Il Belotti pensiero per crescere davvero

Il Belotti pensiero per crescere davvero

Occhi Sgranata / Torna la rubrica di Vincenzo Chiarizia: questo Toro deve puntare a crescere con più determinazione

di Vincenzo Chiarizia

L’entusiasmo di inizio anno per il tipo di campionato che il Toro avrebbe potuto fare è passato e oggi ci rendiamo conto che probabilmente questa stagione sarà la fotocopia di quelle precedenti. Con Cairo presidente va detto che ci sono stati momenti bui, soprattutto nelle prime stagioni, ma va anche ammesso che ormai la squadra è in Serie A da diversi anni, per cui un miglioramento da quando il presidente ha preso in mano la società oggettivamente c’è stato.

Ma da un paio di anni a questa parte il miglioramento si è arrestato. Dopo la prima stagione in A dell’era Ventura conclusasi con 39 punti, l’anno seguente è stata raggiunta l’Europa League con una stagione esaltante, qualificandosi anche grazie ai problemi finanziari del Parma. Nell’anno seguente è stato raggiunto il momento più gaudente con la vittoria al San Mamès, stadio dove lo scrivente era presente, per poi finire la stagione con 54 punti al nono posto. La vittoria di Bilbao e il derby vinto dopo venti anni addolcirono la pillola di aver fatto meno bene in campionato rispetto all’anno prima. Il ciclo di Ventura si è poi chiuso mestamente nella stagione 2015/2016 con un dodicesimo posto e 45 punti in cascina. Quest’anno la squadra granata è partita alla grande, salvo poi sgonfiarsi nel momento topico della stagione. Il mese di gennaio ha evidenziato tutte le lacune dell’undici di Mihajlovic.

Oggi il Toro è una modella bellissima vestita male o come una fuoriserie a metano.

Domenica il Toro ha vinto 5 a 3 con il Pescara. Felicità per i tre punti che mancavano da troppo tempo, ma il mio stato d’animo è quello di Andrea Belotti che nel post gara ha mostrato incredulità e rabbia (anche lui idealmente con gli “occhi sgranata”) nell’aver concesso i tre gol al Pescara dopo una partita del genere. Perché giustamente il primo pensiero che sale in testa è che se il Toro si prende queste pause domenica prossima a Roma contro i giallorossi, come finisce? Invece Sinisa Mihajlovic ha tirato fuori un concetto di venturiana memoria parlando di processo di crescita. Ecco, non posso essere d’accordo con il mister, perché se hai il quarto attacco del campionato (frutto di buoni investimenti in sede di mercato estivo) devi poter fare di più. La fase difensiva purtroppo è ancora da rivedere e concedere tre gol in dieci minuti ad una formazione che, in questo campionato, tre gol fatti sul tabellino li ha visti solo grazie al giudice sportivo in Sassuolo – Pescara, ha dell’incredibile e non può consentire di parlare di processo di crescita. Mi piace invece ricollegarmi al cuore e alla testa del già citato Belotti, il vero leader della squadra, che nonostante la vittoria evidenzia la necessità di migliorare ancora, non nascondendo il suo disappunto.

Coraggio Toro, i tifosi sono con te. Resta unito, affamato e concentrato.

 

7 Commenta qui
  1. Toro_Malaga - 1 anno fa

    AS (giornale spagnolo) da’ per certo che il Manchester United paghera’ 100 ml per Belotti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rock y Toro - 1 anno fa

      Non vedo l’ora, l’ora che Urbanuccio faccia vedere cosa ha intenzione di fare, perché con tutti quei soldi non puoi non approntare una squadra almeno da EL!!! E lì si vedranno le sue reali intenzioni relative al Toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 1 anno fa

      Non va bene?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. virgil tibbs - 1 anno fa

      E ufficialmente partita la nuova stagione dello smantellamento della Squadra sull’altare delle valenze…!!!

      Alè, avanti cosi…!!!

      P.S.: se qualche allocco pensa che Braccino utilizzerà quei 100 milioni per allestire una Squadra competitiva allora non ha capito una emerita cippa…anzi direi che sono ormai 5 anni che non ha capito la suddetta emerita cippa…!!!

      P.P.S.: se credete che Andrea Belotti sarà l’unico sacrificato sull’altare delle valenze, oltre a non aver capito un’emerita cippa, siete completamente fatti e strafatti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 1 anno fa

        Senti da che pulpito arrivano le prediche!!! :-) !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. abatta68 - 1 anno fa

      Quello è il contratto che belotti ha firmato… Se arriva il matto di turno che offre 100milioni cash è ovvio che se ne vada! Nemmeno la ggiuve in italia può trattenere un giocatore a certe cifre, figuriamoci noi! Che poi Cairo voglia fare uno squadrone sarà tutto da vedere e a giugno si vedrà…. Di sicuro se rimane, il prossimo anno non saremo molto diversi da adesso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 1 anno fa

        E no caro mio Abatta (era meglio adatta, cmq…)….
        Se dovesse arrivare un’offerta che non si può rifiutare ed il Gallo andrà via, è una cosa…..Se invece i 100MILIONI che ricordiamolo valgo SOLO per l’estero non arrivano allora credo proprio che resterà ancora al Toro ed a quel punto la squadra NON POTRA’ PIU’ ESSERE LA STESSA! Almeno per un paio di ragioni: fine termini prestiti e cessioni/acquisti….. Sei d’accordo? HART fine prestito secco Manchester (già sostituito pare da Skorupsky….), PADELLA fine contratto quindi svincolato quindi fuori da pali, Ajeti e Carlao grazie ma NO GRAZIE, Molinaro, Obi, Valdifori, De Silvestri, MAXI LOPEZ, Acquah, Castan e Iturbe fine prestito Roma MA…chi lo sà? Forse rinnovano il prestito? Alla Roma non credo servano e a meno di richieste di acquisto….Eppoi gli ingressi….Come vedi fratello, l’anno prossimo SAREMO DIVERSI da questo! La vera domanda è: SAREMO MIGLIORI DI QUEST’ANNO?
        :-)
        FVCG!
        SEMPRE!
        E COMUNQUE!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy