Gli interrogativi e i dubbi che scaturiscono dalle parole di Cairo

Gli interrogativi e i dubbi che scaturiscono dalle parole di Cairo

Occhi Sgranata / Torna la rubrica del nostro Vincenzo Chiarizia

di Vincenzo Chiarizia

Sono letteralmente sconcertato dalle parole del nostro presidente Urbano Cairo (leggi qui), rilasciate agli organi di informazione all’indomani del ko dell’Olimpico di Roma. Il numero uno granata è andato a ritrovarsi tutte le analogie dei campionati precedenti per poter dire che siamo in linea con la stagione che ci ha portati in Europa. Giusto un paio di appunti:

1. Ogni campionato ha una storia a sé. Ricordo perfettamente che la stagione 2013/2014 era totalmente squilibrata, con la Juventus dominatrice che vinse lo scudetto con 102 punti con un distacco sulla Roma giunta seconda a -17. Per il resto un campionato livellato verso il basso ed il Toro che raggiunse l’Europa a 57 punti grazie alle magagne del Parma di Ghirardi, altrimenti non ci sarebbe andato.

2. Oltre al contesto del campionato che si sta giocando, va considerato il contesto della squadra: il Toro era reduce dalla stagione precedente che ha visto i granata raggiungere una bella salvezza. Dunque agguantare nella stagione successiva l’ottavo posto con 57 punti che per puro caso sono valsi l’Europa, ha generato la naturale conseguenza di euforia nel tifo poiché si toccava con mano una crescita consistente della squadra. Da quel settimo posto ad oggi invece c’è stata una innegabile, lenta, e inesorabile decrescita. Infatti il Toro nelle stagioni a seguire ha ottenuto un nono posto, un dodicesimo, ancora un nono posto e oggi occupiamo la decima piazza.

3. Ovviamente ben venga una gestione oculata dal punto di vista economico ed infatti grazie a questa noi tifosi granata, rispetto ai sostenitori del Parma, siamo riusciti a goderci l’Europa e l’impresa del San Mames, ma come tutte le cose non occorre che siano per forza bianco o nero, in special modo parlando di Toro. Occorre trovare un giusto equilibrio tra risultati sportivi e gestione economica. Ed il Toro in questo momento storico, e secondo il mio modesto avviso, è totalmente squilibrato verso il bilancio.
Insomma prendere il numero di punti accumulati quest’anno e paragonarli a quelli del campionato 2013/2014 è un ragionamento, secondo me, privo di senso.

Il presidente tira ancora in ballo Mihajlovic? Per quanto l’allenatore serbo dovrà essere il capro espiatorio di tutte le colpe? E’ vero, io stesso ho criticato Sinisa e secondo me ha una buona dose di responsabilità, ma è stato esonerato, pagando solamente lui questo disastro sportivo che si materializza sempre di più ogni domenica che passa. Se è vero che il problema è la rosa assemblata da Mihajlovic, come mai a gennaio la dirigenza non ha fatto nulla per riparare questi danni? Sarebbe più corretto se il presidente non parlasse più del tecnico serbo dal momento che non è più l’allenatore del Toro. Urbano Cairo parla del derby come di una partita in cui il Toro non ha disputato una gara disastrosa. Qui non è questione di giocare bene o male, il problema nella stracittadina è stato che il derby il Toro non l’ha proprio giocato, e questo sì che è disastroso! Per giunta il match contro i bianconeri si è disputato contro una Juve rimaneggiata e fuori forma. Il Toro non ha fatto sporcare i guanti a Szczeny, come si pensa di vincere un derby in questo modo?

E poi c’è il ridimensionamento finale. Ora il presidente parla di valorizzazione dei giovani (per poi vendere quelli più bravi, aggiungo io?) e che non può chiedere l’Europa a Mazzarri. Ma se non può chiedere l’Europa League al nuovo allenatore, dopo che a gennaio non ha speso un centesimo, mi spiegate qual è stato il senso del cambio di allenatore? No perché se Sinisa Mihajlovic ha costruito la squadra tanto valeva far fallire il suo progetto con lui al timone. Ma da un cambio di allenatore io mi aspetto una sterzata nella gestione, mi aspetto innesti mirati a colmare le evidenti lacune in rosa, e che il rendimento migliori, un po’ come hanno fatto Genoa e Milan. Ad onor del vero i rossoneri non si sono rinforzati a gennaio solo perché in estate avevano allestito una rosa importante che non poteva occupare quella posizione in classifica. Ed infatti Gattuso, uno che il Milan ce l’ha nel sangue, è riuscito a toccare le corde giuste e a rilanciare i rossoneri. Sono davvero deluso dai fatti e dalle parole del presidente e purtroppo come me ce ne sono tanti altri. Probabilmente domenica in Torino – Fiorentina lo stadio registrerà molti spazi vuoti e l’iniziativa di far pagare il biglietto di ingresso agli under 12 al costo simbolico di 1 €, pur essendo lodevole avvicinare i bambini allo stadio, la vedo una mossa utile solo alla tutela dell’immagine di un Toro che a conti fatti sta perdendo tutti i suoi antichi valori.


Vincenzo Chiarizia, giornalista di fede granata, collabora con diverse testate abruzzesi che trattano il calcio dilettantistico, per le quali scrive e svolge telecronache. Quinto di sei figli maschi (quasi tutti granata), lavora e vive a L’Aquila con una compagna per metà granata.

131 Commenta qui
  1. prawn - 3 mesi fa

    Ieri mi sono visto un po’ di champions, un paio di riflessioni:

    – Il Man Utd sembrava il toro: svogliati, poca grinta, tanti passaggi sbagliati, spendono 100 volte piu’ di noi, hanno Mou come allenatore, sono secondi in classifica eppure queste ‘malattie’ comportamentali e di prestazione possono colpire anche squadre di livello superiore

    – La Roma ha fatto una gran partita, ho visto delle giocate pazzesche, tanta pazienza, copertura e ripartenze. Siamo anni luce, il 3-0 non dovrebbe certo stupire

    Direi che il Manchester United e’ un progetto ancora non finito, e il toro e’ lo stesso, c’e’ ancora da costruire un’ossatura, si era cominciato con Miha e ora c’e’ Mazzarri, ci vorra’ del tempo.
    Quanto a risultati, senza investimenti non arriveremo mai alla qualita’ di Roma, Napoli, ecc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. epecci68 - 3 mesi fa

      Quanto tempo ancora, secondo te? Sono solo 13 anni che aspettiamo fiduciosi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alexku65 - 3 mesi fa

    Molto ben scritto. Bravi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio sala 68 - 3 mesi fa

    Ancora a parlare del derby? Possibile che non si riesca mai a guardare avanti?

    Io sono l’ultimo a difendere Cairo però se non parla sbaglia, se parla sbaglia, se mette i biglietti ad 1 euro sbaglia perché non c’è più lo spirito Toro… Che palle

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. epecci68 - 3 mesi fa

      No, @claudio sala 68. Se avesse messo i biglietti a 1€ 20 partite fa sarebbe stato plausibile, condivisibile ed apprezzabile. Ma ora è tardi! Troppo comodo farlo solo per provare a raccattare gli spettatori persi a causa di scelte societarie ben precise! Un tormentone su Twitter recita #SIAMOAPOSTOCOSI. Bene! Basta assumersene la responsabilità! Ma di sicuro è colpa di Mihajlovic.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. claudio sala 68 - 3 mesi fa

        Quello che intendevo dire è che da settimane si continua a ripetere le stesse cose…ogni tanto bisogna guardare avanti altrimenti ci si attorciglia su se stessi e non se ne esce più fuori. C’è un allenatore nuovo con nuove idee…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. EUGENIO1962 - 3 mesi fa

    In questi giorni ho letto di tutto e di piu’ . Io voglio solo dire che purtroppo noi siamo il Toro , squadra minore di Torino. Lo dico per farvi presente quanto equilibrio manca nel nostro ambiente. Primi i gionalisti dei giornali locali, gli unici che parlano di noi da pag.14 in poi e sempre per cercare di creare polemica e di destabilizzare il nostro ambiente . Falliamo sempre , siamo sempre in crisi , i nostri giovani tutti bidoni. Ma i fallimenti juve ? Betancour per esempio ? Poi veniamo noi , tifosi caldissimi ma poco stabili (io per primo ). Abbiamo perso a Roma dopo che potevamo essere , nel primo tempo, 2 a 0 . La Roma è ai quarti di champions…. . In campionato aspettiamo e vediamo la fine. Vediamo quante squadre con il nostro potenziale economico avremo davanti , ma non diamoci per spacciate ancora prima della fine del girone di ritorno . Volgiamo che Cairo passi la mano ? A chi ? Io i soldi non li ho e Voi ? Sento parlare sempre da anni di Ferrero . E’ gobbo !! I cinesi sono poco sopra di noi . Per cui prima di dire che è stata stagione fallimentare aspettiamo e giudichiamo il tutto alla fine non a meta’ strada. Serve solo a far ridere altri…. che non aspettano altro (Tuttosport in primis….)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13797744 - 3 mesi fa

      Gobbi la famiglia Ferrero ? Pure piante ed alberi tifano toro, portando il nome dei giocatori che hanno fatto la storia . Sotto sotto nn sarai tu il rubentino ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. dukow79 - 3 mesi fa

      Ma cosa vuoi destabilizzare? Andiamo dal culo e veniamo ridicolizzati dai gobbi da 13 anni a questa parte e tranne rari periodi di leggero malessere, nessuno si è
      mai permesso di criticare Cairo per il suo operato. Qua ci sono degli squilibrati che lo paragonano persino a Sergio Rossi. Se Urbano si sente destabilizzato perchè Tuttosport sostiene che è affarista a cui frega poco del Toro ha solo da comprarselo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Leojunior - 3 mesi fa

    Ed infatti ho scritto che Borsano ci ha lasciato un’eredità importante. Sotto Cairo comunque ricordo è rinato il settore giovanile, il Fila, il Robaldo nascerà abbiamo una società seria e solida.
    Poi provinciali ditemi voi…. Milano, Inter, Napoli, Juve, Roma, Lazio e Fiorentina quando hanno 30 mila spettatori dicono stadio mezzo vuoto. Noi 12 mila abbonati, quindi tifosi da media classifica, e pensiamo di essere il TOP. Questo si è essere provinciali.
    Mi ricordo forse nel 2009 un certo Alessandro Proto diceva di voler comprare il Toro e di avere forti investitori alle spalle. Tuttosport, La Stampa, tutti i tifosi in subbuglio. Cairo disse “basta pagliacciate”… e la settimana dopo contestazione dura. Voi andata a leggere chi è Alessandro Proto su Google, e poi mi dite. Altra bufala partita all’epoca da Toronews, di un presunto acquisto da parte di uno sceicco. Altro giro altra contestazione… Ma poi è mai servito contestare? a me sembra che abbiamo sempre fatto danni. In ogni caso, irate fuori i soldi voi che contestate… sono sicuro che avete milioni pronti sotto il divano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luke90 - 3 mesi fa

      Ah!! Proto ecco come si chiamava il rappresentante della cordata di banchieri svizzeri… non mi veniva in mente… ne accennavo qui sotto ma non lo ricordavo proprio..
      Borsano è un mito: chi ha gestito “le finanza” residue post Cimminelli ha conosciuto il Toro proprio grazie a Borsano e ai suoi libri contabili.. in quegli anni era in cima ai pensieri dei tifosi e dei magistrati. Tra inchieste e fallimenti, debititori incavolati.. sfrutta il Toro per farsi eleggere in PSI battendo La Ganga…. e poi si prenda la buonuscita con Lentini pagato in nero.
      Ecco .. quando si parla di chi ha sfruttato il Toro.. lui è il mio preferito .. però ci ha portato in finale di coppa Uefa e quando se n’è andato la sua squadra ha vinto la coppa Italia (come fai a volergli male..) e poi ..il resto è storia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. epecci68 - 3 mesi fa

      La differenza che c’è fra Borsano e cairo è la stessa che passa fra Abramovic e Ghirardi. Smettetela di parlare di Borsano come causa della rovina del Toro, per favore! Vi ricordo che passarono 12 anni da quando vendette al fallimento. Non 2 anni, 12! E 5 presidenti! Dei quali uno, Goveani, vinse perfino una Coppa Italia. E qualche derby si vinceva… Il nanetto cosa ha vinto? A parte gli scudetti del bilancio, intendo? Evvai a spolliciare contro!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 3 mesi fa

        Sino a Borsano il Toro è stata una società sana dopo Borsano è diventata una società piena di debiti, difatti non l’hanno più presa persone serie ma perdaballe. Borsano avrà qualche responsabilità o no?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ddavide69 - 3 mesi fa

    Piero , io non ho mai detto che la colpa del nostro fallimento sia di Cairo,

    ho sempre detto che se avesse voluto avrebbe potuto non lasciar fallire il TORINO AC.

    Ne avrebbe avuto i mezzi e non lo ha fatto , tutto qui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piero - 3 mesi fa

      allora chi aveva dei soldi era colpevole perchè ha lasciato fallire il torino, per me è molto più colpevole chi l’ha fatto fallire e di più il mandatario, gli agnelli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Scott - 3 mesi fa

        Non è una colpa, sarebbe stato un merito. Una medaglia al valore.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luke90 - 3 mesi fa

      Davide, la stessa cosa varrebbe per DeLaurentis e il Napoli (rilevato dopo poche settimane), Della Valle per la Fiorentina o i cinesi per il Parma…
      E’ un po’ una forzatura.. soprattutto se è vero (SE …) fu, come si dice, Chiamparino a chiamare Cairo… non so se questa è una leggenda metropolitana ma SE, SE, fosse vero, significa che a Torino, e dintorni, non c’era un cane interessato al Toro e sono dovuti andare a pescare uno, che come dice buona parte del forum, del Toro non frega nulla.
      Ora non so se deprimermi perché nessuno tra chi ama(va) il Toro (a parole) si è fatto avanti o perchè il Toro lo ha preso uno a cui non frega nulla e ha pure il demerito di non essersi fatto avanti prima (ma d’altro canto se non gliene fregava nulla) … Comunque la metti …dicevo, è deprimente.
      Comunque .. dirò sicuramente una bestialità non condivisa ma, forse, era meglio farsi tutta la trafila (come Napoli e Fiorentina..) invece che ripartire dalla B.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. BogaBoga - 3 mesi fa

    Stile Cairo: attaccarsi ancora alle colpe di Miha è cosa da persone meschine. E cmq Miha, con tutti i suoi difetti, ha dimostrato cuore e passione. Cose che non appartengono al piccolo uomo Cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. BogaBoga - 3 mesi fa

    Ho appena finito di leggere l’articolo di Giordano e mi ero promesso di non entrare più su TN. Invece poi trovo il tuo articolo, caro Vincenzo. Mi piaci perché parli liberamente, senza calcoli, quello che chi scrive pubblicamente dovrebbe sempre fare. E capisco che la redazione di TN non c’entra niente, l’unico fazioso era ed è Giordano. Grazie Vincenzo e complimenti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. FanfaronDeMandrogne - 3 mesi fa

    Insomma, da quanto ho letto, quando si tratta di tirare in ballo squadre come il PSG o il RM o il Barcelona, ecc. per giustificare bracciamozze e la sua “politica di bilancio” e di “fair plau finanziario”(e la cosa mi può anche star bene, visto che NESSUNO dei Tifosi Granata chiede e sa di poter competere, per cifre spese e monte ingaggi, con queste corazzate), allora va tutto bene, ma quando si domanda a bracciamozze (e riprendo gli interventi di Athletic che condivido) di reinvestire le valenze, di non essere troppo “parsimonioso” e magari di pensare a Glorie Granata come Pulici, Graziani, Claudio Sala (tanto per fare dei nomi e cognomi) da inserire nell’organigramma, vista la loro enorme conoscenza dell’ambiente, allora gli “sputasentenze” si sprecano e cominciano a strepitare.

    Non volete che bracciamozze venda perchè temete (e magari anche a ragione) che si possa passare dalla padella alla brace.

    Allora almeno abbiate il pudore e la decenza di contestarlo per la sua avarizia, per il suo “attaccamento” alle valenze, per i suoi acquisti (consigliati o meno) sballati e inutili e per le sue “dichiarazioni mediatiche” che non stanno nè in cielo nè in terra.

    P.S.: costui dal Toro ha avuto visibilità, immagine, potere contrattuale e crescita imprenditoriale/finanziaria e dunque, se la Squadra fosse impostata (da tutti i punti di viasta) come si deve, con uno stabile collocamento nella parte sinistra della classifica ed in EL, avrebbe visibilità ed immagine europee, maggiori introiti dall’UEFA, maggior affezione da parte dei Tifosi, dunque incremento di abbonamenti e partecipazione, incremento di merchandising, ecc. e, in definitiva, incremento del fatturato e dei ricavi.

    Troppo difficile da capire…e da contestare…???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piero - 3 mesi fa

      è troppo difficile spiegarsi nel modo in cui lo hai fatto adesso, invece di scrivere come degli asini cairo vattene?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FanfaronDeMandrogne - 3 mesi fa

        Io ho sempre motivato la mia affermazione, a ragion veduta e a “bocce ferme”..

        Per questa osservazione rivolgiti a chi ha sempre e solo scritto “CAIRO VATTENE”.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. piero - 3 mesi fa

          hai ragione, scritto così sembrava solo rivolto a te, era cmq un’osservazione generale

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ribaldo - 3 mesi fa

      Solo un appunto: perche invece che “bracciamozze” non lo chiami con il suo nome?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. piero - 3 mesi fa

        perchè così si sente più figo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mazede70 - 3 mesi fa

          o allora per coerenza con un certo dissenzio senza oltraggiare ulteriormente!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Luke90 - 3 mesi fa

      Ti chiedo solo di spiegarmi il nesso tra Toro e potere contrattuale e crescita…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. claudio sala 68 - 3 mesi fa

      È chiaro il concetto, ripeterlo in qualsiasi contesto diventa stucchevole. Proviamo ad andare oltre il messaggio Cairo Vattene, così ci divertiamo tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dukow79 - 3 mesi fa

    Cairo ha sempre scaricato tutte le colpe (anche le sue) sugli allenatori, la storia parla per lui, l’unica eccezione che conferma la regola è stata Ventura che si è preso la responsabilità oltre che dell’allenatore pure del manager nascondendo le magagne societarie che ci sono sempre state dell’insediamento del presidentissimo. Mihajlović è solo l’ultimo di una lunga lista di allenatori che hanno pagato per mascherare le incapacità del presidente. A Torino non è facile allenare e fare calcio non certo per colpa dei tifosi, ma perchè c’è una società inesistente dove i seppur bravi Petrachi e Bava sono sempre stati costretti a far le nozze coi fichi secchi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Custer7 - 3 mesi fa

    Finalmente un articolo onesto di un giornalista senza bustarella.
    Continuare a sostenere che il fallimento di questa stagione sia da attribuirsi a Miha e alla “sua” campagna acquisti offende veramente l’intelligenza dei tifosi pensanti!!
    Miha avrà anche i suoi limiti come allenatore ma ha giocato a calcio ad alti livelli, ha avuto come compagni di squadra giocatori buoni e meno buoni e qualche fuoriclasse….questo per arrivare a dire che il serbo potrà anche non piacere per tanti motivi ma non è un coglione e sa riconoscere molto bene un brocco da un mediocre da uno forte e mai avrebbe preteso l’acquisto di una meteora come niang se avesse avuto altre scelte!!
    Poi pensate veramente che Cairo potesse avallare l’acquisto più oneroso della sua presidenza senza avere un fine e solo per accontentare un allenatore che neanche stimava più di tanto??
    Dai, capisco essere ingenui, ma la risposta mi sembra evidente.
    Niang è stato preso come parziale contropartita tecnica alla vendita di belotti che si concretizzerà la prossima estate e vedrete se non sarà così!! A Miha probabilmente sono stati proposti un paio di nomi del Milan e lui gioco forza ha scelto niang tra la lista dei papabili. Nelle interviste non ha mai detto il contrario perché il teatrino fa parte del gioco delle parti per cui chi percepisce stipendi milionari debba comunque piegarsi alla volontà del presidente padrone anche snaturando a volte il proprio carattere ( cosa che faremmo tutti avessimo la fortuna di essere al posto loro).
    Mi fermo a niang perché economicamente parlando è l’unico acquisto di peso , le altre entrate sono tutte dei “pagherò “ e/o scommesse quindi non fanno testo.
    Su sadiq non mi pronuncio, preferisco stendere un velo pietoso perché è talmente clamoroso/ingenuo prendere un giocatore simile come vice bomber in una squadra con ambizioni di EL (pensando che belotti sia immune da infortuni) che viene quasi da pensare (senza quasi) che ci prendano per il culo dall’inizio!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 3 mesi fa

      Il progetto tecnico era in carico a Miha, se dobbiamo individuare i responsabili il primo è lui. Oltretutto se non era d’accordo con la società sul mercato , poteva dare le dimissioni come ha fatto Nicola a Crotone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Custer7 - 3 mesi fa

        Si certo, me lo vedo proprio a dare le dimissioni e rinunciare a 1,5 mil all’anno per incomprensioni con il presidente tirchio!!
        Tu lo faresti vero??

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. dennislaw - 3 mesi fa

    Rispondo a Toro88 e poi la chiudo lì : non bisogna fare paragoni non corretti: il Torino di Zaccarelli e Cravero era alla frutta, in senso economico e aveva conquistato una promozione dalla B, con un Cimminelli che stava fallendo. Comunque Qauagliarella, Balzaretti, Comotto e Marchetti hanno giocato ( e giocano ancora alcuni) nelle migliori squadre italiane e non sono state delle meteore. Il che vuole dire che ci vogliono competenza e professionalità nella dirigenza e vale anche per oggi con molti più soldi a disposizione ( vedi diritti tv): non mi pare che Martinez , Perez, Carlao , Ajeti e le decine di brocchi comprati e scomparsi depongano a favore. Questo il nodo principale: tanto più che le valenze mettono a disposzie più soldi, in parte spesi malamente , senza un progetto vero. Quuesta è la radice dei nostri mali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. fabio.tesei6_503 - 3 mesi fa

    Secondo me in questo tipo di calcio è già un miracolo sportivo mantenere la categoria senza problemi di soldi, tutti giocatori di proprietà un settore giovanile in ripresa. Poi si può criticare tutto ma io preferisco Cairo che un quaquaraqua.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Toro88 - 3 mesi fa

    Sarò controcorrente ma io sto con Cairo tutta la vita. Usciamo dalla mentalità criticoni e perdente di chi cerca sempre di accampare scuse e dare le colpe agli altri. Ricordiamoci i 12000 abbonati e che i veri tifosi sostengono la squadra quando è in difficoltà mica solo quando va tutto bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RobertoDs63 - 3 mesi fa

      “Usciamo dalla mentalità criticoni e perdenti di chi cerca sempre di accampare scuse”….il primo è il presidente che ancora accampa la scusa che la colpa sia di Mihajlović, come se fosse stato qui 13 anni……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FanfaronDeMandrogne - 3 mesi fa

        Mi hai tolto le parole di bocca…!!! 😀

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 3 mesi fa

      quando è che va tutto bene ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Leojunior - 3 mesi fa

    Ragazzi, cerchiamo di non aver memoria corta (ed ai più giovani di andare a riguardare la storia del Toro negli ultimi 30 anni). Noi abbiamo avuto un grande Presidente, Rossi, che abbiamo contestato e fatto andare via per la cessione di Serena che peraltro era solo in prestito. Il risultato è stato serie B immediata l’anno dopo. Arrivato Borsano lo abbiamo osannato per le spese folli (ma ha anche venduto Dino Baggio 20 enne ad esempio). Borsano in grossissima difficoltà economica è stato praticamente assediato e minacciato dai tifosi per la cessione di Lentini. Borsano, e poi il suo prestanome Goveani, ci lasciarono però un’eredità importante tipo Christian Vieri 18 enne, Benny Carbone ecc ecc… dopo, e fino che non è arrivato Cairo solo macerie. Io dico che un presidente migliore di Cairo non lo possiamo avere, e non gli si può imputare di aver sbagliato acquisti, perché lui è un editore non un esperto di calcio. Eventualmente possiamo discutere Petrachi per aver seguito Mihajlovic nel suo folle acquisto di Niang (quando Belotti Igo e Lialic erano tutti in doppia cifra).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Intanto con Borsano siamo andati in finale di coppa Uefa e l’anno dopo che se ne ando’ con metà squadra vincemmo la coppa italia. Con cairo questi risultati te li sogni.

      E poi a questa storia che sia il miglior presidente non credo proprio , anche perché dopo 13 anni sarebbe ora dimostrasse un po’ di attaccamento verso i nostri colori perseguendo un obbiettivo sportivo finalmente, invece continua ad attribuire i progetti sportivi ai vari allenatori che si succedono .

      E’ ora di finirla di essere così provinciali.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 3 mesi fa

        Stra d’accordo!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. dennislaw - 3 mesi fa

    Ripeto e dico anche al Presidente ( sperando che ci legga…chissà mai): le avalenze non sono un tabù, il problema è il livello dello staff dirigenziale che ha dimostrato di essere quello di una squadra di bassa classifica:penso alle cessioni di Immobile e Quagliarella,sbagliate dal punto di vista tecnico e commerciale, o l’acquisto di Niang per una cifra spropositata rispetto al suo valore reale ( per quanto ci ha fatto vedere) ,o lo stesso ingaggio di Mihajlovic invece di un Gasperini ( che sembra costasse anche meno),la svalutazione di Lijaic,la scelta di Sadiq come vice Belotti e con lui il via vai di brocchi assortiti che comporta comunque spese. Il non aver valorizzato quanto di buono ( poco) c’era nel Toro di Cimminelli,leggi la coppia Zaccarelli- Cravero ( direttore generale e direttore sportivo)che aveva realizzato, in tempi più difficili, una rosa nella quale c’erano i vari Quagliarella, Balzaretti,Comotto, Marchetti, Mudingayi, Marazzina, Calaiò, Mantovani.Errori dovuti a presunzione mancanza di competneza, voglia di “rottamare” chiunque e comunque e che ci sono costati “lacrime e sangue”. Insomma ,lasciando da parte il passato, bisogna costruire una società all’altezza , anche nel settore giovanile. Detto questo, Cairo è almeno un “milanese”che investe a Torino invece di depredarci con il silenzio o l’assenso dele nostre scarse classi dirigenti della città.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro88 - 3 mesi fa

      Mudyngai Marazzina calaio… Ora Belotti Iago Falque e ljaic… una bella differenza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 3 mesi fa

        Beh potrei aggiungere Brevi ,Stellone , rosina … presi quando la legge melandri che spartiva i diritti tv non c’era .

        MA BISOGNA AVERE GLI OCCHI PER VEDERE PER ACCORGERSENE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. fuser90 - 3 mesi fa

        Marazzina pianse per non poter rimanere al torino ed el fallimentoed era un signor giocatore sciacquati la bocca quando parli del conte max

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. torinodasognare - 3 mesi fa

    250 milioni di cosa? Di niente. Di conti a posto, certo. Basta? No.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Ater64 - 3 mesi fa

    Certo che a molti risulta legnoso leggere tutte le risposte ma ho avuto modo dire che NESSUNO VUOLE SPENDERE I 250 MILIONI RICHIESTI dall’ edicolante in una struttura che ha nulla di proprietà . Le offerte ci sono eccone se ci sono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 3 mesi fa

      Va bene, ma con tutto il rispetto per quello che dici, puoi fornire anche qualce evidenza della veridicità della cosa o “me l’ha detto mio cuggino…”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. piero - 3 mesi fa

        É gente che sparla

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. gianTORO - 3 mesi fa

          un amico di un mio amico ha sentito dal cugino di uno zio del suo fidanzato che la red bull sarebbe intenzionata a iniziare a pensare di immaginare una potenziale entrata nel TORO.elemento frenante sarebbe al momento il cambio di logo da RED BULL a GRANATA BULL….

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luke90 - 3 mesi fa

      A mio personale avviso se qualcuno volesse prendere il Toro… lo direbbe.. eccome se lo direbbe .. a meno che non sia un due di picche. Tempo fa era ricorsa la notizia sui giornali di una persona, di cui non ricordo il nome, che diceva di rappresentare un cordata, o simili, di banchieri svizzeri. Cairo volle sapere i nomi .. e tutto finì lì.. uhm!!
      Ripeto se ql.no vuole il Toro basta fare una conferenza stampa e se fai breccia sui tifosi .. è quasi fatta.. ovvio che non puoi pensare di prenderlo per 4 soldi..
      Cmq allego cosa disse Regis nel 2010 (sicuramente un’eternità.. ma…):

      “Ho definito questa ricerca anche disordinata e disperata, ……
      Ebbene durante questo percorso abbiamo riscontrato vari comportamenti.
      Imprenditori che ci hanno chiuso senza replica la porta in faccia, anche tra quelli indicati da tutti come possibili salvatori del Toro.
      Imprenditori che hanno sorriso, annusato, annuito e poi si sono defilati.
      Imprenditori che si sono detti “interessati” ma preferiscono “vedere come evolverà il progetto” (bella frase ).”….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. PB53 - 3 mesi fa

    OGGI NON ESISTE NESSUN IMPRENDITORE IN GRADO O CHE ABBIA VOGLIA DI COMPRARE IL TORINO. METTETEVI IL CUORE IN PACE. COME SCRIVE GIUSTAMENTE ATHLETIC NESSUNO SI E’ ANCORA PRESENTATO E DOPO PIANELLI E ROSSI (CACCIATO DAI TIFOSI DEL TORO E NON PERCHE’ NON AVVESSE FATTO INVESTIMNENTI) CI SONO STATI SOLO DEI CIAPARAT E SI E’ VISTO LA FINE CHE HA FATTO LA SOCIETA’.
    A FRONTE DI OFFERTE SERIE CIARO PROBABILMENTE POTREBBE PURE PENSARCI. MA A TORINO PER IL TORINO OFFERTE SERIE NON NE ARRIVERANNO. CHISSA’ PERCHE’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NojosTachis - 3 mesi fa

      Nessuno si è presentato perchè la società non è in vendita.
      Una società in serie A con i conti a posto e un bacino d’utenza come il nostro (infatti lui ci tiene per farsi pubblicità mica per darci qualche gioia) farebbe gola a tutti.
      Purtroppo non mette in vendita. Ma il giorno che lo farà sta pur certo che in un mesetto un altro arriva.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 3 mesi fa

        Questa è un’altra bufala al pari dei giocatori che sarebbero dovuti restare al Toro a fronte di offerte da parte di Chelsea e Man Utd. Non so che lavoro facciate voi, ma se io ho un’azienda non mi sogno di andare a dire che è in vendita, perchè questo significa andare col cappello in mano dalla multinazionale o dal concorrente e farsi fare un’offerta minima. Potrei farlo se fossi oberato di debiti, è quindi costretto, come successo a Zamparini o Preziosi, che poi tra l’altro nonostante aver messo in vendita le società l’unico che si è fatto avanti è un ex inviato delle iene. Ma se ho un’azienda sana aspetto che sia la multinazionale a farsi avanti e farmi un’offerta. Quindi non è Cairo il cattivone che non vende, sono le offerte che latitano, perchè Cairo come qualsiasi altro uomo d’affari ascoltetebbe qualsiasi offerta, e se l’offerta ci fosse davvero, trapelerebbe senza alcun dubbio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. piero - 3 mesi fa

        Noiosotachis ma non sparare cazzate ma sei nato l’altro ieri o pensi che lo siamo noi?
        Vai a prendere per il culo i gobbi, ma lo fai gratis o ti pagano?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. RobertoDs63 - 3 mesi fa

        Nojos tachis, non prendere per il culo DRI fratelli granata….c’è già uno che lo fa’ da 13 anni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. piero - 3 mesi fa

          Infatti ci ha preso talmente per il culo che in 13 anni ha portato una societá di calcio nuova partendo da 0 tra le prime 10 d’italia, feve furb farloc.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 3 mesi fa

            Beh ci ha lasciato fallire , siamo allo stesso punto del 2002 quando c’era cimminelli a livello di classifica.

            E aggiungo che allora cimminelli NON AVEVA le entrate di cairo dei diritti tv , quindi prima di parlare informati.

            Mi piace Non mi piace
          2. RobertoDs63 - 3 mesi fa

            Quelli come te vengonobpresi per il culo e neanche se ne accorgono…..farloc.

            Mi piace Non mi piace
          3. piero - 3 mesi fa

            come che cairo ci ha lasciato fallire? ossia ciminelli messo apposta dagli agnelli per agevolare le pratiche per la demolizione del delle alpi e la concessione dei diritti su aree limitrofe nonchè la costruzione di uno stadio di proprietà non è il colpevole del nostro fallimento? scusami ma non dire cazzate chi non è informato forse sei tu oppure semplicemente come le pecore segui il gregge di chi non ha altro da fare che scrivere cairo vattene

            Mi piace Non mi piace
          4. ddavide69 - 3 mesi fa

            Caro Piero , Cairo ci ha lasciati fallire e lo confermo e se sostieni il contrario o sei in malafede o sei cieco .

            Se avesse voluto prenderci non avrebbe aspettato l’intervento dei lodisti che almeno hanno salvato il salvabile.

            Per EVITARE DI SPENDERE dei soldi ed avere una squadra con dei calciatori di proprietà ha preferito comprare una scatola vuota da riempire con quello che gli offriva il mercato dei prestiti .

            Questa è una cosa VERGOGNOSA per uno che vuol prendere una società qualsiasi per farla crescere , e se non avesse i 40 milioni dei diritti tv saremmo ancora a fare l’ascensore tra a e b .

            Questa è la verità ! Il resto sono cazzate.

            Mi piace Non mi piace
          5. piero - 3 mesi fa

            ossia chiunque avesse comprato il toro dopo l’intervento dei lodisti sarebbe stato il colpevole del fallimento? non credi che chiunque ha il diritto di comprare al prezzo che più gli conviene? non per questo è colpevole di qualcosa che un altro ha provocato. colpevole del fallimento è chi lo crea indirettamente gli agnelli che ci hanno inculato per bene e senza vaselina

            Mi piace Non mi piace
          6. maraton - 3 mesi fa

            @piero – il problema grosso e che se cairo comprava prima che il TORO fallisse doveva corrispondere in toto di tutti i debiti accumulati. troppo facile avere la memoria selettiva come certi utenti che sparano solo “fanfaronate” per giustificare le loro posizioni, oltremodo ricorrendo spesso e volentieri all’insulto quando i commenti non collimano con i loro 2 neuroni in croce.

            Mi piace Non mi piace
          7. piero - 3 mesi fa

            vero maraton, purtroppo a parte gli alti e bassi del nostro toro dobbiamo lidiare con certa gentaglia che non so se lo fanno apposta o ci sono mah

            Mi piace Non mi piace
      4. umbbobb - 3 mesi fa

        con l’influenza dei gobbi e agnelli non credo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Luke90 - 3 mesi fa

          @ddavide69 ci ha fatto fallire come tutti quelli che non ci hanno dato una mano… A Cimminelli del Toro importava meno di nulla … e ci ha lasciato con 60mln di debiti (almeno così diceva il prof. Cerri.. se ricordo bene)
          Insomma nessuno, serio, si è fatto avanti.. ed è pure colpa sua se siamo falliti..

          Capisco tutto, ma questa..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 3 mesi fa

            i debiti erano 28 ,circa 12 erano quelli della famosa fidejussione per coprire l’iscrizione alla serie A .

            Il nostro amato presidente (attuale) ha preferito lasciarci andare , ci hanno salvato i lodisti recuperando almeno la serie B.

            In ogni caso fossero 60 i milioni avresti avuto un sacco di giocatori di proprietà e saresti stato in serie A e invece hai fatto una squadra di giocatori in prestito e sei partito dalla B : una bella differenza !!!

            Mi piace Non mi piace
          2. ddavide69 - 3 mesi fa

            Per quanto riguarda il fatto che nessun altro si fosse fatto avanti è vero ma in parte.

            In realtà col senno del poi io non so’ cosa sarebbe successo con i mezzaroma e i lotito , probabilmente saremmo finiti come la salernitana a fare la serie B .

            Forse alla lunga dopo tutti questi anni avrebbe cercato un compratore a sua volta oppure no .

            Dal fallimento non c’è stato molto tempo per pensare neppure per i potenziali acquirenti , ammesso che ce ne fosse qualcuno interessato, perchè ci si doveva subito iscrivere ad un campionato e Cairo comunque aveva dato la sua disponibilità .

            Una cosa invece la sappiamo :

            da 13 anni languiamo in mezzo alla serie A .

            Mi piace Non mi piace
  20. Gemini - 3 mesi fa

    Che barba con questa storia del: Ma se Cairo ci vende chi ci prende? Quando si sono cacciati i vari presidenti di prima compreso un certo Orfeo Pianelli che ci ha fatto vincere uno scudetto non ci siamo mica mai posto questo problema. Stai tranquillo che se c’è gente che si compra il Parma, il Milan, la Samp ecc.. qualcuno che compra noi c’è di sicuro. Ovvio che per esserci uno disposto a comprare ci deve essere uno disposto a vendere, avendere a prezzo ragionevole aggiungo io. Solo che al sig. Cairo fa troppo comodo tenere il Toro, fatti due domande sul chi era e cosa aveva prima di acquistare il Toro e cos’ha adesso. Per lui il Toro è una autentica miniera: Gli ha dato soldi notorietà e credibilità, ha anche fatto dimenticare alla gente i suoi guai giudiziari. (E sì.. ne ha avuti pure lui)Perchè dovrebbe vendere quindi? come tutti i parassiti fino a che non sfrutta tutte le risorse dell’ospita a cui si è attaccato ha tutti gli interessi a non vendere e tanto peggio se per fare questo farà sparire il Toro e i suoi tifosi.. Alle volte per curare una malattia grave o un tumore devi subire un’operazione rischiosissima che potrebbe salvarti la vita o potrebbe anche andare male, ma tu non stai a chiederti come andrà, se hai solo quella speranza e vuoi vivere l’operazione la fai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. alètoro - 3 mesi fa

    I fatti documentano ampiamente che la gestione Cairo ha dato luogo alla seguente logica equazione: valenze finanziarie = assoluta mediocrità dei risultati sportivi in quanto è evidente che i sostituti dei calciatori più tecnicamente dotati, ceduti immancabilmente a fine stagione, posseggono e dimostrano una valenza tecnica inferiore rispetto appunto agli stessi in uscita.
    E’ vero, il bilancio societario vanta una contabilità oculata e sostanzialmente perfetta ma, a questo punto, invito tutti i lettori di questo forum a divertirsi con il sarcastico ultimo articolo della rubrica “Prima che sia troppo Tardy” visualizzabile alla colonna Columnist.
    Infatti l’autore di tale rubrica in questo esilarante articolo inquadra perfettamente con pungente ed efficace ironia la gestione amministrativa del Club attuata durante gli oltre 12 di presidenza del patron Cairo.
    Rammento tuttavia che anche altri predecessori dello stesso Cairo sostanzialmente hanno attuato la medesima politica di gestione della Società e di conseguenza le soddisfazioni concrete di noi, tifosi del TORO inteso Squadra, arrivano davvero con il contagocce, basti pensare che l’ultimo Trofeo in bacheca è la Coppa Italia datata Giugno 1993 ossia circa 25 anni fa, pertanto il tempo equivalente ad una intera generazione.
    Pertanto è assolutamente evidente che perseverando nella strategia delle valenze finanziarie, attuata nella storia del Club degli ultimi decenni, i risultati sportivi della squadra saranno sempre e comunque nettamente inferiori rispetto alle aspettative degli stessi tifosi.
    A quel punto, come nel caso specifico personale, si attua un lento e graduale processo di disaffezione nell’animo del tifoso granata tradito che causa quale inevitabile conseguenza la diserzione dallo stadio.
    Credo che la Società sia consapevole di tale gravissimo rischio ossia che le gradinate dello Stadio Olimpico Grande Torino si stanno gradualmente svuotando. Infatti in occasione della partita TORO – Fiorentina di domenica prossima la Società attua la promozione del costo del biglietto per i ragazzi/bimbi Under 12 al prezzo di € 1 in ogni Settore.
    Agli occhi di tutti gli adulti tifosi del TORO, questa promozione del TORINO F.C. appare la mossa della disperazione in quanto è ben chiaro il concreto rischio che le giovani generazioni di potenziali tifosi del TORO spariscano gradualmente e definitivamente in quanto è oggettiva l’attuale amara constatazione che “al TORO non si vince nulla” e ad ogni adolescente non piace assolutamente e legittimamente essere vittima di bullismo da parte dei coetanei, le cui squadre del cuore invece sono abituate a vincere periodicamente.
    Proprio ala luce di tale oggettiva situazione personalmente sono assolutamente convinto e ribadisco che in occasione del prossimo mercato estivo il patron Cairo e quindi la Società TORINO F.c. sono davvero di fronte ad un bivio.
    Nella sostanza occorre che il patron Cairo si decida finalmente ad attuare un piano di graduali investimenti finanziari che permettano una progressiva crescita sotto l’aspetto tecnico della squadra al fine di conseguire quale obiettivo i prestigiosi risultati sportivi che tutti i tifosi del Toro attendono da troppo tempo. Diversamente il TORO persevera, nella migliore delle ipotetiche previsioni, a galleggiare nel mediocre limbo di squadra di metà classifica, come accade anche nel campionato in corso.
    Attualmente l’imprenditore Cairo vede e prende atto oggettivamente, come tutti i tifosi granata constatano amaramente, che il TORO rappresenta per il consuntivo di risultati conseguiti la sua peggiore Azienda.
    Personalmente mi domando se è possibile che egli non sia mosso nell’animo da un monito di orgoglio e non si decida finalmente ad attuare una reale politica atta a realizzare una concreta crescita tecnica della squadra finalizzata a migliori risultati sportivi.
    Personalmente sono disposto in questo progetto a concedergli ancora tempo ma, come è naturale e logico nella vita in genere, anche la pazienza umana un giorno ha un limite … Comunque e sempre Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BogaBoga - 3 mesi fa

      Mizzica fratello usa uno stile un pò meno pomposo. Sembra che parli con l’imperatore del Sacro Romano Impero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. torinodasognare - 3 mesi fa

    Più penso alle parole di Cairo, più mi incazzo. Mollare pubblicamente a marzo è una cosa che nessun tifoso del Toro vorrebbe mai vedere.
    Ed è pure antisportivo, tra l’altro….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. umbbobb - 3 mesi fa

    trovo sia anche giusto criticare ma quello che penso ad oggi quanti pretendenti ci sono del torinofc? non credo molti si sono fatti avanti per acquistare la societa’
    a men oche qualcuno di voi sappia cose che altri non sanno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      perchè qualcuno dovrebbe presentarsi se il venditore non mette in vendita il bene ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Scott - 3 mesi fa

      Il tema é: cosa deve fare il presidente del Toro per i tifosi e la squadra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gemini - 3 mesi fa

      Che barba con questa storia!! Quando si sono cacciati i vari presidenti di prima compreso un certo Orfeo Pianelli che ci ha fatto vincere uno scudetto non ci siamo mica mai posto questo problema. Stai tranquillo che se c’è gente che si compra il Parma, il Milan, la Samp ecc.. qualcuno che compra noi c’è di sicuro. Ovvio che per esserci uno disposto a comprare ci deve essere uno disposto a vendere, avendere a prezzo ragionevole aggiungo io. Solo che al sig. Cairo fa troppo comodo tenere il Toro, fatti due domande sul chi era e cosa aveva prima di acquistare il Toro e cos’ha adesso. Per lui il Toro è una autentica miniera: Gli ha dato soldi notorietà e credibilità, ha anche fatto dimenticare alla gente i suoi guai giudiziari. (E sì.. ne ha avuti pure lui)Perchè dovrebbe vendere quindi? come tutti i parassiti fino a che non sfrutta tutte le risorse dell’ospita a cui si è attaccato ha tutti gli interessi a non vendere e tanto peggio se per fare questo farà sparire il Toro e i suoi tifosi.. Alle volte per curare una malattia grave o un tumore devi subire un’operazione rischiosissima che potrebbe salvarti la vita o potrebbe anche andare male, ma tu non stai a chiederti come andrà, se hai solo quella speranza e vuoi vivere l’operazione la fai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 3 mesi fa

        Eh..infatti dopo Pianelli e Rossi è arrivata tutta gente seria…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Carlao 5 - 3 mesi fa

          E allora vuoi continuare von la gente pivo seria?
          Secondo te Cairo non appartiene a questa categoria?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Athletic - 3 mesi fa

            Piuttosto di un perdaballe che potrebbe portarci ad nuovo fallimento decisamente sì, meglio un imprenditore serio che tiene il Toro nella parte sinistra della classifica di serie A. Preferisco aspettare l’offerta che tutti sogniamo in questo modo piuttosto che a far la spola tra A e B

            Mi piace Non mi piace
          2. Athletic - 3 mesi fa

            Ah, e quello che ho detto non significa non criticare Cairo quando sbaglia qualcosa o quando prende gli Amauri o non investe i soldi incassati.

            Mi piace Non mi piace
          3. RobertoDs63 - 3 mesi fa

            Per il guidare il Toro come lo guida attualmente Cairo, basta essere un buon direttore d’azienda, onesto e con la testa sulle spalle e di avere al suo fianco un ottimo DS, stai sicuro che non si fallirebbe ugualmente.

            Mi piace Non mi piace
          4. Athletic - 3 mesi fa

            In effetti questo non è lontano dal vero ed è quello sostanzialmente imputo anche io a Cairo, gestione troppo parsimoniosa, mancanza di uno o due dirigenti di rilievo, personalmente aggiungo l’errore nella scelta di Miha.

            Mi piace Non mi piace
        2. ddavide69 - 3 mesi fa

          Guarda che Borsano se fosse durato Craxi per altri 3-4 anni sarebbe diventato quello che è stato Berlusconi per il milan.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Athletic - 3 mesi fa

            Certo, e se mia nonna avesse le ruote, sarebbe una carriola.

            Mi piace Non mi piace
  24. Scott - 3 mesi fa

    E’ innegabile che le dichiarazioni di cairo abbiano il solo scopo di convincere gli azionisti, i tifosi, che le cose sono ben fatte. Memorabile quella di Sadiq, siamo a posto per l’EL. Grande evidenza delle spese, svicolaggio delle entrate. In molti gli hanno creduto, in tanti non gli credono più. Purtroppo non c’e’ una visione d’investimenti e quel che è peggio neanche l’obiettivo di riutilizzo degli utili. Il Toro è una società equiparabile ad una fabbrica di bulloni, pur essendo una società sportiva. Macina utili con il meccanismo più semplice: comprare e rivendere al doppio/triplo. Semplicemente non fa quello che fanno la stragande maggioranze delle società sportive che incrementano gli utili attraveso il marchandaising, gli stadi di proprietà, la partecipazione alle competizioni europee, la’llargamento del bacino di utenza. Dove gli altri si espandono, grazie al risultato sportivo, il Toro si ritrae. E’ evidente e chiaro il restringimento del bacino di utenza, stioamo per diventare una riserva indiana. Ma questo a cairo non importa. Per lui il portafogli è una specie di trappola che azzanna le mani se ce le ficchi dentro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Spadowsky - 3 mesi fa

      Totalmente d’accordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Scott - 3 mesi fa

        A molti non è chiaro che così si muore di eutanasia, invece di morire per mano di Ciucciariello.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Fantomen - 3 mesi fa

    Ho un fondato motivo per pensare che Cairo e petrachi non siano tanto in sintonia……..per tematiche legate al serbo …….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. BAVARO GRANATA - 3 mesi fa

    LE PAROLE di un mentitore seriale in mala fede non hanno alcun valore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NojosTachis - 3 mesi fa

      Esatto; le parole di Cairo non hanno alcun valore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. robertopierobo_206 - 3 mesi fa

    Come ho già avuto modo di dire sono sconcertato dal come il Presidente abbia potuto uscirsene in quedto modo gettando benzina sul fuoco. Un guoco che era prevalentemente ,al momento, indirizzato verso lo scarso impegno dei giocatori. Un uomo di “comunicazione” come lui non avrebbe dovuto “aizzare” la gente addirittura tessendo le sue lodi nel bel mezzo del compiersi di un altro “fallimento” sportivo. Infatti tuttosport l’ha , ignobilmente, sbattuto in prima pagina. Incredibile. Come “bisogna valorizzare i giovani”. Cosa si vera ma che detta dal Predidente alla stampa destabilizza squadra ed allenatore mandando tutti in vacanza ed altri in lista di cessione. Dunque chi si impegna più? Per cosa? Boh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. torinodasognare - 3 mesi fa

    Sono d’accordo sul fatto che è molto importante seguire le giovanili, ma se la prima squadra fosse costantemente nei primi sei posti della classifica sarebbe un traino pazzesco per le nuove leve…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. torinodasognare - 3 mesi fa

    Comunque tifare per una squadra senza obiettivi è avvilente… Bisogna ogni volta pensare alla maglia e al suo colore, alla storia e ai suoi miti. Non so quanto possa durare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Etnagranata - 3 mesi fa

    Pensiamo un po positivo proprio oggi che una nostra squadra giovanile ha vinto un torneo importante.
    Ricordiamoci che la nostra stella è stata e dovrà essere la “cantera” scalzando in Italia l’Atalanta e le squadre più ricche.
    Io approvo il lavoro che stanno facendo Comi e Benedetti e se portiamo i nostri figli allo stadio sarà un susseguirsi di ottimismo.
    Fotra Toro Sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piero - 3 mesi fa

      parlare di calcio e del toro non ci interessa…. buuuuu

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. piero - 3 mesi fa

        era in senso ironico….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. NojosTachis - 3 mesi fa

      Se Cairo continua su questa linea saranno sempre meno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. user-13657769 - 3 mesi fa

    Articolo in completa sintonia con i miei pensieri.
    Unica cosa da aggiungere, a mio avviso, è che il trend negativo non finisce qui, torneremo in B, in uno, due, tre anni…è sarà proprio in quel momento, quando avrà spremuto tutto, che metterà in vendita.
    Una sanguisuga praticamente!
    Buona notte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Veyser - 3 mesi fa

    Se l’intento era quello di guadagnarsi le simpatie dei contestatori di Cairo l’articolo ha sicuramente un senso… Se vuole essere un’analisi puntuale parte da un presupposto a parer mio errato… Si dice che dopo il settimo posto è cominciato il declino ma non si analizza quanti soldi hanno speso le squadre che in questi anni sono arrivate davanti a noi…. Cairo non è Cinese, Arabo o Russo… È un imprenditore estremamente capace ma non potrà mai rendere il Toro una potenza mondiale tipo Real o Barcellona… Non ne ha la potenza economica né il Toro ha un fatturato tale da poter competere… Continuare a autofinziarsi vendendo i migliori è l’unica cosa che si può fare, sperando sempre di trovare i giovani da valorizzare e vendere… Spiace dirlo ma è l’unica strada percorribile a meno che Chiarizia non decida di comprarlo lui allora di sicuro si vincerà la Champions…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 mesi fa

      Ora che ci penso bene hai ragione, in TUTTO il pianeta solo due persone possono prendersi il Toro. Una è chi lo possiede già, l’altro è Chiarizia 😀

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Veyser - 3 mesi fa

        No adesso all’elenco aggiungo pure te :-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Veyser - 3 mesi fa

      No adesso all’elenco aggiungo pure te :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 3 mesi fa

        Peccato che con tutti questi magnati interessati, il Toro non se lo fila nessuno da 40 anni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. vittoriogoli_789 - 3 mesi fa

      Veyser nessuno dice a Cairo di investire soldi suoi ma solo di utilizzare le valenze generate.
      Sta facendo appassire il Toro, manca l’anima, tradisce la nostra storia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

      Scusami ma anche tu parti da un presupposto sbagliato. Il Toro i soldi li ha. Non gli servono quelli di cairo e infatti il punto non è se cairo ha o non ha le potenzialità economiche. Le ha il Toro grazie alle valenze realizzate. Nessuno si sogna di diventare real o Barcellona, ci basterebbe che fosse investito Buona parte di ciò che si ricava per migliorare la rosa e la struttura societaria. Tutto qui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 3 mesi fa

        Ecco su questo sono d’accordo, vanno investiti i soldi in cassa, che ci sono.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 3 mesi fa

          Mi sembra evidente Cairo non li voglia investire ed è questa la unica ragione xke lo si contesta a tal punto che si preferirebbe che vendesse.
          Come dice granatierie nessuno si sogna di essere il. barça o il Real

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Athletic - 3 mesi fa

            Le motivazioni del malcontento li capisco benissimo e sono anche le mie, ma io non sarò mai per un cambio alla cieca, prima voglio sapere chi arriva.

            Mi piace Non mi piace
          2. Simone - 3 mesi fa

            Non sempre è possibile conoscere i possibili acquirenti ma cio’ non toglie che se Cairo alzasse i tacchi non mi spiacerebbe.
            In questi anni non ho mai detto nulla contro di lui, mai!
            La scelta di tenere a giugno Miha, di tenerlo dopo la sconfitta di Firenze e in ultimo ma FONDAMENTALE l’immobilismo di gennaio è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso

            Mi piace Non mi piace
      2. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

        Ciao Fratello.
        SD agros terralba.
        Verso le 17.30

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

          Ok fratello a domani

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Spadowsky - 3 mesi fa

      Comunque se arrivi in Europa League qualche milioncino dalle ripartizioni degli introiti lo inizi anche a vedere e se ti piazzi bene non sono nemmeno pochi, per non parlare della rivalutazione degli sponsor e dei diritti tv…diciamo che se investi e non arrivi al risultato che ti sei prefissato (sportivo ma anche economico) non sei poi un così grande amministratore…insomma Cairo non lo ammetterà mai, ma quest’anno ha sbagliato tutto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. anci - 3 mesi fa

    il fallimento è di MIjalovic…si ma mica l’ho scelto io il serbo… che faccia di tola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Pimpa - 3 mesi fa

    E che vado dicendo io a suon di pollici versi da anni?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piero - 3 mesi fa

      cazzate forse?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FanfaronDeMandrogne - 3 mesi fa

        Qui l’unico che è incapace di controbattere un qualsiasi argomento, che insulta per primo e che scrive cazzate sei tu, lobotomizzato di bracciamozze…!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. piero - 3 mesi fa

          se tu ragioni sempre a bocce ferme vai a prenderti una camomilla che hai il sangue alla testa,poi mi spieghi quello del lobotomizzato

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. prawn - 3 mesi fa

    Concordo su tutto ma ha senso che Mazzarri arrivi prima per valutare la squadra e almeno salvare un minimo di reputazione.
    Non ha avuto senso non investire a gennaio.
    Cmq squadretta da quattro soldi che se va bene arriva nona, se va male dodicesima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Simone - 3 mesi fa

    Uno dei pochi articoli del sig. Chiarizia che non posso che CONDIVIDERE nella sua interezza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Akatoro - 3 mesi fa

    Cairo come il 90% delle persone davanti ai microfoni, dirà che va sempre tutto bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. sylber68 - 3 mesi fa

    CAIRO VATTENE E SPARISCI!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piero - 3 mesi fa

      che originale! potresti scrivere un libro con i tuoi argomenti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Akatoro - 3 mesi fa

    Cairo è il classico tipo della barzelletta: il presi del consiglio indice un comunicato a reti unificate
    ” Cari concittadini ho una cattiva e una buona notizia. La cattiva è che ci è rimasta solo merd… da mangiare. La buona è che ce ne è per tutti”.
    Cairo è come quel tipo, solo che lui racconta solo la buona notizia.
    Cairo, come il 90% Delle p

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Bellissima

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. user-13793800 - 3 mesi fa

    Povero Toro…che amarezza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. ddavide69 - 3 mesi fa

    Non c’è nulla da aggiungere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. user-13746076 - 3 mesi fa

    Concordo con l’articolo. È innegabile, da quella stagione del settimo posto e’ un lento arretramento. Continuerà ancora nella prossima stagione e oltre… Sino alla vendita, quando vi saranno le somme delle riserve straordinarie a bilancio da incassare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. piero - 3 mesi fa

      così sarete tutti felici e contenti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. dattero - 3 mesi fa

        e’ dalle piccole cose che vedi quelle grandi.
        le giovanili non han maglie di ricambio,il fila in affitto e non terminato,robaldo fermo perche vuole che i campi li faccia il comune,bugie ed inesattezze a gogo’,ma pian piano tutto viene a galla.
        c’e’ un inizio e c’e’ una fine.
        son esistenti alternative,un paio

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. dattero - 3 mesi fa

        tutto inizia e tutto finisce.
        e’ dalle piccole cose,che si vedon le grandi.
        bugie a gogo’,fila in affitto,robaldo fermo perche vuole che sia il comune a fare i campi,giovanili senza giro maglie di scorta.
        il mondo va avanti,alternative ci sono,almeno un paio

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. dattero - 3 mesi fa

          santocielo,scusate il doppio commento,non volevo essere invadente

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy