La seconda occasione

La seconda occasione

Loquor / “Un uomo fa quel che deve – nonostante le conseguenze personali, nonostante gli ostacoli e i pericoli e le pressioni – e questo è la base di tutta la moralità umana”.
Winston Churchill

di Anthony Weatherill

Può una persona squalificata per omessa denuncia della compravendita di una partita, continuare a fare l’allenatore di una squadra di calcio? A una tale domanda è davvero difficile rispondere, poiché sarebbe davvero bello credere in modo inequivocabile che possa esistere sempre una seconda occasione. Pensate se il noto produttore Harvey Weinstein potesse un giorno, dopo aver pagato il suo debito per le sue molestie sessuali, tornare a fare film. O Mario Chiesa, dopo le note vicende di Mani Pulite, potesse tornare a far politica ed a occupare posti di controllate pubbliche. Oppure ritrovarsi Luciano Moggi di nuovo re del mercato. Mettiamo a verifica per un attimo le cose che si sono detti Josè Mourinho e Antonio Conte negli ultimi giorni: 1)  l’allenatore portoghese ha dato del clown a Conte. Non è un fatto, è un’opinione personale. 2) Conte ha dato del demente senile a Mourinho. Anche questo non è un fatto, ma un’opinione personale. 3) Mourinho ha detto che lui, contrariamente a quanto è accaduto all’allenatore italiano, non verrà mai squalificato per essere stato coinvolto in vicende di compravendita di una partita. Questo, al momento, è un fatto.

Nel primo botta e risposta tra i due celebri allenatori si era già capito un po’ tutto. Josè Mourinho, che non è certo uno stinco di santo e non è nuovo a surreali dialettiche verbali, ha fatto uso di un termine certamente non piacevole nei confronti di Antonio Conte (reo, agl’occhi dell’allenatore portoghese, di esagitarsi e di esultare in modo un po’ troppo scomposto in panchina), ma comunque sempre mantenendosi nel recinto verbale di uno spirito polemico che potrebbe accendersi in una qualsiasi partita di calcetto tra amici in una sera di metà settimana dopo il lavoro. Antonio Conte, invece, ha scelto la strada dell’improvvido uso di un termine abbastanza serio che indica una malattia che nel 50% dei casi può portare una malattia degenerativa del sistema neurologico (Alzheimer, la malattia di Pick, ecc).

Non è la prima volta che l’allenatore italiano si dimentica dei doveri che impongono ai personaggi di rilevanza pubblica di usare le parole con estrema cautela (“Perché è successo a me ?– ha commentato una volta a proposito della denuncia ricevuta per il suo coinvolgimento nel calcio scommesse – Mi sono posto tante domande in questi mesi. L’unica cosa che è cambiata nella mia vita negli ultimi tempi è che sono diventato allenatore della Juventus che dopo due settimi posti era diventata simpatica a tutti. Poi d’incanto abbiamo vinto e siamo tornati antipatici”. Lascio alla sensibilità di ognuno la reale comprensione della gravità di queste parole dalla forma chiaramente allusiva), un dovere che Antonio Conte dovrebbe perseguire più di ogni altro, visto che nella vita gli è stata concessa una seconda occasione, non concessa a tutti nella vita. C’è da dire che lo scontro tra due tra i più egocentrici e permalosi tecnici del panorama calcistico attuale, ha davvero raggiunto livelli di sconfinamento della pubblica decenza e del fair play sportivo raramente visti attraverso i media.

Credo che i rispettivi uffici stampa avrebbero dovuto fermarli in tempo, ma purtroppo così non è stato. Sottolineo però che tra i due contendenti è Antonio Conte ad essere sotto il regime della seconda occasione, un privilegio che avrebbe dovuto comportare anche qualche obbligo, come l’umiltà e la morigeratezza. Nella filosofia del marketing spesso si sostiene che raramente c’è una seconda occasione per fare una buona impressione, questo perché il perdono di uno sbaglio, cosa già ardua quando si parla di rapporti personali, diventa una montagna difficile da scalare davanti alla pubblica opinione. Ecco perché ritengo che l’allenatore pugliese abbia perso una buona occasione per dimostrare ai tifosi, specie quelli più giovani, cosa sia un reale percorso di redenzione.

Antonio Conte ha dichiarato, definendo Mourinho una persona poco informata, di essere stato assolto dalla giustizia ordinaria italiana. Scorrendo un passo delle motivazioni della sentenza di assoluzione di Antonio Conte e Angelo Alessio (suo vice allenatore) si legge:”… non ricoprendo l’allenatore di una squadra di calcio professionista il ruolo di pubblico ufficiale… ne consegue che un allenatore e tanto meno il vice allenatore di una squadra di calcio, non sono obbligati alla comunicazione dell’eventuale notizia di reato di una frode sportiva all’autorità giudiziaria”. Facendo un’opera di doverosa sintesi, non potendo in questa sede riportare tutte le motivazioni della sentenza, Antonio Conte e Angelo Alessio sono stati assolti per non aver commesso il fatto per quanta riguarda un intervento diretto della compravendita della partita AlbinoLeffe-Siena, ma non sono stati giudicati (perché l’omissione non è un reato penalmente perseguibile) per quella che il giudice Pier Paolo Belluzzi chiama “…un atteggiamento di mera connivenza  al più un azione omissiva, individuabile in quel mancato intervento al richiamo di doveri relativi al corretto comportamento sportivo…”.

Ne consegue in modo evidente che, nella polemica con Mourinho, l’allenatore, ora del Chelsea, ha detto una mezza verità e una mezza bugia. E tutto questo in un regime di seconda occasione. Quindi ritorniamo a quello che veramente interessa a chi ama lo sport, e cioè alle ragioni della giustizia sportiva per la quale il reato di omissione invece (in base all’art.7 CGS) è cosa assai grave e doverosamente da perseguire. Per questo Antonio Conte, alla fine di tutto l’iter della giustizia sportiva, è stato squalificato per quattro mesi. E ritorniamo, così, al fatto (fu tragicomica la dichiarazione del presidente della FGCI, Carlo Tavecchio, in cui espresse “grande soddisfazione dell’assoluzione di Antonio Conte decisa dal tribunale di Cremona. La mia fiducia in lui non è stata mai in discussione”. Fiducia nel non avere mai venduto una partita o nel non aver mai commesso omissione sulla compravendita della stessa? Mah…).

Considero la compravendita di una partita il reato più grave che si possa commettere nello sport, ancora più del doping. Gli atleti della Germania dell’Est, che usavano dosi massicce di Oral Turinabol (potente anabolizzante sintetico prodotto dai laboratori della Germania dell’Est), “compravano” sicure migliori prestazioni sportive, ma non compravano sicuri risultati (inoltre questi atleti si allenavano fino a 14 ore al giorno). Non voglio, ovviamente, giustificare il doping; ma solo porre il giusto accento su quanto sia grave vendere una partita. Non so dirvi, onestamente, se sia stato giusto concedere a Conte una seconda opportunità. Per me vale nello sport, come nella vita, il concetto di “giusto” e “sbagliato”. Lo sport può anche perdonare chi sbaglia, ma ha il dovere di preservare un filo di memoria; ricordando ai suoi figli caduti in errore che un coerente percorso di redenzione è necessario verso i giovani e i bambini che continuano a guardarli con occhi incantati. Charles Dickens (celebre autore di capolavori come Oliver Twist e David Copperfield)  aveva una sua precisa idea sull’omissione: ”in una parola, ero troppo codardo per fare quello che sapevo essere giusto, così come ero stato troppo codardo per evitare di fare quello che sapevo sbagliato”. Un po’ di coraggio, ogni tanto, servirebbe a ognuno di noi che amiamo il calcio. Per amore del gioco, per amore della vita.


Anthony Weatherhill, originario di Manchester e nipote dello storico coach Matt Busby, si occupa da tempo di politica sportiva. E’ il vero ideatore della Tessera del Tifoso, poi arrivata in Italia sulla base di tutt’altri presupposti e intendimenti.

14 Commenta qui
  1. Grande Torino - 3 mesi fa

    Grande Anthony!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13706409 - 3 mesi fa

    Ci facciamo conoscere anche in Inghilterra….. Conte stia zitto con mou è partita persa per esperienza dialettica e dati di FATTO! Vedi Siena

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. dukow79 - 3 mesi fa

    L’autore dell’articolo dovrebbe sapere che Conte arriva dalla Juve di Moggi, Giraudo e Bettega con il suo grande maestro Marcello Lippi, se esistesse giustizia in Italia gente del genere non dovrebbe non solo non esercitare la professione, ma addirittura essere estromessa da ogni trasmissione televisiva che non sia un giorno in pretura…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

      Grande

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rogerfederer - 3 mesi fa

    Sempre dalla parte MOU a prescindere.Bell articolo tranne quando parla di David Copperfield che è un famoso illusionista e non un romanzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tric - 3 mesi fa

      David Copperfield (il tit. originale èThe Personal History, Adventures, Experience and Observation of David Copperfield the Younger of Blunderstone Rookery (which he never meant to publish on any account) è l’ottavo romanzo scritto da Charles Dickens, pubblicato per la prima volta mensilmente su rivista tra il 1849 e il 1850. (da Wikipedia)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. dukow79 - 3 mesi fa

        A Federer a scuola gli hanno fatto leggere solo Oliver Twist e Anna Frank…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GigiTORO - 3 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

    Un ignorante montato.
    Osannato da una pletora di leccapiedi della carta stampata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Sempregranata - 3 mesi fa

    Articolo che mi fa venire in mente il detto: ‘senza peli sulla lingua’. Complimenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Insaneinthebrain - 3 mesi fa

      Parlando “senza peli sulla lingua” di uno “senza peli sulla testa”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ale_gran79 - 3 mesi fa

    Veramente un teatrino penoso, quello tra i due tecnici. C’è ben poco di sport nelle dichiarazioni dell’uno e dell’altro, anche se per ora, col suo goffo inglese e le sue scarse argomentazioni, Conte è quello che ci sta facendo la figura peggiore (mentre Mourinho in queste schermaglie verbali ci sguazza).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. maraton - 3 mesi fa

    bell’articolo che dà la giusta dimensione del personaggio in questione. naturalmente inutile dire di che scuola è…… 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. prawn - 3 mesi fa

    Perche’ sporcare TN con la faccia di Conte?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy