Il Toro e l’importanza di avere in rosa Ljajic e Falque

Il Toro e l’importanza di avere in rosa Ljajic e Falque

Occhi Sgranata / Torna la rubrica di Vincenzo Chiarizia: “Non sono assolutamente da cedere Iago Falque e Adem Ljajic, gli unici due giocatori capaci di un guizzo tecnico che consenta di risolvere la gara”

di Vincenzo Chiarizia

La partita di Milano ha dimostrato, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quanto siano importanti i due punti su cui ci siamo dilungati in questa rubrica durante il mercato estivo: vale a dire l’importanza di avere giocatori tecnici come Ljajic e Falque e la debolezza dal punto di vista numerico sugli esterni.

Partiamo dal primo punto. Assodato che ormai Niang è fuori dal progetto tecnico di Mazzarri e che sia in procinto di trasferirsi in prestito al Rennes, non sono assolutamente da cedere Iago Falque e Adem Ljajic, gli unici due giocatori capaci di un guizzo tecnico che consenta di risolvere la gara. Il secondo tempo dello spagnolo è stato incredibile e condito da un assist e mezzo. Per quanto riguarda il fantasista serbo il suo ingresso ha sparigliato le carte sul tavolo. Ljajic è entrato in campo sul 2 a 1 per l’Inter e, complice anche un calo fisico da parte dei nerazzurri, il Toro ha cambiato faccia, ha raggiunto il meritato pareggio grazie anche allo zampino del serbo e ha anche rischiato il clamoroso ribaltone, senza però evitare la sofferenza finale con la paratona di Sirigu su Perisic. In definitiva cedere uno tra Ljajic e Falque in questi ultimi giorni di mercato sarebbe autolesionistico per la società granata.

Per quanto riguarda il secondo punto, l’infortunio di Ansaldi svela il segreto di Pulcinella del Toro: ci sono pochi esterni in rosa. Attenzione, per esterni pensiamo a giocatori adatti a fare il quinto di centrocampo e capace di fare sia la fase offensiva che quella difensiva. Sappiamo tutti che all’occorrenza Berenguer o addirittura Parigini possono ricoprire quel ruolo, ma attualmente a nostro modo di vedere, sono opzioni poco convincenti. Parigini, un po’ come Ljajic, a nostro modesto avviso è un giocatore da impiegare per dare una svolta tattica alla gara e sarebbe più idoneo in un 3-4-3 come esterno di sinistra d’attacco. Invece lo spagnolo ha dalla sua accelerazioni che possono creare più di un grattacapo agli avversari, ma in copertura non dà le dovute garanzie. Con Ansaldi fuori abbiamo solo Ola Aina e De Silvestri arruolabili. Aina può giocare su entrambe le fasce, ma tocca pregare che nessuno abbia problemi o squalifiche finché non rientrerà Ansaldi. In questo la società ha agito in sede di mercato in maniera piuttosto approssimativa.

Torino, pillole dal Filadelfia: Zaza scatenato, e Mazzarri lo prova seconda punta

Domenica si è evidenziata ancora una volta un approccio molle alla gara. Mazzarri deve lavorare molto su questo, ma gli va fatto anche un plauso per come ha scosso la squadra nell’intervallo e per come ha azzeccato i cambi. Ha dimostrato di non essere un integralista come Gianpiero Ventura, ma che anzi prova i cambi di modulo in corsa, proprio come fanno le squadre di vertice. Ed è proprio in virtù di questo che le cessioni di Ljajic e Falque non possono essere nemmeno prese in considerazione. Sarebbe davvero un grave errore. Tuttavia le dichiarazioni di oggi del presidente Urbano Cairo fanno presagire proprio ad una sua cessione. La cosa poco carina è che il massimo dirigente granata inizia ad affrontare il discorso della cessione prendendo il succo della questione da lontano. “Lui è molto bravo ma non so se accetti di giocare solo 20′ e di partire titolare solo a volte.” Dice il presidente Cairo che poi prosegue “Se al calciatore non va bene restare al Torino a queste condizioni, non so se sia possibile una sua permanenza”. Se il giocatore è scontento, ma è il più forte tecnicamente della rosa, si fa di tutto per mantenerlo. Senza parlare pubblicamente, ma parlando al giocatore stesso, facendolo sentire importante e facente parte di un gruppo ambizioso. Qualunque giocatore, a sentire le dichiarazioni del presidente, sarebbe tentato di levare le tende e temiamo che questo sia proprio il fine del presidente Cairo. Il quale probabilmente non ha parlato con il calciatore, altrimenti avrebbe saputo da quest’ultimo ciò che ha dichiarato ai tifosi che ieri lo hanno assaltato per un autografo e cioè che, parole sue, “Voglio restare, ma non dipende da me.” Dunque la società ora è con le spalle al muro: se cessione sarà, sarà esclusivamente per scelta societaria e non perché Ljajic sia scontento. Anche perché dubitiamo che sia Mazzarri a ritenere il nazionale serbo superfluo per la rosa granata, altrimenti non l’avrebbe fatto entrare in campo a San Siro.

Infine un accenno a Zaza. La punta lucana deve ora essere paziente. Anche Mazzarri ha sottolineato che il suo arrivo è stato tardivo, ed infatti c’è da chiedersi per quale assurdo motivo il Toro non abbia affondato il colpo a suo tempo, anziché ridursi come al solito all’ultimo giorno. Ciò che tuttavia auspichiamo è che con l’arrivo di Zaza non si vada ad aprire un caso visto l’investimento fatto dalla società. Di certo con Belotti, Zaza, Falque, Ljajic, Edera e Parigini il tecnico ha un reparto d’attacco numeroso, eterogeneo ed invidiabile rispetto a qualunque altra squadra, anche di livello superiore, che permette anche di essere competitivi in Coppa Italia.


Vincenzo Chiarizia, giornalista di fede granata, collabora con diverse testate abruzzesi che trattano il calcio dilettantistico, per le quali scrive e svolge telecronache. Quinto di sei figli maschi (quasi tutti granata), lavora e vive a L’Aquila con una compagna per metà granata.

44 Commenta qui
  1. FVCG'59 - 2 mesi fa

    Quante squadre, a livello Toro, possono avere due come Ljajic e Falque?
    Per l’allenatore sono moduli, schemi, alternative almeno doppie; poi si consideri che una stagione è lunga: la forma, infortuni (incrociamo le dita) creano meno problemi se ne hai due di questo livello.
    Non dimenticherò possono anche coesistere, come abbiamo visto bene contro l’Inter…
    Senza due come loro, non potremo mai ambire a nulla d’importante, perché ci vogliono quelli che CREANO il gioco per vincere. Con quelli che sanno solo distruggerlo, non vai da nessuna parte!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 2 mesi fa

      …e viceversa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dattero - 2 mesi fa

    rob 701,mi piace l’asimmetria del 352,sa molto di futurismo! il resto era solo rimarcare come la zelanteria pro compaia se uno esprime opinioni diverse.
    il problema a sx c’e’,dai,se poi vogliam sperare in Parigini,che finora ben poco ha dimostrato,vabbe,ma consentimi il dubbio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 2 mesi fa

      io credo che si debba distinguere il ruolo, chi come noi commenta dice le sue sciocchezze, chi lo erge a mestiere dovrebbe pensarci prima di dirle, e l’articolo ne è zeppo, ma non per le idee , ma perchè non conidera le parole del mister, i fatti (ljaic ha fatto pancha lo scosro anno quando giocavano in 3 più offensivi) quando fa finta di credere che a un giocatore di primo livello lo fai sentire importante solo se gli parli, e non conta se gioca o no….
      a sx c’è il problema hai Aina, Berenguer ,Parigini, Djidji, con Ansaldi infortunato, e se la società lo ritiene necessario hai una serie di svincolati a cui attingere per tappare il buco…
      Hrvoje Milic, ex Fiorentina e Napoli, l’ex Spal Boukary Dramé, i due ex juventini Patrice Evra e Paolo De Ceglie, l’ex Metz Benoit Assou-Ekotto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 2 mesi fa

        Drame riserva di ansaldi lo prenderei

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. verarob_701 - 2 mesi fa

    Scusa dattero….io non faccio di mestiere quello di scrivere articoli, se lo facessi, racconterei i fatti e in parte li giudicherei, altrimenti si tratta di un parto della mia fantasia e si chiama narrativa…
    le cose che scrive dimenticano i fatti….
    Tutte le squadre hanno generalmente un doppione per ruolo, chiaro che se uno si infortuna hai un cambio in meno, noi abbiamo un 352 asimmetrico dove a seconda degli avversari può giocare a sx un giocatore più offensivo quindi berenguer o parigini, ma per conoscenza dello scrivente, e magari tua djidji ha fatto anche il terzino sx.
    Un arrivo come quello di Zaza, è stato sicuramente approvato dal mister che aveva una sola punta vera e 3 trequartisti edera compreso più diversi adattabili..
    Se ljaic non gioca perde la nazionale, e non saranno certo le paroline dolci a farlo contento, e non credo cairo sia il tipo (unica accusa che non gli sia mai stata posta) , di “fare la formazione” al mister che lo scorso anno ha già mostrato la sua preferenza per iago…quindi se vuoi tenere ljaic lo fai, lo fai giocare spezzoni o forse no, contando che in alcune partite giocherai con zaza e belotti e iago primo cambio, e vediamo quanto dura,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 2 mesi fa

    il sig chiarizia esprime un parere scrivendo un art e subito i pasdaran del capo parlano di cartucce sparate,art contro la societa,ironie squallide e banali.
    Signori devoti alla proprieta’,non abbiatene male,ha espresso un parere,semplicemente un parere,un po’poco x avere attacchi d’orticaria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. LeoJunior - 2 mesi fa

    faccio una considerazione. Credo che tutti riconosciamo a Cairo almeno una capacità: quella di saper valorizzare bene quello che ha e vendere al meglio. E secondo voi uno come Cairo piazza una frase di quel tipo in fase di trattativa? Dichiarando al potenziale acquirente che si sta trattando un giocatore in esubero …. quindi vale meno! Ma vi pare possibile?
    Io credo che abbiano deciso di tenerlo, salvo offerte irrinunciabili. Questi sono messaggi a lui, al suo entourage, WM. Non lo sappiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ToroFuturo - 2 mesi fa

    Condivisione piena dell’articolo. Aggiungo solo che il modulo principale si sceglie in base ai giocatori e non alle fissazioni dell’allenatore. Sei hai 4 grandi giocatori in attacco ne schieri 3 e non vai da società e giornalisti a dire sostanzialmente che non sai che fartene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eddie_guerrer_886 - 2 mesi fa

      Secondo il mio modesto parere, Mazzari sta buttando le mani avanti. Così se fa un bel campionato, se ne prende il merito e se fallisce come Miha, può sempre dire che lui aveva chiesto una squadra più snella perchè era difficile gestire una rosa numerosa. Speriamo bene
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. SemperFidelis - 2 mesi fa

    La rosa del Toro quest’anno vede poca differenza tra titolari e riserve tranne sugli esterni di centrocampo dove la differenza c’è e tanta.
    Detto questo Mazzarri secondo me deve trovare ancora il modulo e i titolari per far rendere al meglio il Toro.
    Con un 3 4 3 o un 4 3 3 Ljajic sarebbe titolare con un 3 5 2 riserva con infortuni, squalifica, rotazione per rifiatare o scarsa forma di Iago Ljajic sarebbe titolare.
    Io personalmente lo terrei poi come l’anno scorso Walter capirà che Ljajic è una risorsa indispensabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 2 mesi fa

      la società su indicazioni del mister ha fatto campagna acquisti per il 3 5 2 o un 3 4 1 2 , ma adesso deve fare un gioco diverso..? e con il 3 5 2 gioca ljaic e non zaza?…. fermo restando che Soriano o Baselli puoi alzarli…uno dei 2 tra ljaic e iago DEVE sapere che giocherà non molto…e lo deve ACCETTARE e dei 2 ljaic viene considerato dopo ….da quello che fa la formazione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granata - 2 mesi fa

    Chiarisca, le ricordo che Cairo ha aggiunto anche altro. Lo so, per lei è difficile ammettere che il suo pensiero su Cairo è a zig zag. A seconda delle cose dette a volte Cairo è credibile, altre è falso. Quando Cairo dice che lo vorrebbe tenere, perché lo ha detto, è falso ? E quando dice che non sa se Ljiajic accetterà di giocare poco è credibile ? Saluti sig. Chiarizia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. verarob_701 - 2 mesi fa

    Mi chiedo sempre se per scrivere articoli sia necessario essere in malafede o solamente fregarsene assolutamente di quello che la realtà mette in tavola.
    Il Toro quest’anno giocherà spesso con 2 terminali offensivi, a volte con 3, lo ha detto chi li mette in campo più e più volte.
    Belotti non si tocca, e la fisicità di Zaza sono inarrivabili, e tra Iago e Ljaic Mazzarri preferisce il primo.
    A parte ciò, fermo restando la partenza di Niang ancora tutta da fare, in rosa ci sono Edera che molti vorrebbero addirittura più utilizzato, Damascan e Parigini…
    Ljaic è la quarta possibilità a disposizione, che piaccia o no,per chi lo deve far giocare, si sta giocando un posto nella nuova nazionale post mondiale serba, e non credo gradisca la sitazione attuale, poi se non si incastreranno le caselle potrebbe anche restare, e considero anche il suo stipendio.
    E non è un problema di testa matta o no, anche se mi fa morire che quando era un leader incontrastato non si filava i tifosi e adesso si ferma a fare i selfie, il problema è avere uno spogliatoio al meglio possibile, ma non credo ci voglia molto a capirl…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 mesi fa

      liaij va bene con il 3412 o comunque dietro le 2 punte.

      In questo caso credo sia molto piu’ il ruolo di liaji che non di falque che di fatto puo’ forse fare la seconda punta o l’ala dx .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ddavide69 - 2 mesi fa

    questo mercato fà sempre piu’ schifo.

    Che senso ha : uno chiude il 17/08 , l’altro il 31/08 poi ci sono gli svincolati poi quello breasiliano …ma che cazzo!

    Ma è possibile che non riescano ad uniformare la chiusura di tutti i mercati che iniziano e finiscono in una data stabilita e valida per tutti ???

    Che manica di imbecilli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. daunavitagranata51 - 2 mesi fa

    ho appena letto che Ljajic ha dato il via per un trasferimento in TURKIA, SPERIAMO SIA UNA BALLA GIORNALISTICA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 mesi fa

      Se và via è una perdita , non ci sono scuse.

      Poi , un giocatore che a questi livelli li viene GARANTITA la titolarità non si puo’ sentire .

      Per me è una balla , ma se fosse cosi’ allora liajic è un minchione.

      Piacerebbe per una volta sentire le parole del diretto interessato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. granatadellabassa - 2 mesi fa

    @Kyr
    Ti ricordo che lo scorso dicembre Mihajlovic lo ha mandato in tribuna per Lazio- Torino perché aveva avuto dei brutti atteggiamenti in settimana.
    Ti pare normale per un professionista strapagato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kyr - 2 mesi fa

      Attenzione, non sto dicendo che lui in realtà sia uno caratterialmente perfetto, uno buono e tranquillo. So bene che ha i suoi momenti da “testa calda” e credo sia molto difficile da gestire, ma se penso ai giocatori di classe, non me ne vengono in mente molti di tranquilli… Quello che voglio dire è che su di lui gravano una serie di pregiudizi solo in parte corrispondenti alla realtà, ma spesso frutto di altri fattori (quali il modo in cui si fa informazione sui media o la “cultura” del tifoso di calcio medio).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. iard68 - 2 mesi fa

    Edera e Parigini, in serie a, contano ancora poco più di zero… quindi, con Ljajic, ci sono giusto i 4 richiesti da Mazzarri. E allora dov’è il problema? Il problema, quello vero, è che Adem non piace al tecnico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. toroscatenato - 2 mesi fa

    Altre perle di saggezza inarrivabile
    Illuminante come faro spento di Petrachi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Kyr - 2 mesi fa

    La storia di Ljiajic testa matta, come la storia della discontinuità hanno stufato.
    Io credo che Adem sconti anzitutto la cattiva nomea che si è creato in passato, in occasione del diverbio con Delio Rossi (ma non mi risulta che all’Inter o alla Roma abbia fatto più nulla del genere).
    In secondo luogo, sconta l’diosincrasia dei tifosi del Toro nei confronti dei giocatori di classe, quelli che con la giocata elegante e il colpo di genio possono risolverti la partita (un esempio su tutti, facendo le dovute proporzioni, è Rosina, praticamente mandato via dalla curva); sembra quasi che nel Toro puoi giocare soltanto se sei aggressivo e magari ti becchi pure qualche cartellino per un’entrata dura (anche qui, gli esempi di giocatori diventati idoli dopo un rosso non mancano). La verità è che nel calcio servono sia i giocatori aggressivi con i piedi meno educati, sia quelli di classe e di genio.
    Infine, secondo me, dietro l’antipatia che molti provano nei confronti di Ljiajic c’è anche un fondo di razzismo: su questo stesso sito ho visto più volte l’epiteto “zingaro” o, spesso e volentieri, il richiamo alla sua nazionalità.
    Ditemi che ne pensate.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 2 mesi fa

      Bravo. Bel commento. Ben pensato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 2 mesi fa

      Sulla discontinuità molto influiscono il pensiero di firme e commentatori del calcio. Perché dico questo ? Semplice, ho visto migliaia di partite dal vivo, campioni che davano del tu al pallone ma ricordo solo un giocatore costante nel rendimento e nell’impegno , Maradona. Gli altri, TUTTI, avevano pause più o meno lunghe durante il match ma nessuno li ha mai criticati. Mi riferisco ai francesi strisciati, a Pirlo, etc etc. Adem paga anche questo. I tifosi del Toro non hanno mandato via Lentini, Junior, Francescoli, Martin Vazquez etc etc probabilmente influiscono atteggiamento e comportamento extra-calcistico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. verarob_701 - 2 mesi fa

        a parte i comportamenti fuori campo, i giocatori che hai citato erano titolari certi, ljaic oggi è giustamente o no la quarta scelta

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 2 mesi fa

        @verarob, il punto non è la titolarità o meno ma l’accettare giocatori di talento rispetto a giocatori di pura grinta

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Se Ljajic è disposto a sopportare la possibilità di giocare poco e niente senza rompere le scatole, allora è il benvenuto. Bene ha fatto Cairo a dichiararlo pubblicamente. Patti chiari e amicizia lunga.
    Vale per Ljajic come per chiunque altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Fabio - 2 mesi fa

    Altro articolo pro Ljajic, uno dei tanti, dei soliti, che sono parte di una campagna mediatica che sa di regime. Da sempre, la propaganda insegna che, ribadire cento volte una menzogna, fa di essa un’assoluta verità. Continuare con le menzogne, però, non servirà mai a fare di questo giocatore sopravvalutato un elemento utile alla causa Granata, se poi sia utile per altri scopi non lo so ma non mi sento certo di escluderlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

      Diciamo che fa comodo ai maicuntent, ampiamente tacitati dal mercato di quest’estate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 2 mesi fa

      Ci sono elementi nel tuo commento assolutamente condivisibili ma anche altri quantomeno discutibili. Vorrei soffermarmi sui numeri. Numeri che si devono prendere per come sono. Mi sai dire chi , al pari o meglio di Ljiajic, ha contribuito alle marcature della squadra ? Così facendo, analizzando i numeri, abbiamo un parametro fisso per determinare sopra o sotto valutazione del singolo. Sei d’accordo ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. eurotoro - 2 mesi fa

    non e’ facile trovare un altro trequartista di pari tecnica di lijaic…soprattutto a 7 milioni quanto era costato ai sui tempi…ci rifletta bene la societa!…poi non sarebbe il caso di prendere un terzino sx. svincolato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlin - 2 mesi fa

      Non era meglio tenere Barreca?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

        Barreca era chiuso da Ansaldi e ora sarebbe stra-chiuso da Ola Aina, e voleva andarsene.
        In cambio ci siamo presi Meité che mi sembra un ottimo colpo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

    Con le dichiarazioni a metà di Cairo e di Ljajic i giornalisti ci sguazzano felici.
    “Non so se è disposto, ma dipende da lui” dice Cairo, “Io vorrei restare, ma non dipende da me” risponde l’altro.
    Che cosa ne deduciamo per logica? Che Ljajic non ha il posto garantito, come non ce l’ha nessuno in attacco, a parte il Gallo (e aggiungiamo per ora); che Ljajic è tutta l’estate che si guarda intorno ma non ha ancora trovato una squadra di suo vero gradimento; che Cairo, piuttosto che tenere al Toro un giocatore demotivato preferirebbe venderlo e rientrare dei soldi spesi per altri o da spendere in riscatti; che Mazzarri non vuole rogne in spogliatoio e troppe primedonne sono un rischio.
    Resta il fatto che l’allenatore manda in campo il giocatore in una partita importante e che il giocatore da parte sua gioca bene e si impegna. Non solo, ma Ljajic si impegna anche in allenamento e si ferma, udite udite, a fare selfies e firmare autografi, cosa abbastanza insolita per lui.
    A me pare di capire che sia in corso una trattativa sotterranea, non tanto rivolta verso l’esterno, quanto piuttosto tra i tre soggetti, Cairo, Mazzarri e Ljajic, ognuno dei quali sta cercando di far valere i propri diritti e di ricavare il maggior vantaggio possibile: se verrà trovata una quadra soddisfacente per tutti il giocatore resterà, sennò lo saluteremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-14003131 - 2 mesi fa

    Concordo su tutto articolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Conterosso - 2 mesi fa

    A proposito, sento tanto parlare di testa matta riguardo a Liajc (mi sa però che fino ad oggi a Torino non sia mai andato fuori di testa), ma vi ricordate chi c’era nel Toro di Mondonico? Bruno, Policano, Lentini Casagrande Aguilera!! E vi ricordate dove arrivò quel Toro? Bene, Liajc è un santo in confronto a questi. Lo si deve confermare ad ogni costo perché per noi è un valore aggiunto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Conterosso - 2 mesi fa

    Voglio porre un quesito: ci indeboliamo maggiormente se va via Liajc o se andassero via Baselli e Rincon insieme? Che poi sarebbero quelli che hanno dato meno al Toro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. daunavitagranata51 - 2 mesi fa

      Baselli e rincon io li avrei venduti subito e ljajic punto fermo del toro, forse ljajic qualche volta si è comportato da prima donna, ma è uno che ti risolve la partita, ti rimbambisce gli avversari come pochi sanno fare in campionato, mazzarri mi stupisce un po come puo insistere su un centrocampo a 5 con due come rincon e Baselli, sti due a me proprio non mi vanno giù,

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. rokko110768 - 2 mesi fa

    Iago e Ljajic servono dare scelte e variazioni in corso alla partita. Ad oggi far partire Adem sarebbe davvero un peccato, al netto della volontà del giocatore che traspare forse fino ad un certo punto.
    Probabile che Adem preferisca restare con determinate garanzie piuttosto che andare in Turchia. Probabile anche che le garanzie che richiede non siano così attuabili ad oggi, ma se si rende disponibile alla rosa e non fa la testa matta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. GlennGould - 2 mesi fa

    Articolo chiaramente contro la società. Ma che denota la assoluta autonomia di toronews, è questa è indubbiamente una cosa positiva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

      Diciamo che Chiarizia spara le ultime cartucce a sua disposizione.
      Ha criticato i vari Meité, Ola Aina e Bremer ed è stato smentito dalle loro prestazioni.
      Ha criticato il mercato e sono arrivati l’ultimo giorno i colpi Soriano e Zaza.
      Ora non gli resta che far leva sull’eventuale partenza di Ljajic e sull’arrivo tardivo (ma ampiamente preventivato da Petrachi e giustificato da tante dinamiche di mercato) di due giocatori importanti, tenendo in caldo per il futuro l’ultimo argomento denigratorio, l’inserimento di Zaza.
      Sinceramente lo vedrei molto bene per qualche trafiletto su Tuttosport, Chiarizia, non Zaza, neh.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. da sempre Toro - 2 mesi fa

    Cairo, leggi l’articolo e capirai che devi blindare oltre Falque anche Ljialic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

      Certo che se Cairo deve leggere Chiarizia per capire il da farsi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy