Il Toro e la spaccatura dei tifosi sull’operato del presidente

Il Toro e la spaccatura dei tifosi sull’operato del presidente

Occhi Sgranata / Torna la rubrica di Vincenzo Chiarizia: “Il presidente è stato in grado, con la sua gestione di tredici anni, di spaccare la tifoseria in due tronconi”

di Vincenzo Chiarizia
Cairo, Superga

Il ritiro di Bormio è terminato, la campagna abbonamenti è partita positivamente anche se il mercato non ha partorito botti significativi. Mancano sempre il vice Belotti, due centrocampisti e due laterali, oltre a latitare le cessioni dei giocatori ormai in esubero come Acquah. Quel che è certo è la spaccatura sempre più evidente che si è venuta a creare tra i tifosi. Tremendismo Granata, è il nome del gruppo Facebook i cui amministratori hanno avviato la petizione sulla piattaforma change.org  che invita il presidente Cairo a vendere il Torino. Ciò che stupisce è che subito dopo è partita un’altra petizione a tutela del presidente che mira a raccogliere le firme per invitare il presidente a restare al timone del Toro

Non voglio entrare nel merito delle petizioni, perché ognuno ha la sua idea e non vuole essere questo il luogo per gettare benzina sul fuoco di un’annosa diatriba tra tifosi. A prescindere da chi abbia ragione, l’unico dato ineccepibile della gestione di Urbano Cairo è quello che il presidente è stato in grado, con la sua gestione di tredici anni, di spaccare la tifoseria in due tronconi. Ecco perché non è così forte né la contestazione né lo sono gli attestati di stima.

E’ davvero strano che in passato mai nessun presidente si riuscito a spaccare in due così la tifoseria. Tra i detrattori ci sono quelli che gli rinfacciano le numerose promesse disattese, mentre chi lo difende si accontenta del Toro attuale temendo un destino nefasto come quello del Parma di qualche anno fa, del Cesena o del Bari. Gli stessi tifosi non riescono a fare una sintesi perché oggettivamente la verità è nel mezzo. Ad esempio l’Atalanta non è una società più ricca del Toro, eppure investe in strutture e giocatori molto più del Toro. Dunque chi contesta ha le sue ragioni e teme che non ci sia una reale volontà di rafforzare la rosa a disposizione di Mazzarri. Ad esempio perchè non affondare davvero il colpo su un giocatore svincolato, ma di sicuro affidamento, come Milan Badelj. L’ex viola alzerebbe il tasso tecnico della mediana granata, ma pare che il Toro non sia interessato al giocatore. Per quale motivo? Dopo tutto più di una volta la Fiorentina di Pioli l’anno scorso ha giocato con il 3-5-2.

Per quanto riguarda invece chi difende il presidente si evocano veri e propri incubi del passato granata. In primis la gestione Cimminelli o la fine dell’era di Sergio Rossi, contestato dai tifosi, che poi lasciò la società a Gerbi che portò il Toro in B. La società fu ripresa da Borsano che fece sognare letteralmente i tifosi granata, ma la sua gestione fu sconsiderata dal punto di vista finanziario, tanto che la situazione precipitò con le gestioni di Goveani, Calleri Vidulich e, infine, Cimminelli.

Forse per riunire i tifosi così polarmente distanti, basterebbe poco a Urbano Cairo e cioè rafforzare la squadra senza necessariamente andare in rosso, e ingaggiare giocatori come il croato Badelj. Basta mostrare la volontà di fare aumentare il tasso tecnico della rosa, per riunire il tifo granata. Allora attendiamo fiduciosi in questi 24 giorni. Al presidente la decisione di riunire il tifo granata.


Vincenzo Chiarizia, giornalista di fede granata, collabora con diverse testate abruzzesi che trattano il calcio dilettantistico, per le quali scrive e svolge telecronache. Quinto di sei figli maschi (quasi tutti granata), lavora e vive a L’Aquila con una compagna per metà granata.

166 Commenta qui
  1. rza78 - 5 mesi fa

    Hagakure dobbiamo accettare il fatto che quel mondo non esiste più. Quella curva non esiste più. Prova a sentire in giro che cosa ne pensano le altre tifoserie della nostra…una volta temuti e rispettati oggi DERISI. e la accettazione passiva della attuale gestione è la normale e logica conseguenza. forse sbagliamo anche noi a non accettare questa realtà e questa presidenza che comunque pur non volendo ambire all’Europa (se non per caso fortuito) tutto sommato ha riportato la squadra a livelli accettabili. Io farei contestazione dura per questo mercato che giudico indecente ma alla fine dubito che servirebbe a qualcosa. La gente si abbona e batte le mani ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 5 mesi fa

      La rassegnazione è il pane di chi è caduto troppe volte e si è dimenticato il sapore del cielo. (Taras Mithrandir)

      Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva. (Rita Levi-Montalcini)

      La differenza tra il successo e il fallimento è nel non rassegnarsi.
      (Steven Redhead)

      A volte senti la rinuncia come la cosa più facile da fare. Ma la cosa più facile non ha mai prodotto qualcosa di più che un giardino pieno di erbacce. (Richelle E. Goodrich)

      Mai rassegnarsi ad una vita di quieta disperazione. Ciò che chiamiamo rassegnazione non è altro che disperazione cronica. (Henry David Thoreau)

      Le persone che mi fanno più tristezza sono quelle che una volta sapevano cosa fosse la profondità, ma poi hanno perso o sono diventate insensibili al senso della meraviglia, quelle che hanno sentito le proprie emozioni andarsene via e non gliene è importato niente.
      (Douglas Coupland)

      Dall’abito della rassegnazione sempre nasce noncuranza, negligenza, indolenza, inattività, e quasi immobilità.
      (Giacomo Leopardi)

      La rassegnazione è un suicidio quotidiano.
      (Honoré de Balzac)

      Nessuno è mai sconfitto fino a quando la sconfitta non viene accettata come realtà. (Napoleon Hill)

      Chiaro…???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Hagakure - 5 mesi fa

    Mi piacerebbe molto che tutti coloro che criticano e/o insultano gli anti-Cairo o che criticano e deridono le petizioni che ne chiedono l’uscita e la vendita della società e relativi firmatari, e che, inoltre, lo difendono a spada tratta come se si trattasse del “filantropo più buono ed onesto” mai apparso sulla scena calcistica, abbiano il coraggio di fare una petizione del genere “Cairo noi vogliamo che tu resta ma investi di più nella squadra” o altri titoli (a scelta), anzichè accontentarsi pietosamente delle briciole e di una società completamente succube dei potenti e gestita soltanto per generare valenze e quattrini con risultati sportivi pressochè nulli.

    Abbiate questo coraggio, anzichè continuare a chiaccherare, spesso a vanvera, o perlomeno dimostrate di essere dei Tifosi del Toro Veri e chiedete, com’è giusto che sia, che la squadra possa essere costruita in modo tale da riuscire ad ambire a traguardi sportivi consoni al suo Blasone e alla Sua Gloriosa Storia.

    Non vi sembra giusto.

    P.S.: per quelli che invece non hanno alcun coraggio ma ritengono che questa società e questa squadra debbano continuare a vivere nella mediocrità, nell’anonimato e nella sudditanza, di qualsiasi genere, scusate se ve lo dico, ma voi del DNA Toro non avete nemmeno la punta di un unghia incarnita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 5 mesi fa

      Non capisco allora perché una petizione in questi termini, che sarebbe stata firmata non da 3000 ma da 30000 tifosi non l’abbiano fatta gli anti Cairo come primo segnale. Quello sarebbe stato un metodo corretto e soprattutto non divisivo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 5 mesi fa

        Eppure la differenza è semplice tra chi è stufo marcio delle cialtronerie di costui e delle continue prese per i fondelli in termini di mercato e obiettivi sportivi, nonchè servilismo verso lo sterco bianconero e altre squadre più blasonate al solo fine di fare valenze e quattrini assortiti.

        Dunque fiducia terminata e fuori dai cabasisi lui, le sue società e il suo gruppo editoriale. Mi pare una presa di posizione ben chiara, precisa, trasparente e sincera.

        Piuttosto chiedilo agli altri tifosi, quelli che tanto parlano a vanvera di “progetto di crescita a picolissimi passi” e altre corbellerie, che lo difendono e lo osannano chiamandolo “filantropo e salvatore” (che cosa ha salvato poi, visto che ha lasciato fallire il vecchio Torino Calcio ha poi acquistato, per quattro soldi, i Suoi Resti, appiccicandoli addosso alle maglie della sua squadra) perchè non hanno nemmeno il coraggio di farla quella petizione che ho evidenziato sopra.

        Questi a “chiacchere e distintivo” non li batte nessuno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Trapano - 5 mesi fa

    Ho letto che qualche utente sostiene, non solo su questo sito, che la “contestazione” (in realtà è solo una semplice petizione) è stata promossa da una “piccola minoranza” di tifosi maicuntent: il risultato è 2941 firme contrarie al parolaio e ben 264 favorevoli (10 min. fa!). La “minoranza” del 91,8% saluta la maggioranza indiscussa dell’8,2%, riconosce la sconfitta e si inchina ai vincitori! Certo che, se arrivasse Antonelli, andrei subito a firmare pro-nano.. coraggio..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 5 mesi fa

      Lol la stessa cosa che ha fatto Cairo, interpretando i numeri a proprio favore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. SiculoGranataSempre - 5 mesi fa

    Ma non era più semplice fare una petizione con la richiesta di un buon centrocampista e di un esterno vero? Avrebbe avuto non 2600 firme, ma 26000! Compresa la mia. Metodi sbagliati per meriti legittimi. A questo gioco al massacro io non partecipo… Cit.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13797744 - 5 mesi fa

      Azz … vuoi delegittimare il mister non avendoli chiesti? Pesaro c’è

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SiculoGranataSempre - 5 mesi fa

        Non credo che Mazzarri non chieda un terzino. Abbiamo una rosa con 8 dico otto centrali di ruolo, compresi Ferigra e Aieti, e solo due terzini.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13891419 - 5 mesi fa

    se ogni volta fossi coperto da insulti..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13891419 - 5 mesi fa

    Ac Torino, nessun rancore.. non ce l’ho con te e scusa se sono sembrato un po aggressivo.. se uno vuole firmare firma, ci mancherebbe.. sono gli insulti che non vanno bene e su questo forum di insulti se ne leggono ogni giorno.. poi è vero che si generalizza, ma lo si fa per non mettersi a fare la guerra con nessuno.. io non mi sono mai permesso, si può discutere su tutto, su Cairo se fa bene o potrebbe fare meglio.. ma sempre fra le righe.. oltretutto mi hai detto che hai 63 anni, per cui personalmente ho sempre avuto solo rispetto soprattutto per le persone più grandi di me. e lo stesso rispetto bisogna averlo per chiunque.. anche io nella vita faccio degli sbagli, ma mica sarei contento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      Benvenuto fratello!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Esempretoro - 5 mesi fa

    Una parola sulla spaccatura. Personalmente non ho nulla contro Cairo,la sensazione di essere “sicuri”economicamente in questo periodo economicamente è una gran cosa,ma il fatto che non si investa un tantinello in più la dice lunga sul vero desiderio di misurarsi almeno su un livello “possibile”.
    La parte che sostiene Cairo ha la mia comprensione,vogliamo tutti la stessa cosa,in fondo…ma non porto l’anello al naso,serve più serietà nelle dichiarazioni,ogni tanto il pres esce con delle frasi che farebbero incaxxare anche il Dalai Lama…ciao a tutti e Forza Toro!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Esempretoro - 5 mesi fa

    Leggo di salvataggi del nostro Torello che denunciano carenze di conoscenza della storia…
    Ci siamo salvati dall’Inferno grazie alla follia dei signori Marengo,Rodda e Bellino. Cairo non esisteva ancora…
    Persino i primi soldi veri per la ricostruzione e la gestione dell’emergenza furono versati dal tanto vituperato Giovannone. Già,perché i grandi “cuori granata”di concreto fecero un beneamato ciufolo (vogliamo parlare dei Vip che si sfilarono in quel periodo?). Chiamparino,l’assessore Peveraro e i membri del primo cda,persino il vecchio personale del Cimmi…
    La storia è importante,ciò che siamo ora è determinato da ciò che siamo stati. L’azionariato popolare,inserito nel programma dei lodisti,fu uno dei primi punti a saltare quando Urbano I salì al trono.
    Scelta chiara:”Si fa come dico io…”;bene,scelta assolutamente legittima,ma dopo qualche annetto e un mare di fanfaronate,possiamo dire che il tifoso magari abbia qualche aspirazione in più? Ed inoltre nessuno vuole Iniesta o Kroos,ma un centrocampista “sicuro”è così difficile averlo? Mica per vincere il campionato,ma almeno per non farci prendere a pallate dall’Atalanta o mollare 4 punti al Verona…ma di cosa parliamo???? FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13891419 - 5 mesi fa

    io ho il numero perché mi sono iscritto dal telefono e dal telefono il nick non riesco a metterlo.. ti basta come spiegazione?? vedi come siete? se uno parla bene di cairo forse non è del toro.. a voi veri tifosi bisogna dare delle spiegazioni.. le pretendete dal proprietario della squadra, figuriamoci da un poveretto che ha il numero e non il nick.. fai una cosa, scrivitelo (o schedalo come preferisci) il mio numero, finisce con 419, così la prossima volta saprai chi sono.. e cmq mi chiamo Andrea, sono del Toro da quarant’anni, ho giocato nel Toro e non conosco Cairo, ma non so se potrai crederci.. sarò sicuramente un infiltrato gobbo, aspettami, dammi la caccia.. ricordati il mio nick numero, mi raccomando.. e vai a firmare, firma due volte, tanto avete ragione voi.. non avere mai dubbi..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      io non sono come dici e ti credo, tu sei autentico altri no.Ne sono venuti molti
      non sempre chi non la pensa come te deve essere scorretto come racconti., anche tu generalizzi come lo imputi agli altri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      qindi chi firma e non la pensa come te sicuramente firma due volte e tutte quelle firme sono fasullle a suma post, io ho 63 anni caro fratello, non venirmi a raccontare queste cose.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13891419 - 5 mesi fa

    ma perché? tu che ti chiami Ac Torino si capisce chi sei??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      cemplicemente se tu hai un nick quando posti ci ricordiamo chi sei. Come si fa a ricordare un numero?
      Poi questo (il numero) puo’ voler dire che hai appena creato l’account e visto che siete tanti, posso pensare che sono account solo per mordi e fuggi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13891419 - 5 mesi fa

    mai mi sentirò meglio di un altro.. vincono i giocatori im campo, vince il presidente, l’allenatore e tutti coloro ruotano dietro alla squadra, non vince chi guarda la partita dagli spalti o dal divano.. mi sentirei un gobbo, loro, i tifosi si sentono di essere i migliori perché la loro squadra vince, come se anche loro fossero in campo con ronaldo o Higuain.. e io li guardo pensando: ma non vedi che vinci xche ti compri tutto?? e io mi dovrei sentire inferiore perché non ho i soldi x comprare ronaldo??
    e dovrei prendermela con cairo?? ma se non investe e perché avrà le sue ragioni no?? ma a chi dovrebbe rendere conto? a un pincopallino che spende 200 euro di abbonamento ?? il calcio è uno spettacolo: se vuoi guardarlo paghi e vai allo stadio se no non ti obbliga il dottore il dottore a guardare il toro.. fai altro, o se no ti prendi quello che ti offrono. È semplicissimo il discorso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Madama_granata - 5 mesi fa

    Non sono clonata, sono proprio io, e non ho neppure raccontato una favola, ma,
    secondo me, parlato della realtà, nuda e cruda! Semplicemente CREDO ancora in un mondo dove chi, con qualunque mezzo, sbaraglia la concorrenza e sconfigge il nemico (non più l’avversario), non sempre è un vincente(tale comportamento non vi ricorda una certa squadra in particolare?!).
    Apprezzo ancor oggi quei genitori che, quando il figlio non è sempre un vincente,(il Toro metaforicamente è anche un po’ un nostro figlio!) lo amano di più, non quelli che gli dicono di vergognarsi e lo invitano a picchiare e sgomitare per vincere ad ogni costo! BUONA SERATA A TUTTI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      ma questo e’ un’altro discorso…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mozzo - 5 mesi fa

      Madama c’hai rotto le p**** con le tue lezioni di vita sulla mediocrità

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 5 mesi fa

        Se tu non sei un mediocre, e ti danno fastidio le mie idee, basta non leggermi! Buona serata

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

          Madama granata, mi vergogno io per quanto cafoni siano certi personaggi. Molto spesso condivido i tuoi pensieri e ti invito a continuare con il messaggio di vita che il nostro ideale di Toro ci suggerisce.
          Saluti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Madama_granata - 5 mesi fa

            Grazie! Sono una che non molla mai. Non pretendo né di essere saggia, né di avere la verità in tasca, ma non rinuncio ad esprimere le mie idee, sempre nel rispetto di quelle ALTRUI!Buona serata!

            Mi piace Non mi piace
  13. user-13891419 - 5 mesi fa

    Mi riallaccio ancora una volta a madama granata il quale post condivido al 200%.. e infatti è sacrosanto quello che lei dice.. e aggiungo: se il toro vince sto bene, mi metto di buon umore, se sono allo stadio mi diverto ma mai e poi mai m

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      permettimi di credere che sei uno chesalta fuori solo ora e non so se sei granata o vieni solo a diferndere qualcuno.
      Troppa gente sta venendo a difendere il pres con nick nuovi…
      mettetevi un nick e non nascondetevi dietro ai numeri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. A.C. TORINO - 5 mesi fa

    @MADAMA di la verita’, non sei tu, ti hanno clonato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. A.C. TORINO - 5 mesi fa

    mettiamola cosi’,
    prima denigravate quelli della petizione, ora che continuano a votare si fanno avanti le due scuole, una di quelli come drino-san che negano, che e’ tutto falso che non e’ possibile che siano in tanti, voti falsi insomma…
    parlapa’
    o gli altri, che cominciano a capire che ce ne sono che danno fastidio e allora vengono in riparo al loro caro presidente….
    la verita’ secondo me e’ che questa raccolta firme non sara’ un successo perche’ preparata male. ma iniziera’ a smuovere le ancue , quando sara’ finito il mercato allora si vedra’ il da farsi…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. One plastic - 5 mesi fa

    Direi che ci siamo spaccati sul non operato dal presiniente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. claudio sala 68 - 5 mesi fa

    È normale che ci siano spaccature tra i tifosi, perché ci sono punti di vista differenti. La mia critica è che Cairo non dedichi attenzione al Toro sempre, per cui in alcuni casi i suoi interventi sono tardivi. Anche sul mercato mi sembra che ci si muova in questo modo, per cui a volte perdiamo le occasioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Madama_granata - 5 mesi fa

    Uno di voi ha un piccolo capitale: un alloggio a To, monolocale al mare o ai monti, modesto conto in banca. Decide di investire una piccola cifra (proporzionata alle sue possibilità) in una società amatoriale di calcio, di basket, in una bocciofila: cosa volete voi. Amici, colleghi, vicini di casa, genitori dei compagni dei vostri figli: in tanti vengono a vedere le partitelle e si appassionano e tifano x la vostra squadretta.Tutti vi fanno i complimenti x il vostro impegno e il vostro investimento, va tutto bene. Poi, però, la vostra squadra talvolta perde: alcuni avversari hanno piu soldi e investono di piu! A questo punto chi vi aveva tanto lodato comincia a mugugnare, non ci sta a perdere, vuole primeggiare. Incominciano le critiche, sempre più aspre, fino agli insulti. Vi contestano, vi dileggiamo, vogliono che investiate più danaro… Alla fine pretendono che vi togliate di mezzo e che cediate ad altri la vostra piccola società sportiva.
    Che fate? Vi ritirate con la coda tra le gambe e lasciate che altri si impossessino della vostra “creatura”?
    Oppure, X compiacere chi ormai vi odia, ipotecate le vostre proprietà e date fondo al vostro conto in banca,rischiando di mettere nei guai la vostra famiglia e il di lei benessere?
    FATTE LE DEBITE PROPORZIONI, Ė RAGIONEVOLE CHE CHI NON PUÒ BRILLARE DI LUCE PROPRIA, E DEVE SPESSO INGOIARE DELUSIONI E SCONFITTE, PRETENDA CHE ALTRI SI ESPONGANO E VINCANO, SOLO PER POTERSI IMPOSSESSARE E VESTIRE DEGLI ALTRUI SUCCESSI, DELLE ALTRUI VITTORIE?
    SE IL TORO DIVENTASSE UNO SQUADRONE E VINCESSE COPPE E TORNEI, IL MERITO SAREBBE COMUNQUE DI ALTRI, NON NOSTRO! NOI POTREMMO FESTEGGIARE, PARTECIPARE, GIOIRE, COMMUOVERCI, ESALTARCI, MA SE NELLA NOSTRA VITA SIAMO DEI PERDENTI (degli “sfigati” direbbero i giovani d’oggi), TALI RIMARREMMO.
    SE INVECE SIAMO DEI VINCENTI, PERSONE ONESTE E SODDISFATTE, AMATE E STIMATE IN FAMIGLIA,
    SUL LAVORO E NELLA SOCIETÅ, NON SARÀ CERTO IL TORO A METÀ CLASSIFICA A SVILIRCI AGLI OCCHI DEL MONDO! PRENDIAMO IL CALCIO, IL NOSTRO TORINO, X QUELLO CHE E’: UN AMORE, UNA PASSIONE, UN’IDENTITÀ DI SQUADRA, UN SOGNO, TALVOLTA UNA GIOIA, ALTRE UNA SOFFERENZA, MA NON DIAMOGLI L’IMMANE PESO DI ESSERE LA CAUSA DEI NOSTRI SUCCESSI O DELLE NOSTRE SCINFITTE! . NON SE LO MERITEREBBE PROPRIO, POVERO, VECCHIO, CARO, AMATO, COMMOVENTE TORINO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 5 mesi fa

      La favola di Cenerentola, ma per favore cerchiamo di essere seri e di scendere nel mondo reale e non delle favole. Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-13797744 - 5 mesi fa

      Madama granata me pari clonata dai galoppini del dott Ferrauto , sei l originale ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. claudio sala 68 - 5 mesi fa

      Cairo non è un filantropo ma un imprenditore, per cui se ha comprato il Toro era per guadagnarci. Detto ciò concordo sul fatto che è inutile pretendere spese folli se non esiste la disponibilità.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      ma fami mac al piasi’……
      godiamo della nostra mediocrita’ alla Fantozzi e Filini.
      Sei stata clonata @MADAMA, lo so che non sei tu

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. RobertoDs63 - 5 mesi fa

      e nel frattempo con il monolocale al mare e il modesto conto in banca ti sei comprato la TV e il giornale del paese….Dai basta con queste cavolate…quando vuole, può!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. LucioR - 5 mesi fa

      Te lo dico con simpatia, posa il pintone che ti fa male.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Mozzo - 5 mesi fa

      Probabilmente sei una persona che vive nella mediocrità continua…se lo sei tu mica dobbiamo esserlo tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 5 mesi fa

        Beati quelli come te! Ricchi, belli, giovani, famosi, brillanti, intelligenti, affermati, amati, appagati, di successo, insomma! Cosa pensi: anche i mediocri come me hanno diritto di “tifare Toro” o è permesso solo al Leaders come te?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

          Uno che si chiama mozzo, su una barca non sarà un gran leader … quelli che si specchiano nella grandezza della squadra sono i gobbi, convinti di essere migliori perché sorretti dai risultati degli altri: ecco chi è misero di spirito, ma per carità, è libero di esserlo, solo sta un po’ in basso nella scala evolutiva.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Athletic - 5 mesi fa

        Raccontaci della tua vita, del tuo lavoro, dei tuoi successi imprenditoriali, visto che tu non vivi nella mediocrità, sono curioso.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Hagakure - 5 mesi fa

      Questa volta te lo devo proprio dire: fatti furba e non fare paragoni idioti che non stanno nè in cielo nè in terra.

      Cairo è entrato nel mondo del calcio come un normale pidocchioso imprenditore editoriale e ora, grazie agli accordi presi con lo sterco bianconero, a distanza di 13 anni si ritrova ad essere il proprietario del primo gruppo editoriale italiano per dimensioni e fatturato, per non parlare delle concessioni pubblicitarie che possiede in tutta Italia (guarda un po’ compresa quella per la pubblicità al merdastadium).

      Invece le cifre da lui spese nella sua società di calcio sono sempre le stesse, malgrado la sua immagine e potenza imprenditoriale (anche in termini di quattrini) sia cresciuta in modo esponenziale, come del resto i ricavi e le valenze ottenuti, ed i risultati mediocri e anonimi, limitati ad una salvezza tranquilla e alle posizioni più basse della parte sinistra della classifica che non coinvolgano una eventuale qualificazione in EL si ripetono con una puntualità impressionante.

      Ti è abbastanza chiaro, oppure sei anche disposta a negare l’evidenza…???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-13814870 - 5 mesi fa

    mi fa ridere la proposta azionariato popolare…coi tifosi del Toro… quelli là mi pare sono in 100 mila e noi qual’è il nostro massimo????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      Di certo almeno quelli che si abbondano allo stadio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. bergen - 5 mesi fa

    Così è, se vi pare.
    C’è un pezzo di verità in entrambi gli schieramenti.
    Soltanto che il vero problema non è Cairo, ma il calcio, che è diventato un’industria fallimentare. Specialmente in Italia, dove la torta dei diritti televisivi, che rappresenta la quota maggioritaria dei ricavi, vale la metà della Premier League, che peraltro fattura il doppio. Non ci sono investitori di rilievo perché l’investimento non è attrattivo, salvo che non serva per altri tipi di ritorni.
    Poi c’è il tema della trasparenza e delle regole, per cui il nostro paese sta al di sotto del livello di civiltà.
    Metà delle società di serie A sono tecnicamente fallite, la Federazione è allo sbando e la Lega ricorda una loggia massonica deviata.
    A chi mi ascolta (spesso straniero) provo ogni tanto a parlare di fair play finanziario (vero), tetto agli ingaggi (come l’NBA), sorteggio degli arbitri, etc.
    Mai si tratta di cambiamenti che possono nascere solo da un grande caos, che peraltro è alle porte.
    Nel frattempo bisogna rassegnarci a quel che passa il convento e cercare di avere visione. Roba difficile per chi come me non riesce a spiegare al proprio figlio di 8 anni perché essere granata è qualcosa che va molto oltre il tifo.
    Buona fede granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Andrea Valentino - 5 mesi fa

    Infatti i personaggi che tu citi sì è visto che fine hanno fatto perché tentarono di fare il passo più lungo della gamba. Borsano dovette lasciare la società nelle mani del tribunale fallimentare e Rossi dovette cedere la società con la scusa di una contestazione organizzata non si sa da chi ad una cifra molto bassa una società solida economicamente, rimettendoci anche del suo, forse per paura di fare la stessa fine di Pianelli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. BeuoGranata03 - 5 mesi fa

    Premetto che sono un ragazzino, non ho nemmeno 25 anni e l’unico Torino che ho visto è stato quello di Cairo, insieme agli ultimi anni di Cimminelli.
    Però secondo me va considerato il fatto che Cairo sta attuando una politica dei piccoli(ssimi) passi in avanti. Il monte ingaggi sta crescendo e continuiamo a fare colpi più costosi ogni anno.

    Beuo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torello_621 - 5 mesi fa

      Bravo. Sei giovane, ma intelligente. Ti auguro sinceramente le migliori fortune lavorative.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      sisi continua ad aumentare il onte ingaggi e i soldi spesi ma i risultati non cambiano, lo hai notato?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. FVCG'59 - 5 mesi fa

    L’unica soluzione è l’azionariato popolare dei tifosi, sullo stile del Barcellona: solo così il Toro potrà avere un futuro diverso dal languire in un “tira a campare” com’è destinato dall’attuale gestione.
    Non ce l’ho con Cairo anzi, a lui va il merito di aver salvato e ridato una parvenza di dignità a questa Società gloriosa. Questo però non basta più ai tifosi, perché hanno bisogno anche di sognare e credere in qualcosa di più del 9/10 posto o del lato sinistro della classifica. Ma non illudiamoci che arrivi l’arabo, il cinese o il tycoon di turno: se vogliamo che il Toro torni all’onore delle cronache sportive, solo i suoi tifosi lo posso fare.
    Contiamoci, una volta per tutte, e poi capiremo se l’utopia è realizzabile o meno (il Barça c’è ed esiste). FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. user-13746076 - 5 mesi fa

    Francamente non credo troppo alla storia dell’asservimento alla famiglia di Venaria. Ci fa affari, ma è diverso. Poi il baricentro della famiglia si sposterà sempre più fuori, credo che il post Marchionne porterà delle belle sorprese… Sai che gliene frega di Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. dattero - 5 mesi fa

    andrea valentino,bisogna vedere in quel mondo che succedera’,la morte di Marchionne non era preventivata,almeno non in queste tempistiche.
    Puo esser che vendano,che trasferiscano tutto,uso ovviamente il condizionale,che dismissionino,in quel caso l’avido speculatore sarebbe mal ciapa’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. blackmapan_465 - 5 mesi fa

    Luke90 ti rispondo qui. Quindi, secondo te, un aspirante acquirente straniero interessato all’acquisto prende l’aereo con una valigetta con i 300 milioni di euro, atterra a caselle prende il taxi e si presenta alla sede del Toro citofona e posa la valigetta sulla scrivania della segretaria di cairo e gli dice andiamo dal notaio a firmare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luke90 - 5 mesi fa

      No, penso che prenda un appuntamento e ci mandi uno o più avvocati o qualcosa che gli assomigli… magari locali…
      e fa la sua proposta… forse a cena o in un qualche albergo… non a Milano.. o a Torino…
      E per 300milioni .. ci va lui a casa dell’aspirante acquirente straniero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. blackmapan_615 - 5 mesi fa

        E non pensi che la prima cosa che facciamo è firmare un patto di riservatezza con tanto di penale?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Athletic - 5 mesi fa

          Il problema sta a monte, ovvero manca il magnate straniero. Ma detto questo, il patto possono anche farlo, ed entrambe si impegnano a non divulgare i dettagli, ma che la notizia non arrivi all’orecchio dei giornalisti è utopia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. user-13891419 - 5 mesi fa

    Brava Madama Granata.. e aggiungerei che non andrebbe (Cairo) neanche insultato. I soldi sono suoi, i rischi sono suoi e la società è sua. Bisognerebbe solo baciare dove cammina, i gobbi ci hanno fatto fallire già una volta e potrebbero farlo cento altre volte con il potere che hanno.. non capisco come non ci si renda conto di questo. Altro che vincere i derby, ringraziate che non ci fanno andare in promozione a giocare contro il Caselle!!!
    E poi vorrei vedere ognuno di quelli che lo insultano se fossero al posto suo, se accetterebbero insulti e “tentate imposizioni” da gente che pensa di conoscere tutto di calcio, finanza, movimenti bancari, accordi con le istituzioni e via dicendo.. non credo sia facile occuparsi di una azienda che vale 200 milioni di euro, la gran parte di questa gente fallirebbe probabilmente a gestire un bar da periferia con un dipendente.. ma x favore.. e i miei non sono insulti, ma mi hanno insegnato che prima di sparare a zero occorre conoscere le situazioni, e ogni tanto un bel bagno di umiltà non guasterebbe.. saluti a tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 5 mesi fa

      Mi hai commosso:

      domani apro una Onlus e la chiamo “Siate generosi con Urbano Cairo” e chiedo a tutta la Tifoseria Granata di donargli il 5 per mille…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 5 mesi fa

      E di quali rischi parli? Non ha rischiato neppure quando lo ha comprato, il Toro. Gli unici anni dove ci ha rimesso, si fa per dire sono gli anni della serie b. Ricordo che il Toro Cairo lo ha preso praticamente a zero, almeno i giocatori permetti che se li debba comprare? Comunque oramai si è ampiamente ripreso i soldi spesi e gli stipendi glieli pagano i diritti tv. Quindi non rischia proprio nulla, anzi qualora li vendesse ci guadagnerebbe un bel po’ di soldi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luke90 - 5 mesi fa

        Davide i rischi sono i classici rischi di impresa… di certo non rischiava di essere rapito dall’Isis…e in effetti se avesse mollato prima del 2013 parleremo di soldi persi.
        Poi vero che è subentrato non pagando nulla ma ha dovuto coprire il capitale sociale deliberato da altri a10Mil. e poi, secondo Marotta, c’erano dei debiti… ha comprato i trofei… ecc
        se il Toro non fosse fallito ( fatto fallire da altri) il possibile acquirente questi soldi avrebbe dovuto riconoscerli alla controparte.. più tutti i costi di struttura.. che in questo caso non c’erano o non completamente.
        Insomma la differenza che c’e tra ereditare una villetta ammobiliata o solo il terreno…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. LucioR - 5 mesi fa

      Si adesso apriamo una colletta. Puoi incominciare andare a fargli le pulizie in casa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. user-13797744 - 5 mesi fa

      Giuseppe Giuseppe lo sa Urbano di queste tue iniziative

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. policano1967 - 5 mesi fa

    cairo e un ottimo uomo di affari e questo va detto.ha fiuto per gli affari e qualsiasi cosa lui fa ne ricava i frutti.e stato un affare per lui comprarci.la sua visibilita e aumentata in modo esponenziale ed ha fatto in modo che il toro si autofinanzi senza che lui mettesse un euro ed ha dato stabilita ad una societa che passava dalle stelle alle stalle negli ultimi anni.questa e pura bravura manageriale da parte sua.poi ce l aspetto sportivo.qua invece nn vedo tanta bravura da parte sua o nella peggiore delle ipotesi nn gli interessa l aspetto sportivo.siamo una societa ma mezza classifica e che fa ottime valenze.in poche parole a cairo basta tenerci in a senza rischiare la retrocessione perche li gli introiti svaniscono.uqesto e il toro di cairo.mi meraviglio come ogni anno su questo forum ci siano ancora quelli che si aspettano chissa quale colpo da parte di cairo.cairo e un presidente senza infamia e senza lode.magari un giorno lo rimpiangeremo tutti se dovesse andar via e arrivasse il giovannone di turno ma nn credo che nella storia del toro sara osannato nel tempo.la cosa che mi dispiace e che con lui a piccoli passi l asticella si potrebbe alzare tranquillamente senza svenarci ma a lui nn interessa.ne ha capacita e possibilita economica per farlo nonostante abbiamo petrachi uno che nella storia granata spero nn venga mai citato(LA NEGAZIONE FATTA DS).personalmente reputo cairo il propietario della mia squadra del cuore ma difficilmente sara il mio presidente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Madama_granata - 5 mesi fa

    Mi ero riproposta di non intervenire nella diatriba “CAIRO SÌ o CAIRO NO, ma mi i sembra vigliacco tacere!
    LASCIATEVI DIRE DA UNA TIFOSA PROBABILMENTE PIÙ VECCHIA DI VOI CHE COSÌ FATE SOLO IL MALE DEL TORO!
    – MAGNATI O MILIARDARI PRONTI A GIOCARSI PARTE DEL LORO CAPITALE PER NOI, E A TINGERSI L’ANIMA DI GRANATA, NON CE NE SONO, E CREDO NON CE NE SARANNO IN UN PROSSIMO FUTURO!
    – NESSUNO DI NOI CREDO SIA IN GRADO DI RILEVARE LA SQUADRA ED INVESTIRE X DARLE LUSTRO.
    – BISOGNA ESSERE ONESTI: ABBIAMO UN PRESIDENTE STIMATO E RISPETTATO NEL MONDO DELL’ECONOMIA, DELLA FINANZA, DELLA POLITICA (cosa per noi così rara, avvezzi alla guida di avventurieri senza scrupoli)
    NEI “FAMOSI 13 ANNI” siamo partiti dalla serie B e giunti in pianta stabile nella parte destra serie A.
    SICURAMENTE CAPITALI (PULITI) SONO STATI INVESTITI X MIGLIORARE: che poi l’entità di questi capitali sia x noi tifosi insufficiente, questo è opinabile! NON POSSIAMO FARE I CONTI IN TASCA ALTRUI, TANTOMENO OBBLIGARE CAIRO A SCIALACQUARE UNA FORTUNA, LA SUA, CHE NON CI APPARTIENE
    -NON TUTTI POSSONO VINCERE: ci sarà sempre chi sta meglio di noi, così come chi sta peggio. BISOGNA ANCHE SAPE RSI ACCONTENTARE! (Decoubertin docet!)
    Detto questo, protestiamo, lamentiamoci, dissentiamo dalle scelte societarie (io x prima sono una grande barbottona, e/o criticona e credo sempre di avere l’uovo di Colombo in saccoccia!).
    DI UNA SOLA COSA, VI SCONGIURO TUTTI, COMUNQUE LA PENSIATE: RISPETTIAMOCI L’UN L’ALTRO E NON UCCIDIAMO IL NOSTRO CARO , AMATO TORO x un dissenso, un colpo di testa, un puntiglio personale.
    X me CAIRO va sollecitato, invitato, spinto, stuzzicato, consigliato, dissentito, criticato, ma NON CACCIATO!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 5 mesi fa

      Cairo è un servo e come tale deve obbedire, puoi spronarlo finché vuoi ma non cambia nulla, la paura di infastidite chi di dovere disobbediendo è troppo grande, quando lo capiremo sarà troppi tardi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. policano1967 - 5 mesi fa

        questa del servo e una favola portata avanti negli anni ma che sinceramente lascia il tempo che trova.sergio rossi lavora per la fiat.fece una grande squadra squadra e finimmo secondi dietro il verona.borsano con la sua gima lavorava pr la fiat.ottimi campionati e mai abbiamo vinti tanti derby a memoria d uomo.esiste solo il lato economico e la volonta per fare un ottima squadra.questo nn te la decide il dirimpettatio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Andrea Valentino - 5 mesi fa

          Infatti i personaggi che tu citi sì è visto che fine hanno fatto perché tentarono di fare il passo più lungo della gamba. Borsano dovette lasciare la società nelle mani del tribunale fallimentare e Rossi dovette cedere la società con la scusa di una contestazione organizzata non si sa da chi ad una cifra molto bassa una società solida economicamente, rimettendoci anche del suo, forse per paura di fare la stessa fine di Pianelli

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Follefra Granata - 5 mesi fa

      Pensare di mettere la società in vendita (e fare una tanto amata mega valenza) non è cacciarlo ma metterlo di fronte al fatto che ci siamo stufati. Più spronato di così. O si muove per migliorare la società o passa la mano. Il galleggiare fa comodo a lui. Vorrei solo più grinta e qualche spunto GRANATA e invece vedo solo la nebbia meneghina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. user-13746076 - 5 mesi fa

      Madama granata: Cairo non se ne andrà di certo per una partizione incerta di qualche migliaio di persone. Ma può essere sferzato mediaticamente, come in parte sta già succedendo… Lui odia queste cose, sono un grosso danno di immagine. Può essere un indiretto stimolo se non altro a impegnarsi di più. Credo che il vero spartiacque sarà se entra in politica: a quel punto o lascia per cose più importanti o investe veramente perché un leader deve essere vincente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. rza78 - 5 mesi fa

    Il punto a mio modo di vedere è che Bracciamozze non può dire la verità, cioè che il vero obiettivo è arrivare tra il 9 e il 12 posto, possibilmente FUORI dall’europa. Chi non ha ancora capito questo secondo me è un INGENUO. In 20 anni circa di gestione tralasciando i primi anni di improvvisazione totale e risultati conseguenti, abbiamo SEMPRE navigato attorno al 10 posto qualificandoci per l’EL una sola volta e non per meriti sportivi. Hanno fatto meglio chievo, genoa, sampdoria, atalanta…. delle altre non parlo neanche perché sarebbe ridicolo confrontarci con lazio fiorentina ecc. La ragione è evidente: qualificarsi per l’EL non porta abbastanza denari e costringe ad allargare la rosa e poi a mantenere lo standard europeo. non ho firmato la petizione perché sarebbe come votare a un sondaggio di questo tipo: preferisci tenerti un presidente che non ha ambizioni se non quella di disputare dei campionati da metà classifica o chiedergli di passare la mano ad un compratore che non esiste?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. drino-san - 5 mesi fa

    Comunque belle le raccolte di firme senza l’identità certificata. Scommetto che arriveranno a numeri stratosferici.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 5 mesi fa

      Concordo…lasciano il tempo che trovano, infatti non ho firmato nè l’una nè l’altra…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      mah,
      si certo tutto falso, solo voi siete nel giusto….
      io sono nel mezzo e non la penso come te.
      certo che prima di affermare cose del genere….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Hagakure - 5 mesi fa

      Come le percentuali di incremento degli abbonamenti fatti in tre giorni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente senza numeri.

      Chiacchere e balle.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. A.C. TORINO - 5 mesi fa

        dino-san e’ sempre polemico e attaccabrighe, sempre piccoli post cosi’

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. ForzaToro - 5 mesi fa

    @bacigalupo, dadodeltoro, sandrone66, privilegiogranata, pasastabala, Athletic, Luke90, user-13814870 concordo con i tutti vostri commenti educati ed articolati…

    @Paul67 sto attendendo i dati sugli acquisti dei giocatori dell’Atalanta degli ultimi 5 anni così certificheremo che la Dea investe più di noi in calciatori…

    @Haga ieri poi non ti ho più risposto…beh piccolino, vado per i 50…chi ha visto gli Invincibili? Qualche ottantenne? Non importa che sia Torino Calcio o Torino FC, i miei nonni (ora in cielo) e i miei genitori mi hanno dato il sangue granata…e in famiglia mai visto nessuno contestare…saremo una famiglia di buonisti e accontentisti probabilmente…non c’entrano nulla età, presidenti passati o futuri, il mio amore per il Toro resta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. A.C. TORINO - 5 mesi fa

      @haga e’ molto piu’ vecchio di te caro mio, visto che lo conosco. Magari sei tu il piccolino.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ForzaToro - 5 mesi fa

        @ACTorino…piccolino è riferito a me stesso…sto rispondendo ad un commento a cui ieri non ho più avuto tempo di rispondere…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 5 mesi fa

      Ecco i dati da bilancio , al netto delle tasse , del saldo calciomercato di Atalanta e Torino FC. Tieni conto che il bilancio Atalanta segue anno sportivo il Torino FC anno solare.
      ATALANTA :
      2013 : +6291 MLN€
      2014 : +1521
      2015 : -1584
      2016 : +8686
      2017 : -18394

      TORINO FC
      2013 : -5457 MLN€
      2014 : -5008
      2015 : -7250
      2016 : -11279
      2017 : +29417

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Granata - 5 mesi fa

      Per onestà intellettuale va precisato che quelli da me scritti sono dei numeri esatti che vanno interpretati. Bisognerebbe capire , per esempio se le competenze seguono l’effettivo spostamento del giocatore oppure no ma è un lavoro su cui non ti posso aiutare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ForzaToro - 5 mesi fa

        Più facile sarebbe analizzare le solo uscite…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Granata - 5 mesi fa

      Bisogna capire cosa vuoi esattamente. Vuoi capire chi investe di più come volume oppure capire chi reinveste ciò che incassa ? Le cose possono essere molto diverse. Altro dato ancora sono le valenze che io non ho riportato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

      La penso come te: sarà l’eredità del sangue granata, sarà il “buonismo” … bah!?
      Discutevo con un collega che per me essere del Toro è dimostrazione di forza, io non mi piego a niente e nessun presidente mi potrà mai togliere l’orgoglio di ciò che per me rappresenta il Toro.
      Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. LucioR - 5 mesi fa

    Spaccato la tfoseria in due non credo proprio. In questo momento e non mi baso sui forum o ambienti social ma sull’ambiente di lavoro, conoscenti e clubs vari, sono molto di più i delusi che i soddisfatti dell’operato di cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. prawda - 5 mesi fa

    Parto da un dato sicuramente vero di questo articolo cioe’ la capacita’ di Cairo di dividere i tifosi, va rimarcato come mai nessun presidente in passato avesse raggiunto questo risultato. E’ altresi’ vero che i continui mediocri risultati sportivi al cospetto di ottimi risultati economici hanno cominciato a drenare consensi anche fra i tifosi piu’ moderati; soprattutto comincia a fare sempre meno breccia il “dopo di me il diluvio” che viene agitato come anatema da 13 tredici anni. La realta’ delle cifre, per chi ha voglia di leggerle senza storpiarle, e’ che Cairo nel Torino in tredici anni non ci ha investito un euro, che quel cambiamento gestionale spesso citato dai sostenitori di Cairo e’ stato unicamente una conseguenza, con il ritorno in serie a, dell’aumento esponenziale dei diritti televisivi, prima ripartiti a contrattazione individuale ed i risultati sono stati peggiori di quelli ai tempi di Cimminelli, poi a contrattazione collettiva con una entrata che da sola quasi copre tutti i costi ordinari e che ovviamente nessuno dei passati presidenti mai nemmeno si sognava. E’ quindi strumentale e falso invocare spettri del passato, agitare lo spauracchio del fallimento che tra l’altro Cairo non ha evitato; oggi anche senza nessun investimento da parte della proprieta’ qualsiasi buon manager otterrebbe i medesimi risultati gestionali, semplicemente perche’ partirebbe da un +60M che da solo quasi copre la spesa lorda per ingaggi che e’ la principale voce dei costi. Certo anche Cairo potrebbe essere un buon presidente ma se non ha fatto nulla per esserlo in questi 13 anni mi viene oggettivamente difficile pensare lo possa e lo voglia diventare oggi. Infine pensare che sia un ipotetico acquirente a venire a bussare alla porta e’ francamente delirante, puo’ capitare ovvio ma non e’ certo la regola, e’ come pensare di vendere il proprio appartamento aspettando che sia il cliente a suonare alla porta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cairese - 5 mesi fa

      Grande!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. user-13814870 - 5 mesi fa

    siamo stufi di questa contestazione inventata e cominciata da chissà chi..ancor prima di vedere una partita di campionato…ma siete diventati prevenuti???.ho già scritto quel che penso da un altra parte. IO STO CON CAIRO. 35 anni di abbonamento al Toro..sapete quanto si piangeva??? Ora la pace…lasciate tranquilli i giocatori a prepararsi un buon allenatore lo abbiamo. Ma le vedete le altre squadre a nostro livello? ?? Quando si ha una attività un imprenditore cerca di andare d’accordo con tutti….soprattutto se si è nella stessa città. Lui non può parlare con discorsi da bar come facciamo noi . Vi state facendo un film di fantasia. È molto controproducente x la nostra squadra questa contestazione. entrare in campo e sapere di non essere graditi non piacerebbe a nessuno di voi. Almeno vedere come giocano qualche partita di campionato..che diamine !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Follefra Granata - 5 mesi fa

      Immagino nessuno voglia contestare la squadra

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. pasastabala - 5 mesi fa

    L’errore più grande di Cairo è stata la scelta di Mihajlovic le cui conseguenze nefaste si dovrebbero essere esaurite con la fine dell’ultimo campionato. Ora abbiamo un allenatore serio e motivato. I giocatori, a parte un centrocampista forte e un difensore che mancano, ci sono. A Bormio il clima è stato costruttivo e il sorriso è ritornato sul viso di qualche ex imbronciato (Belotti). Perché creare tensioni con sta iniziativa anti Cairo ? Aspettiamo. Le premesse per una buona stagione ci sono. Non roviniamo tutto prima del tempo. Se anche il prossimo campionato sarà deludente come il precedente allora le contestazioni saranno giustificate. Ma allora, non adesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. robert - 5 mesi fa

    Secondo diversi sondaggi i tifosi del Torino sono i più frustrati perché sognano o desiderano cose che non potranno mai aver dal Pidocchio.Con questo uomo è come pestare l’acqua nel mortaio cioè se ne fotte di tutto e di tutti ma pensa solo al denaro.Quindi per ora bisogna mandargli un bel messaggio in attesa che metta le mani al portafoglio:non fate abbonamenti prima della chiusura del mercato altrimenti ve lo mette in quel posto un’altra volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. dattero - 5 mesi fa

    il football e’solo un volano per le sue attivita’,un grimaldello da usare.
    non andra’ mai in europa,una volta x delinquenza altrui e stop,non gl’interessa l’e.l.,gli costa piu’ la salsa del pesce,fa affari a manetta con gli ovini,visto che gestisce tutta la pubblicita del gobbodromo e poi in rcs non lo ha messo giove o minerva..
    il dopo marchionne m’incurioscisce,perche’ se,e dico se,si materializzassero determinate strategie,per lui sarebbero danni devastanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cairese - 5 mesi fa

      Molto interessante. Puoi espandere il concetto?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Andrea Valentino - 5 mesi fa

      Se puoi scendi un po’ di più nei dettagli. Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Hagakure - 5 mesi fa

      In effetti anche questo business fa parte degli accordi a suo tempo siglati con lo sterco bianconero da parte del nostro “filantropo e salvatore”.

      Ma per molti “tifosi” costituiscono un dettaglio minimale, senza alcuna importanza.

      Credo che, se un giorno Cairo dovesse mai promuovere pubblicamente un “gemellaggio” con lo sterco bianconero, adottando le motivazioni più futili e vergognose, costoro sarebbero in prima linea per firmare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Luke90 - 5 mesi fa

    “I tifosi sono stufi. Pianelli vattene!!”
    Lo si leggeva su La Stampa qualche decennio fa.. era quel Toro, quello di Pulici e Graziani, quello dell’ultimo scudetto e Pianelli era quel tizio che, moltissimo aveva sacrificato per e a causa del Toro…
    Come dice Zamparini e se è capitato a Pianelli può capitare a tutti.
    E se sei al Toro prima o poi capita …. anche se non sei presidente.
    .. si da per scontato che il nuovo proprietario debba essere cinese, arabo, russo (non importa, in questo caso, che sia tifoso..si chiude un occhio se raggiunge risultati) o chissà cosa .. credo sia quello che pensava Marengo al tempo del Lodo .. e non si fece avanti nessuno… nessun tifoso… intendo.
    Leggere contestazione e accanto Toro …mi lascia sempre molto perplesso ..soprattutto se penso a Pianelli, Rossi e a Vidulich…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 5 mesi fa

      Ogni volta che c’è stata contestazione siamo sempre finiti peggio di come stavamo, hai fatto bene a citare Vidulich perché è successo persino con lui, che certo un presidente memorabile non lo è stato. Ma evidentemente la storia non insegna nulla, è risaputo. Io non penso Cairo sia esente da difetti, anzi… ma gli chiederò di passare la mano quando sarò ragionevolmente certo che il suo successore sarà migliore di lui. E siccome il Toro non lo ha mai voluto nessuno, né imprenditori tifosi, né magnati stranieri, prima di cacciare uno che ci tiene all’onore del mondo senza sapere chi arriverà dopo, ci penso due volte. Che poi Cairo debba mettere la società in vendita sennò gli acquirenti non arrivano è una panzana enorme.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. blackmapan_914 - 5 mesi fa

        Non entro nel merito delle tue considerazioni per quanto riguarda la petizione, ma è ora di finirla di raccontare che non c’è nessuno interessato all’acquisto del Toro. Non potremo mai saperlo perché a certi livelli la prima cosa che si fa è firmare i patti di riservatezza con penali da ambo le parti. Se invece la società fosse messa in vendita ufficialmente la situazione cambierebbe

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Athletic - 5 mesi fa

          Ovviamente la certezza assoluta non ce l’ha nessuno, io mi baso dal dopo Rossi in poi, durante i quali nessuno del livello di Pianelli o dello stesso Rossi, si è fatto avanti. E sono passati decenni. Riguardo i patti di riservatezza, certamente esistono, ma sai benissimo che se andasse qualcuno a buste alla porta di Cairo per acquisire il Toro, tempo qualche ora e la notizia trapelerebbe, poi non si saprebbero i dettagli, ovvio, ma i giornalisti ne verrebbero a conoscenza. Infine, non so quali esperienze tu abbia con le società, ma ti garantisco che nessuno mette una società sana e appetibile in vendita, sono i compratori, se la società è davvero appetibile, che vengono a farti offerte.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Cairese - 5 mesi fa

          Giusto blackmapan

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Luke90 - 5 mesi fa

          Io son persona ingenua ma se uno volesse comprare il Toro .. va da Cairo, per farla breve, e gli dice ecco qui XXXmilioni… Se Cairo dice no .. dubito che il tizio firmi qualsivoglia patto (e fa i suoi ragionamenti…) … se gli dice si … non vedo motivo di firmar qualsivoglia patto… detto che i giornali e le TV sono pieni di notizie non divulgabili. Manco fossimo quotati in borsa…
          Anzi.. se, sono fetente assai, e volessi comprare il Toro … glielo farei proprio sapere tramite i giornali in modo che che tutto il mondo torinista lo sappia…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Follefra Granata - 5 mesi fa

    Se c’è 1 tifoso pro Cairo ce ne sono 10 contro, questo è quello che dicono le petizioni lanciate lo stesso giorno. Saranno poche 2800 firme? Per me potrebbero smuovere un ambiente sempre più contrito, degranatizzato e anonimo. Forza Toro e Cairo muovi il sedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. carlo - 5 mesi fa

    Chiarizia mi deludi a morte. Cioè praticamente noi risolviamo la diatriba (e la situazione) con Badelj. Sto male.
    Poi, Chiarizia: c’è una squadra di oggi che non sia divisa?

    Chiarizia, cosa parliamo a fare? Questi sono ipocriti: si può discutere per 26 anni con degli ipocriti? No, Chiarizia. Infatti non parlano del Bari: dicono: “Lo compri tu il Toro?” Chiarizia, dove vivi? Il Toro è finito, e peggio ancora è la situazione su internet. Chi vuole restare, deve incavolarsi. Pensa te!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. torojl - 5 mesi fa

    C’è veramente gente che pensa che arrivi lo sceicco con Neymar a prendersi il Torino? Poveri illusi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 5 mesi fa

      Se Non fai nulla per pubblicizzare il marchio Torino fc e renderlo appetibile, perché sei un servo e devi obbedire , difficilmente qualcuno si avvicinerà e se fortunatamente qualcuno lo dovesse fare e tu lo mandi via perché gli ordini sono quelli allora è inutile discutere. Cerca di svegliarti ed abbandonare il mondo fantasioso in cui vivi, lo scrivo per il tuo bene…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 5 mesi fa

        Vedi, Valentino, costoro pensano ancora che Cairo sia “illibato e casto” e la sua carriera imprenditoriale, passata da pidocchio dell’editoria a presidente del primo gruppo editoriale italiano sia solo e soltanto merito suo.

        Non gli sono bastati 13 anni di stracittadine perse con baci e abbracci finali tra i giocatori, il ruolo di “società satellite”, gli accordi pre-acquisto dei Resti del Torino Calcio dopo che fu volutamente lasciato fallire per ordine degli agnelli, gli accordi con Mediobanca e con la famiglia agnelli medesima per le dismissioni del loro pacchetto azionario di RCS in modo che l’offerta pubblica di scambio e acquisto (OPAS) fatta da Cairo sei mesi dopo, raggiungesse pieno sucesso e non incontrasse ostacolo alcuno…e l’elenco proseguirebbe all’infinito.

        Loro queste cose non le sanno o fanno finta di saperle ma si accontentano di vivacchiare e delle briciole che cadono da desco della Cairo Communication.

        P.S.: qualcuno ha mai visto o sentito Cairo, dopo un derby, dire una sola parola contro la seconda squadra di Venaria e il loro padrone, anche di fronte ad episodi eclatanti e vergognosi subìti contro…??? La risposta è semplice: mai.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Luke90 - 5 mesi fa

          Il presidente del Torino è intervenuto nella trasmissione Tiki-Taka, insieme a Pierluigi Pardo, soffermandosi soprattutto sul Derby della Mole appena conclusosi. Il numero uno granata parla chiaro: “Il gol di Maxi Lopez era regolare, lo abbiamo già detto in tutte le salse. E Bonucci andava espulso e con lui pure Alex Sandro. Certo, verso la fine del match anche Glik meritava il secondo giallo, non lo nego. Ma ricordo al contempo tutta una serie di episodi che hanno costantemente danneggiato nei Derby. Ricordo un gol di Pogba nel 2014 con Tevez in fuorigioco o un’altra volta dove c’era un rigore di Pirlo su El Kaddouri che non ci hanno concesso. Che dire, vorrà dire che contro la la Juve siamo sfortunati”.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Hagakure - 5 mesi fa

            E questa sarebbe una dichiarazione da “presidente sanguigno del Toro” contro i ladri di Venaria…????

            Infatti la frase finale la dice tutta sul “Tremendismo Granata” di costui verso i suoi padroni…!!!

            Ma fammi il piacere…!!!

            Mi piace Non mi piace
          2. Luke90 - 5 mesi fa

            @Haga.. manco più le donne (non voglio sembrare sessista) si incavolano quando tu non pensi quello che loro vorrebbero tu pensassi, facessi o dicessi…. questa fase la si supera..
            Non entro nel merito della dialettica.. non mi frega nulla.. uno può andare in tv, fare la figura del burino di fronte a milioni di persone ed essere apprezzato da qualche migliaio..contento lui. Ognuno è ciò che è. Volevo solo dire che MAI è sbagliato ….. l’avesse detto Cairo.. mente, non è credibile, ci prende per i fondelli …
            Poi i derby … tolto quello vinto con Ventura… per poter vedere un derby vinto devi tornare indietro ai tempi di Rizzitelli altro che 13 anni .. magari…

            Mi piace Non mi piace
  43. user-13794386 - 5 mesi fa

    avete rotto le palle
    IO STO CON CAIRO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Riba - 5 mesi fa

      Joseph Schumpeter diceva: «Il processo del cambiamento industriale rivoluziona continuamente la struttura economica dal suo interno, distruggendo continuamente la vecchia e creandone continuamente una nuova. Questo processo di distruzione creativa rappresenta l’essenza stessa del capitalismo. Il capitalismo è questo, e le aziende che operano secondo le sue regole si devono adeguare». Non capisco tutta questa paura per il cambiamento, meglio rimanere nella vostra zona di confort senza alzare mai la testa arrivando decimi in campionato e perdendo in modo umiliante tutti i derby dei prossimi 50 anni, o meglio provare a cambiare? Io Cairo lo cambierei al volo! FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. Sandrone66 - 5 mesi fa

    Ma FATELA FINITA, che tifosi siete?? Quando mai abbiamo contestato prima di iniziare un campionato, ma che senso ha?? Autolesionismo?? Aspettiamo !! Così create solo problemi , spero che il pres e la dirigenza non vi legga, create tensione nei giocatori. Siete tutti come quel marito che si taglia il coso per far dispetto alla moglie?? FORZA TORO, spendete il vostro tempo a tifare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 5 mesi fa

      Continua a farti prendere per i fondelli, con il tuo atteggiamento non fai altro che renderti indirettamente complice di questo servilismo che il nostro amatissimo presidente attua nei confronti dei suoi amici di Venaria

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. KEYPAX - 5 mesi fa

    Il tifoso del Toro vorrebbe sognare ed invece il ns beneamato pres. riesce a smontare sul nascere ogni sogno di gloria. Il tifoso del Toro vorrebbe sentirsi dire, Belotti non si vende perchè voglio costruire una squadra molto competitiva intorno a lui, oppure cambiando diametralmente, se qualcuno mi desse 100 mln per Belotti potremmo avere risorse per una squadra da Champions….. potrei continuare sulla falsariga in eterno.
    Concludendo, siano stufi di essere presi per scemi, e sentire tutte le stupidaggini che quest’uomo ci propina sempre, senza mai essere chiaro.
    Un saluto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. tric - 5 mesi fa

    Una volta erano tutti allenatori, ora sono tutti presidenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. clauss - 5 mesi fa

      una volta questa frase fatta la dicevi al bar, ora la scrivi su internet. e lo chiamano progresso….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. Santin - 5 mesi fa

    Che senso ha pretendere che un presidente se ne vada senza che ci sia un più degno sostituto già pronto a prenderne il posto? Non si capisce proprio. Almeno che non si goda a farsi deridere dalle altre tifoserie e dagli addetti ai lavori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13685686 - 5 mesi fa

      Leggi meglio la lettera e stato invitato a trovare un acquirente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. granatadellabassa - 5 mesi fa

    Leggo sotto degli insulti. Quella è la gente che crea spaccatura. Non mi stupirei se fosse gente che non tifa nemmeno per il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13685686 - 5 mesi fa

      Sei proprio della bassa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

    Non amo Cairo e penso si accontenti di avere un Toro da metà classifica che fa utili e non rompe le scatole ai gobbi..
    Ciò premesso, sono quasi sicuro che de facesse un Toro da EL dopo un po’ lo contesteremmo perché mancherebbe poco per creare un Toro dà Champions…e se andassimo in Champions dopo un altro po’ mugugneremmo perché si potrebbe vincere lo scudetto …
    Ok. Tutto vero.
    Ma vorrei avere la prova di quel che ho scritto.
    Quindi Cairo portaci in Europa! Poi ti contestiamo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. granatadellabassa - 5 mesi fa

    La spaccatura la crea chi non rispetta opinioni diverse dalla sua. Che sia a favore o contro Cairo.
    Però più che di spaccatura parlerei di divergenza di opinioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. user-13782778 - 5 mesi fa

    Privilegio accontentati di vivere a mediocrità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

      Mi accontento di sapere all’italiano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

    Quelli che sottoscrivono la petizione adesso sono gli stessi che incendiavano il portone e scrivevano GAME OVER e mettevano le teste di maiale anni fa, quando il Toro si dibatteva in B. Il loro ragionamento è meglio fallire e chiudere la baracca. I fatti dimostrano che da allora il Toro è cresciuto in modo esponenziale, con ritmi forse non graditi agli impazienti.
    Siamo passati dai Barreto/Meggiorini ai Belotti/Falque/Ljajic, e dai Di Cesare ai N’Koulou.
    Nota la differenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13685686 - 5 mesi fa

      Ma va a cagare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

        E questo è l’esempio lampante del loro livello.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

          Non stupirti PrivilegioGranata: i facinorosi, molto spesso, si nascondono nell’anonimato e non sanno argomentare. Insulti nella peggiore delle ipotesi, facile sarcasmo quando sanno mettere in ordine due parole per formare un periodo.
          Cairo ha colpe, ma da quando tifo Toro non riesco a ricordare un presidente che rappresenti una valida alternativa all’attuale.
          Rispetto Prawn: lui preferirebbe un Toro morto e glorioso. Non condivido il suo pensiero, ma almeno è sincero, corretto. Chi invece pensa solo allo scontro evitando il confronto, non merita nemmeno considerazione.
          Il legame che ho con il Toro è simile a quello che provo per i miei figli e qui mi rivolgo di nuovo a Prawn: perseguiresti gli stessi pensieri se il soggetto del discorso non fosse la tua squadra, ma un tuo ragazzo?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Hagakure - 5 mesi fa

            Allora, se Cairo ha colpe, dovresti essere il primo a dire: Presidente noi vorremmo che lei restasse, ma vorremmo anche che dimostrasse di voler credere nella squadra anche a livello di risultati sportivi, cercando dunque di rinforzarla con acquisti mirati e di un certo spessore (senza svenarsi, ovviamente), al fine di raggiungere obiettivi più degni e consoni al rango della società.

            Ma soprattutto dovresti anche dirgli che la smetta una buona volta di fare dichiarazioni velleitarie e del tutto fuori luogo (“vogliamo l’EL, questo è il Toro più forte degli ultimi 20/30/40 anni, il capo lo dirà”, ecc.) salvo poi scaricare le sue responsabilità e fallimenti su altre persone, negando quanto da lei dichiarato pubblicamente e rigettando proclami di sua unica pertinenza (come fa spesso il suo “mentore” Silvio Berlusconi)

            Mi piace Non mi piace
          2. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

            Hagakure ciao.
            Hai perfettamente ragione: le colpe che attribuisco a Cairo sono le prese per il culo con le vendite all’ultimo minuto fatto salvo comprare il bollito di turno. Non sopporto lo scarica barile con le responsabilità rimpallate sui suoi sottoposti. Non sopporto certa sudditanza verso le merde e l’acquisto di alcuni loschi individui troppo spesso coinvolti in questioni di calcioscommesse (ed è da tempo che rimpiango Izzo come uomo … porca miseria!). Ma da qui a chiedergli di andarsene, io non ci sono ancora arrivato. Perché? Perché ha ammesso errori passati e ha cercato di non commetterli più, perché comunque il Fila è in piedi (anche se c’è la menzogna dell’investimento non rispettato nei suoi proclami, ma almeno c’è), perché ci sono ottime persone nel suo staff, in particolar quando penso a Bava e a tanti allenatori delle giovanili (che stanno finalmente tornando a funzionare), perché la società Torino F.C. dal valore nullo oggi ha peso in serie A e un organico di proprietà. Certo. gli chiederei lo stadio di proprietà (fatto per il calcio e non per le olimpiadi), gli chiederei gli chiederei un tasso tecnico in crescita (che sta avvenendo), meno bugie (e infatti non sta più ponendo obiettivi, almeno a mezzo stampa, ma qualcuno finirà con il lamentarsi che “non ci poniamo degli obiettivi”). Io voglio essere positivo!
            Piuttosto, incavoliamoci per gli abbonamenti TV delle partite: quei bastardi della Lega vogliono solo mungere i tifosi. Due abbonamenti per seguire la mia squadra? Vergogna!

            Mi piace Non mi piace
          3. prawn - 5 mesi fa

            Se mi chiedi (a me stesso, poi ti rispondo sui figli) se preferisco essere seduto su una carozzella (al posto di fare triathlon amatoriale come faccio) o cmq delibitato al punto di non fare il mio lavoro (che amo) o non poter fare cose che amo (dialogare con mia moglie/figla) preferirei esser morto.

            Non so come gestirei la stessa situazione con mia figlia, ma non so se il paragone tiene.

            Sono relativamente ggiovane, ho visto l’ultimo toro ‘decente’, la finale di coppa uefa. Sono andato in strada con il clacson (non avevo ancora la patente) con mio padre quando abbiamo vinto la coppa italia.

            Magari non sono un tifoso bravo, ho anche smesso di seguire il calcio per un tot di anni quando era palese (e documentato in tribunale) che la juve rubava sul serio e non erano solo cori che si cantavano all delle alpi.

            Mi ricordo il vecchio comunale, dove ho scoperto il toro.

            E mio padre era ‘uno del fila’, sepolto a 74 anni una maglia del toro, guarda caso, regalatagli dai suoi colleghi di lavoro proprio per il 74o compleanno.

            Il toro per me e’ prendere la macchina ed andare a vederli perdere contro l’inter in un delle alpi deserto, oppure in 4/5 piu’ vecchi di me, padre incluso a bestemmiare davanti ad una tv e un ricevitore sky (o si chiamava d+ forse?) per le trasferte lontane.

            Non so se e’ anche un po’ ‘colpa’ di toronews, mi sono riavvicinato ancora un po’ di piu’ al toro (essendo cmq emigrato all’estero) e ho ricominciato a dialogare con fratelli granata dopo tanti anni di astinenza.

            Toronews mi fa soffrire le estati piu’ di prima, amplifica l’agonia, l’attesa.

            Sta di fatto che il toro, per quello che e’ ora non mi rappresenta.

            Forse il Mames ha portato alla memoria mia (ma credo anche di tanti fratelli) quello che possiamo ancora essere, lottare contro tutto e tutti, contro la logica del soldo, degli sponsor, dei Cristiano Fottaldo, e fare goal, recuperare svantaggi, partite, come quella contro il genova.

            Ora non c’e’ piu’ niente, manco la sfiga di partite come quella contro il perugia.

            Appunto, il toro mi sembra un paziente tenuto in vita con i macchinari, elettroencefalogramma piatto.

            Magari passano 10/15gg e cairo si smentisce e compra 3-4 giocatori ma non so se il mio fegato (Granata) puo’ tollerare un’altra annata come le due, anzi tre scorse.

            Perche’ cmq sono 90 minuti di vita ogni settimana, dove sinceramente si puo’ far qualcosa di piu’ utile, per se stessi e il resto delle persone che ci stanno intorno.

            Mi piace Non mi piace
      2. BACIGALUPO1967 - 5 mesi fa

        Anziché dire ad un utente di andare a produrre materia organica simile alla giuve perché non argomenti? Ciao user (è semplice fare un nik credimi ci puoi riuscire.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. clauss - 5 mesi fa

      e difatti dopo Meggiorini abbiamo fatto incetta di trofei

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

        Frase povera di contenuti: ovviamente sei libero di fare ciò che vuoi, ma tifare Toro significa saper anche andare al di là dei Trofei. Ti do qualche spunto di riflessione:
        1) cosa dovrebbero dire i tifosi di Chievo, Sassuolo, Atalanta, Udinese, Palermo … tutte squadre senza nemmeno uno scudetto?
        2) Negli ultimi 27 anni hanno vinto lo scudetto 5 squadre: Gobbi (13), Milan (7), Inter (5), Roma(1), Lazio(1), mentre negli ultimi 16 anni la Coppa Italia l’hanno alzata al cielo 6 squadre: Gobbi (4), Milan (1), Inter (4), Roma (2), Lazio (3), Napoli (2)
        3) tutta Italia deve tifare esclusivamente chi vince?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

          Cosa non ti piace? La Verità? Metti la testa sotto la sabbia e vai a commentare i blog dei gobbi! Se invece sei uno che non firma apponendo una X, rispondi con criterio!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. user-13685686 - 5 mesi fa

      Tu hai un livello da cerebro leso a scrivere queste minchiate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. marione - 5 mesi fa

      Posa il fiasco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. fabrizio - 5 mesi fa

      Saro’ impaziente, pero’ aspettare altri 50 anni per centrare almeno una volta la EU mi sembra un po’ troppo. Avrei circa 96 anni e magari esultare sarebbe deleterio per la salute….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. prawn - 5 mesi fa

      Come scritto piu’ volte/altrove preferivo vedere il toro fallito e andare ‘al cimitero’ a trovarlo di tanto in tanto, a guardarmi i video di annata che vedere il toro attuale ridotto ad una pseudo udinese da meta’ classifica.

      De gustibus, ma mi sembra chiaro che il toro e’ fatto e finito per restare a galla a meta’ classifica e niente di piu’.

      La qualita’ dei singoli si e’ alzata, non c’e’ dubbio, ma sono tutti di passaggio (persino all’udinese almeno di natale resto’ a lungo, qua ci resta solo moretti..)

      Tra meggiorini, martinez, boye io non vedo nessuna differenza, ci metto pure berenguer che forse fa intravedere qualcosa di meglio che pero’ non si e’ ancora realizzato

      tra brambilla, basha e baselli vedo proprio poca differenza

      certo, 10 posizioni in classifica piu’ in alto, ma, come scritto altrove, ancora una volta, c’era piu’ ‘intrattenimento’ a vincere i campionati di serie b o a lottare per non retrocedere

      credo che sia una grossa fetta di tifosi che ha creduto alle parole di cairo all’inizio o a quelle che poi sono state fatte passare come ‘di miha’

      magari se nessuno diceva niente ci sarebbe meno delusione, ormai pare pero’ un po’ troppo tardi per tornare indietro.

      l’europa l’abbiamo assaggiata nell’era cairo (grazie cairo, grazie bilancio, grazie parma) ma e’ stata una toccata e fuga, se fossimo almeno a giocarcela fino a maggio tutti gli anni credo che ci sarebbe meno malumore

      e cmq: Di Cesare/Carlao/Ajeti/Rossettini: stessa gente, ma mettici pure Lyanco che magari e’ un altro rotto in continuazione

      Della rosa attuale solo Sirigu, Moretti, Iago hanno fatto vedere con costanza, di anno in anno classe e attaccamento alla maglia, il gallo ha fatto un’annata buona, morta li (si spera per ora)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Hagakure - 5 mesi fa

      Capisco il tuo punto di vista pro-Cairo e lo rispetto, ma cerca di essere almeno obiettivo ed imparziale, perchè c’è una bella differenza tra quello che fu il Torino Calcio, la Sua Storia e Gloria con questa società e squadra, di proprietà del succitato individuo, il quale ha cucito adosso alle sue maglie (volutamente in minuscolo) i Resti di quello che fu il Torino Calcio, acquistati per un pugno di noccioline, soprattutto dopo aver lasciato che fallisse.

      Non confondiamo la m….. con il Risotto….!!!

      P.S.: evita di fare accuse a vanvera, specialmente di tale entità e gravità, senza uno straccio di prova.

      P.P.S.: se vuoi “farla completa” la tua crociata pro Cairo dovresti anche citare i vari Vidulich, Goveani, Calleri, Cimminelli, Romero, ecc. ma, purtroppo per te quello era ancora il Torino Calcio, con tutti i suoi difetti, magagne, problemi societari e quant’altro, ma pur sempre il Torino Calcio, quello Vero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

        Non capisco, cosa aveva di VERO quel Toro? Io per esempio ho sempre sostenuto che “il Toro siamo noi”, e dei presidenti, come della stragrande maggioranza dei calciatori, me ne sbatto le balle: quelli passano, noi NO. Di VERO c’è che i presidenti che hai citato hanno demolito il Fila, hanno smantellato il settore giovanile, uno aveva l’abbonamento allo stadio per vedere i gobbi, in diversi hanno architettato (in combutta con la Famiglia) il fallimento del Toro. Forse avete dimenticato per quanti anni da noi certi giocatori e certi presidenti non potevano arrivare perché invisi agli Agnelli, che ponevano un veto sulle nostre scelte!?
        Nemmeno Cairo, forse, è libero da vincoli, ma non mi sembra che in lui, oggi, ci siano le colpe, le macchie e gli scheletri degli affaristi che l’hanno preceduto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Hagakure - 5 mesi fa

          I presidenti passavano, ma il Torino Calcio resta(va).
          Ed è per questo che lo hanno fatto fallire, ma tu proprio non riesci ad accettarlo.

          Se poi sostieni che Cairo sia meno sporco di chi lo ha preceduto, prendi una cantonata universale.

          Anzi, è molto più sporco di loro e i motivi te li ho spiegati poc’anzi.

          Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, e cieco di chi non vuol vedere…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

            Ma, perdonami … ti contraddici! Parli del VERO TORO che è stato fatto fallire, ma a farlo sono stati proprio quelli che hanno preceduto Cairo. Cosa stai scrivendo? Non puoi non seguire un filo logico così semplice. Cairo ha raccolto le ceneri delle schifezze fatte da quelli che avevano in mano il VERO Toro (tra l’altro, il VERO TORO nasce nel 1906 come “Foot Ball Club Torino”).
            Ti pregherei inoltre di non commettere il più classico degli errori: emettere una sentenza senza prove. Mi spiego: gli scheletri dei presidenti passati sono fuori dagli armadi e quindi sappiamo bene dove puntare il dito. Se Cairo è immacolato o marcio come gli altri lo capiremo, ahinoi, a giochi fatti, fino a quel momento capisco i timori, ma non i giudizi.

            Mi piace Non mi piace
          2. Hagakure - 5 mesi fa

            Nessuna contraddizione: chi ha fatto fallire il Torino Calcio lo sappiamo tutti benissimo, cioè gli stessi che hanno messo certi “fantocci” nel ruolo di presidente.

            Cairo aveva la possibilità di rilevare il Torino Calcio ed evitare il suo fallimento ma volutamente non lo ha fatto, proprio perchè “qualcuno” non glielo ha consentito, o meglio ha dato il suo placet all’acquisto solo e soltanto dopo l’avvenuto fallimento, quindi costituendo una società ex novo (e poco m’importa se l’ha voluta chiamare FC Torino) con appiccicati i Resti del vecchio Torino Calcio, unitamente ad altri accordi “bilaterali” che hanno permesso a Cairo medesimo la sua scalata al mondo imprenditoriale editoriale senza che nessuno gli ponesse i bastoni fra le ruote, con la possibilità di detenere una società calcistica che avrebbe acresciuto la sua notorietà ed immagine, oltre al portafoglio (e la sua gestione in questi ultimi 5 anni ne è la prova lampante), purchè si “sottomettesse” ai voleri dei “padroni” e non creasse quel dualismo tremendo e fantastico che mel passato ha fatto uscire dai gangheri la famiglia agnelli.

            Questo, per quanto mi riguarda, non è il Toro, bens’ una società satellite con fini di lucro il cui oggetto sociale è comprare e vendere per generare utili e valenze al suo padrone.

            I risultati sportivi e le ambizioni sono state “sapientemente” chiuse a chiave nel caassetto e qualla chiave è sepolta nelle tasche di Cairo è lì resterà sino a quando o deciderà di tirarla fuori e riaprire il cassetto (cosa impossibile) o la cederà a qualcun altro, con annessi onori e oneri.

            No, mio caro, io a questo gioco al massacro non ci sto proprio: io sono della vecchia guardia e questa squadra non mi appartiene.

            Mi piace Non mi piace
          3. IlDadoDelToro - 5 mesi fa

            Mi dispiace che la pensi così, e cioè che il Toro non ti appartenga.
            E secondo me ti stai un po’ dimenticando la vicenda dell’acquisizione del Toro. l’ hai tirata giù un po’ sempliciotta. I tempi e le dinamiche non sono quelle da te descritte: Giovannone, altro al soldo della famiglia messo lì per farci sparire, ha volutamente dilatato i tempi per non permettere il salvataggio del Toro. Dobbiamo ringraziare i Lodisti che ci tennero a galla. Poi saltò fuori Chiamparino che convocò tutta una serie di tifosi illustri e VIP per cercare un compratore. Dalle riunioni saltò fuori Cairo. Non fu però suo il disegno architettato per tutta la vicenda.
            Da qui posso concederti che a lui, allora come oggi, non gliene freghi più di tanto dei nostri colori e che ci veda come un palcoscenico per la sua immagine e un’azienda per i suoi introiti, ma le colpe gravi sono altrove!

            Mi piace Non mi piace
  53. BIRILLO - 5 mesi fa

    Beh tra “Cairo vattene” e “Bene così, di più non si poteva”, non ci sta la possibilità di lamentarsi e moralizzare per ottenere un colpo di timone del Patron affinchè completi la rosa in modo coerente con le promesse fatte ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. schmat - 5 mesi fa

      Finalmente qualcuno con del sale in zucca.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. schmat - 5 mesi fa

      Finalmente qualcuno con del sale in zucca (sono serio). Credo che Cairo abbia bisogno di sentire un po’ di pressione dall’ambiente per rischiare la mano, perchè è un imprenditore che ha basato tutta la sua carriera su due cose:

      – sicurezza di investimento
      – basso costo

      I soldi li ha, ma fa fatica a cacciarli (si è visto e si sà). La pressione dell’ambiente, purché nei limiti del decente, lo aiuta a superare questa barriera di tanto in tanto. Sarebbe stato bello se i 20 milioni non fossero stati spesi per Niang ma per qualcuno di più sicuro però…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

        Zapata e ne avanzavamo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fabrizio - 5 mesi fa

      il problema che braccino parla parla ma evidentemente NON ASCOLTA….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. ForzaToro - 5 mesi fa

    “L’Atalanta non è una società più ricca del Toro, eppure investe in strutture e giocatori molto più del Toro”…in strutture non lo so, ma in giocatori è un’eresia…

    Badelj?…si è svincolato dalla Fiorentina (che equivale al Toro)e viene al Toro…non ha senso, secondo i gionali era vicino al Napoli, Zenit, Milan, Sporting Lisbona…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 5 mesi fa

      La dea , purtroppo , investe in giocatori , strutture e sulla passione dei tifosi, informati prima di sparare minchiate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 5 mesi fa

        La dea ha un signor allenatore inviso a molte menti illuminate su questo ed altri forum.
        Tale allenatore che veniva vituperato quando lo si accostava al TORO chiamandolo gaspagobbo è stato il valore aggiunto della dea.
        Gli illuminati invece osannavano sinisa ed il suo credo tattico e le sue invenzioni in panchina…..tipo quando perdo 1/0 metto una punta in più, se perdo 2/0 metto un attaccante in piu’….etc etc etc.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Paul67 - 5 mesi fa

          Certo , Gasp dopo l’ allenamento lavora come muratore per costruire lo stadio di proprietà, se vuoi capire capisci ……..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paul67 - 5 mesi fa

      La dea, purtroppo, investe più in gicatori, settore giovanile , strutture e anche sulla passione dei tifosi , dovresti informarti prima di scrivere mi…..te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ForzaToro - 5 mesi fa

        Paul67 minchiate?…dai su argomenta parlami degli investimenti sui giocatori…attendo un tuo riscontro, grazie

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Paul67 - 5 mesi fa

          Informati bene ribadisco, comunque visto che insisti ti faccio solo questo esempio Ilicic trattato dalla Cairese e dalla dea ora gioca ……….

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ForzaToro - 5 mesi fa

            Informami tu…tu che sai…non basta un nome…quanto hanno investito negli ultimi anni?…dai su…hanno investito di più…sommami le operazioni degli ultimi 5 anni…puoi prendere i dati da transfermarket se sei in difficoltà…sei tu che giudichi, sei tu che devi dare le risposte…dai attendo…

            Mi piace Non mi piace
        2. Paul67 - 5 mesi fa

          Rileggi la mia prima risposta , nn parlo solo di giocatori ma in generale, investire nn vuol dire solo in denaro e comunque lo stadio di proprietà lo stanno costruendo loro nn certo Cairetto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ForzaToro - 5 mesi fa

            Sempre parlato solo dei giocatori…leggi la mia frase “…in strutture non lo so, ma in giocatori è un’eresia…” e poi……”dai su argomenta parlami degli investimenti sui giocatori…” e tu rispondi “Informati bene ribadisco, comunque visto che insisti ti faccio solo questo esempio Ilicic trattato dalla Cairese e dalla dea ora gioca”

            Ora correggi il tiro perchè hai dato un’occhiatina agli investimenti sui giocatori?…prima di dire agli altri che dicono minchiate, leggi con attenzione…

            Mi piace Non mi piace
  55. verarob_701 - 5 mesi fa

    Io mi chiedo se certi articoli nascano solo da ignoranza, oppure siano dovuti al fatto che TROPPA GENTE è interessata al carrozzone calcio anche per campare….
    A parte il giudizio che si possa avere riguardo alla gestione della attuale presidenza, che siapositivo o negativo, si scrivono cose che non hanno senso.
    La spaccatura della tifoseria, se così si vuole chiamare, è resa visibile da quella cosa che si chiama copertura mediatica, che evidentemente lo scrivente non conosce.
    Quando una parte della tifoseria CACCIO’ Sergio Rossi la spaccatura c’era ed era forte, ma non esistevano i social su cui inventare sottoscrizioni, non c’erano decine e decine di “giornalisti” che dovevano riempire le loro pagine web, o i loro canali televisivi…
    rapportare la storia oggi, a quella di 30 anni fa, è solo voler occupare un foglio bianco…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 5 mesi fa

      Concordo, una volta parlavi di calcio con 10-20 persone al max e andavi al bar per leggerti tuttosport e stampa al costo di un caffè…ora i social danno voce a migliaia di persone…spaccature ce ne sono sempre state e ci saranno sempre…la moltiplicazione dell’informazione, se così si può chiamare, tende ad esasperare gli animi…ad esempio una trattativa si trasforma telenovela…risultato? tanti click = tanti introiti pubblicitari…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  56. umbbobb - 5 mesi fa

    ricordiamoci del fallimento , anche in quel occasione tranne cairo chi si era fatto avanti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  57. umbbobb - 5 mesi fa

    io credo che trovare un presidente diverso da Cario non e’ cosi scontato anche perche negli anni passati abbiamo sempre sperato nei vari Lavazza, Ferrero, Balocco ECT senza risultato alcuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy