Mazzarri al bivio bianconero

Mazzarri al bivio bianconero

Il Granata della Porta Accanto / La partita con l’Udinese importante per l’Europa, quella con la Juve importante a prescindere

9 commenti

Nel giochetto della corsa agli obbiettivi stagionali il calendario ha ironicamente proposto un doppio ostacolo bianconero sul cammino del Toro. Udinese e Juventus testeranno sul prato del Grande Torino le ambizioni della squadra, la prima, e la stoffa “da Toro”, la seconda. Due match diversi per la forza dell’avversario, ma ugualmente probanti sul piano dell’impegno per capire quanto il lavoro di Mazzarri stia entrando in profondità nella testa (e nelle gambe…) dei giocatori.

L’Udinese di Oddo arriva da un periodo di grandissima forma e risultati avendo scalato la classifica dalla zona retrocessione alle soglie della zona Uefa. Stessa posizione del Toro, l’avvento dell’ex tecnico del Pescara ha portato gioco e punti alla squadra friulana, un po’ quello che tutti si aspettano che faccia Mazzarri col Torino. Per ora in casa granata i punti sono i medesimi dell’andata e il gioco non ancora fluido (ma a Genova si è visto un deciso passo avanti in questo senso) come vorrebbe l’allenatore livornese, però le sensazioni sono in generale buone, come se da un momento all’altro potesse innestarsi un piacevole cambio di marcia. Questo doppio impegno,però, è molto pericoloso sotto questo profilo: uscirne bene in termini di punti e prestazioni sarebbe davvero una potenziale svolta nel percorso di consapevolezza del reale obbiettivo stagionale (la famosa Europa…). Uscirne male, invece, potrebbe costringere Mazzarri a dover ricominciare quasi da zero il lavoro con la squadra. Con il vantaggio che lavorerebbe per il futuro in vista della prossima stagione, ma con l’handicap della mancanza di motivazioni che una stagione già virtualmente finita a marzo toglie in toto (e ne sappiamo qualcosa dall’anno scorso).

Chiaro che l’idea di fondo è di essere abbastanza consapevoli di poter battere l’Udinese, ci mancherebbe, ma non sarà una passeggiata sebbene in due partite al Comunale per Mazzarri sono fioccati due 3-0. Non avere l’ex tecnico di Napoli, Inter e Watford a bordo campo potrebbe essere un punto a sfavore soprattutto adesso che i giocatori hanno ancora bisogno di tanti consigli “in diretta” per mettere in pratica al meglio il suo gioco, così come potrebbe essere un problema la voglia di rivalsa di Maxi Lopez. L’argentino ha avuto un legame fortissimo con la piazza granata per cui immagino una bella accoglienza da parte dei tifosi, un po’ meno con gli staff tecnici e la dirigenza visti alcuni suoi comportamenti poco professionali. La motivazione potrebbe riaccendere il suo immenso (e mal sfruttato in carriera) talento e costringere la difesa del Toro agli straordinari. Ma se Atene rischia di piangere, Sparta non riderà affatto perché anche la difesa dell’Udinese dovrà fare gli straordinari visto che si dovrà guardare dal voglioso rientro dal primo minuto del Gallo Belotti, la cui fame di gol speriamo sia di buon auspicio per un ultimo terzo di campionato da giocare a mille per l’abbordaggio al sesto/settimo posto.

Cairo, intanto, dorme sonni tranquilli tra i successi in Lega per l’affare dei diritti tv e la consapevolezza che se sarà Europa ne trarrà onore perché la squadra è la stessa che lui considerava forte in estate e che si è guardato bene dal rinforzare a gennaio. Se non sarà Europa, ebbene, la colpa ricadrà equamente sui due allenatori che si sono spartiti le 38 partite di questo campionato. Uno scacco matto perfetto ai tifosi che non potranno, quindi, che essergli riconoscenti. E a cui non resterà altro cher tifare, tifare, tifare affinché Mazzarri riesca nella sua impresa. Per le certezze ci si penserà, anche quest’anno, il prossimo anno…

9 commenti

9 commenti

  1. pier - 2 settimane fa

    La fiorentina dovrebbe chiedere la ripetizione della partita per errore tecnico. L’arbitro non può aspettare un responso di terzi senza guardare le immagini. Lui la decisione l’aveva presa (rigore) se cambia idea deve essere lui a valutare le immagini. Altrimenti l’arbitro della partita è un estraneo qualunque; anzi no, non è un estraneo, è uno stipendiato a strisce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cuoretoro - 2 settimane fa

    Chi sarà l’espulso del prossimo derby?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

      Belotti… lo meneranno mirando scientificamente al ginocchio infortunato.
      E lui verrà espulso x istigazione al fallo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RobyMorgan - 2 settimane fa

    Siete ridicoli!!!!
    Ma l’Europa vi sonmergera’ del vostro stesso MARCIUME , peccato per voi che non ci saranno arbitri italiani e forse la squadra estera potrà giocare liberamente.
    Adesso tocca al Totthenan e forse capirete cosa vuol dire giocare al calcio con regole oneste.
    Non so dire se mi fate più schifo , rabbia o malinconia gobbi presuntuosi e falsi.
    Buonanotte e sempre FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. FVCG'59 - 2 settimane fa

    Avete visto come si arbitra la juve?
    VAR fantastico
    Perso il conto dei falli di Pjanich: mai ammonito
    Pestone a centrocampo di benathia, identico a quello fatto da Acquah: neanche ammonito! E qualcuno ha ancora il coraggio di prendersela con Acquah…
    Smettiamola di andare allo stadio, tifare, roderci il fegato: NON SERVE! È già tutto scritto e deciso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-13746076 - 2 settimane fa

      Vista anche io e mi sono memorizzato guarda caso gli stessi episodi. Pjanic mai ammonito, Pestone di Benatia, nulla, quello di Acquah… Ammonizione. Si è così che si arbitra la gobba.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Esempretoro - 2 settimane fa

        Parole sante!!! Vorrei essere una mosca e sentire cosa si dicono i servi autoreferenziati alle loro riunioni tecniche…uno scandalo vero il permissivismo visto a Firenze. Cadono le braccia,per non parlare di altre parti del corpo più delicate.
        E i commenti? Neppure una parola sui falli dei già citati,lezioni di VAR per spiegare l’incomprensibile…questi manipolano tutto, ho una carogna che non vi dico…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 2 settimane fa

      Ma poi com’è che i maiali a strisce giocano Sempre prima del Napoli?
      Sempre.
      Per essergli davanti.
      È assurdo, se per caso le merde vincono lo scudetto pure quest’anno nonostante sia palese la superiorità del Napoli e la sudditanza della Figc…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Esempretoro - 2 settimane fa

        È vero,della cosa se n’è lamentato pure Sarri,tacciato subito di essere un piagnone…la cosa strana però non è questa settimana,perché i suini giocano Martedì, mentre la Roma che gioca domani avrà la CL il Mercoledì. Lo strano è che Lazio e Napoli giocheranno entrambe Giovedì, ma solo la Lazio avrà il Monday,quindi il Napoli sarà già in campo domenica alle 15. Per “caso”il nostro derby sarà alle 12,30. A pensar male si fa peccato…non ci resta che fare un piacere a noi stessi e all’altra metà d’Italia!!!
        ALÈ TORO!!!!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy