un danno ben più pesante rispetto al fatto meramente economico in quanto come sappiamo l’introito da botteghino è ormai marginale.E’ mai possibile che nessuna VOCE AUTOREVOLE in questo piatto tacito servilismo esprima tutto il disagio e la frustrazione di una tifoseria che non merita questo trattamento. FVCG SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. verarob_701 - 3 mesi fa

    ddavide….a vedere il Bologna di quest’anno….vedi classifica ew gioco,senza copertura sono andati 2500 spettatoridi media più di noi…ma se investiamo sul merchandising…….allo stadio a tutti sarà capitato di vedere indossate maglie coi i nomi di giocatori che hanno giocato 20 anni fa al Toro….di cosa parliamo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13657710 - 3 mesi fa

    Madama granata- ancora una volta la mia voce fuori dal coro! In linea di massima sono d’accordo con l’articolo: bisogna rimanere con i piedi per terra, accettare i nostri limiti ed essere comunque e sempre orgogliosi del Toro e di una società sana ed onesta! La Champions, sinceramente, mi sembra un’utopia; X l’Europa League si può lottare, anzi si deve, ma provarci non vuol dire PRETENDERE di riuscirci ad ogni costo! Ci sono anche gli altri, i posti sono limitati ed inevitabilmente qualcuno ne resta fuori! Andiamolo a chiedete ai tifosi di Fiorentina e Samp, che ci speravano come noi, e, fino ad 1 o 2 anni fa, a quelli di Inter e Milan ( e non stiamo parlando di squadre di seconda fascia!). Temo che alcuni tifosi PRETENDANO di sentirsi appagati nella e dalla vita attraverso i successi di una squadra di calcio e penso che non siano quelli che veramente amano il Toro! I nostri colori si amano sempre, nel bene e nel male, in Champions come in serie B! Noi siamo del Toro e il Toro , ribadisco, si ama sempre e comunque! Poi bisogna sperare e coltivare ambizioni , certo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. IlDadoDelToro - 3 mesi fa

      Condivido il pensiero e lo spirito di Madama granata. Il Toro trascende il calcio e il tifoso granata per vocazione e mestiere deve filosofeggiarci un po’ su e continuare a fare il supporter, che tradotto significa “colui che sostiene, supporta un atleta o un squadra”.
      Chi deve lavorare in maniera diversa è la Società, dal Presidente ai Dirigenti. Non stanno crescendo come si vorrebbe, anche se non tutto è da buttare. Continuo a vedere tanti errori, ma anche segnali incoraggianti. Il Toro ha una grande storia alle spalle e tutti lottiamo per un futuro altrettanto degno, ma i ruoli restano fondamentali: noi a baluardo dei valori che la nostra squadra personifica, la società alla ricerca di giocatori validi e bilanci in attivo, i giocatori e l’allenatore alla conquista di vittorie e titoli sportivi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. verarob_701 - 3 mesi fa

    …chiaramente di questo non ne parliamo…..

    1) Inter – 1.093.053 (spettatori totali) – 57.529 (media spettatori)
    2) Milan – 1.001.114 (spettatori totali) – 52.690 (media spettatori)
    3) Napoli – 817.942 (spettatori totali) – 43.050 (media spettatori)
    4) Juventus 746.997 (spettatori totali) – 39.316 (media spettatori)
    5) Roma – 711.544 (spettatori totali) – 37.450 (media spettatori)
    6) Lazio – 588.807 (spettatori totali) – 30.990 (media spettatori)
    7) Fiorentina – 495.756 (spettatori totali) – 26.092 (media spettatori)
    8) Genoa – 397.885 (spettatori totali) – 20.941 (media spettatori)
    9) Bologna – 397.165 (spettatori totali) – 20.903 (media spettatori)
    10) Sampdoria – 382.967 (spettatori totali) – 20.156 (media spettatori)
    11) Torino – 353.331 (spettatori totali) – 18.596 (media spettatori)
    12) Atalanta – 340.492 (spettatori totali) – 17.921 (media spettatori)
    13) Udinese – 340.217 (spettatori totali) – 17.906 (media spettatori)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      ma se nel nostro stadio ci stanno 25000 spettatori come puoi dare la colpa ai tifosi?

      Abbiamo delle curve ridicole per capienza con 7500 posti , ripeto : di che parliamo ?

      Sono i settori piu’ popolari quelli ad essere riempiti prima , se le curve tengono 15000 persone come fai a competere ? lo stadio lo devono fare i tifosi ???

      E comunque i tifosi allo stadio in termini di budget contano per il 15% del fatturato i soldi li fai con altro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 3 mesi fa

        Corretto se non che i tifosi nell’ultimo bilancio pesavano per l’8% e con l’aumento dei diritti televisivi l’incidenza scendera’ ulteriormente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. drino-san - 3 mesi fa

      Ma cosa dici, noi siamo il Toro, la più grande squadra della galassia, con milioni di miliardi di tifosi pronti a riempire lo stadio; se solo la società investisse qualche spicciolo triplicherebbe il fatturato… Sinceramente non capisco come siamo diventati dei tifosi così di merda. Allo stadio sono rimasti quattro tossici in curva e quattro rompicoglioni che tifano contro, gli altri fanno che non andare più per non essere contagiati. A me ogni anno passa la voglia, poi alla fine faccio l’abbonamento e dopo due sconfitte me ne pento. Ma non per la squadra, e neanche per la società…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. prawda - 3 mesi fa

      Il dato degli spettatori senza tener conto delle dimensioni dello stadio e di quanto si incassa alla fine da botteghino non ha alcun senso. Il load factor, fattore di riempimento in italiano, vede il Torino in ben altra posizione di classifica, tutte le squadre che precedono i granata hanno uno stadio piu’ grande e quindi hanno la possibilita’ di vendere piu’ biglietti a prezzo basso. Credo che anche quest’anno il Torino alla fine sara’ ottavo come incassi complessivi da botteghino, confrontando negli anni passati le genovesi per fare un esempio hanno quasi sempre fatto piu’ spettatori ma sempre totalizzando incassi minori. Credo che sia Preziosi che Ferrero farebbe volentieri a cambio, perdendo qualche spettatore per avere a fine anno piu’ soldi in cascina e chissa’ perche’ sono convinto che Cairo invece non cambierebbe per avere piu’ spettatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. vittoriogoli_193 - 3 mesi fa

    Quasi sempre leggo Tardy con piacere , oggi sono in totale disaccordo: articolo mediocre e basato su errori concettuali.
    Il Torino non ha base numérica oggi perché semplicemente non si lavora per quello, dice bene il tifoso Andrea, potremmo almeno raddoppiare gli introiti con un buon lavoro di Marketing sulla nostra storia , con validi dirigenti a ogni livello dalla primavera alla prima squadra; se pensiamo che il DG é Comi abbiamo detto tutto.
    Noi siamo così perché per crescere occorre voglia e tempo ( che Cairo non ha), passione (che Cairo non ha) e,comunque, il Torino anche se crescesse non renderebbe di più quindi la ragione dice: perché investire per ottenere lo stesso? É un poco il discorso di Fiat che oggi chiude una trimestrale da un miliardo di utili lordi con l’abbandono pratico del bel paese e del settore auto di massa ; se investisse per crescere in volumi forse guadagnerebbe la stessa somma per cui cosa interessa agli Agnelli della storia o delle migliaia di persone che nel 1974 brindavano a Fiat seconda in Europa? Nulla. Esattamente come Cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Esatto , metafora compresa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. silviot64 - 3 mesi fa

    Allegria !!! Però, purtroppo, è la realtà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Andrea Valentino - 3 mesi fa

    Se solo ci fosse la volontà il fatturato di una società come il Toro potrebbe triplicare, con Tutti gli investimenti immobiliari che si potrebbero fare, fra stadio centro do medicina dello sport, Filadelfia Robaldo ex combi hotel al posto del pala Alpitour centro commerciale su via Giordano Bruno su due piani, così facendo incrementerebbe anche il merchandising e si potrebbe piano piano investire anche in ambito sportivo molto di più. Invece dopo 13 anni il nulla perché non c’è un minimo di volontà ed ambizione, ma solo chiacchiere per prendere in giro i tifosi, fare gli sporchi interessi degli amici di Venaria guardandosi bene dal non dargli fastidio e far passare il tempo, niente altro e poi giornalisti servili ed articoli privi di ogni logica imprenditoriale, ma scritti per ridicolizzare ulteriormente la società difendendo in modo vergognoso il padrone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13746076 - 3 mesi fa

    Articolo inutile. Anzi deprimente… basta già Cairo a deprimerci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. byfolko - 3 mesi fa

    Praticamente il titolo dell’articolo avrebbe potuto essere ” L’importante è partecipare”. Non credo che questo faccia onore al Toro ed ai suoi tifosi. Me ne frego di partecipare, io voglio vincere. Ed ogni anno, visto che non capita mai, m’incazzo ed impreco contro tutto, giocatori, società, ambiente. Vogliamo un Toro da Champions, chiaro? l’Europa League è da sfigati e perdenti, chiaro? Il Toro deve andare in Champions, altrimenti che ci sta a fare? Lo sparring partner per i merdosi gobbi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy