La lezione dei tifosi del Toro

La lezione dei tifosi del Toro

Loquor / Torna la rubrica di Anthony Weatherill: “Se avessero un minimo di cognizione di causa riguardo ai ruoli ricoperti, non avrebbero mai nemmeno pensato di situare il 4 maggio 2019 una partita tra i granata e i bianconeri”

di Anthony Weatherill

“La tradizione non vuol dire che i vivi sono

morti, ma vuol dire che i morti vivono”

Harold McMillan

 

Quando ho scoperto che qualcuno ha pensato il 4 maggio 2019 come una data possibile per il prossimo Derby della Mole, diversi pensieri hanno affollato la mia mente. Ma prima dei pensieri sono salite su due parole: cinismo e pragmatismo. Sul pragmatismo culturale ci tornerò dopo. Il cinismo è una perversione umana, nata in contrapposizione all’idealismo, in questi ultimi decenni  elevato, incredibilmente, a categoria dello spirito. C’è qualcosa di sincreticamente stupido, di mescolanza di sciocchezze, in questo modo di operare da parte di chi dirige il carrozzone della Serie A. Se avessero un minimo di cognizione di causa riguardo ai ruoli ricoperti, non avrebbero mai nemmeno pensato di situare il 4 maggio 2019 una partita tra i granata e i bianconeri. E non per un ovvio e semplice, assolutamente dovuto e necessario, rispetto della memoria di ciò tragicamente accaduto nel 1949, ma anche e soprattutto per amore di un gioco, il calcio, che sulla tradizione e il ricordo ha costruito tutta la sua fortuna emotiva. Qualcuno, nei piani alti del carrozzone citato, deve aver ritenuto  la vicenda del Grande Torino un qualcosa relegata ad un momento passato dal quale ci si è emancipati e rispetto al quale ci si è costruiti un futuro migliore, un punto di riferimento che racconta di quanto gli italiani, da quel momento, siano migliorati a partire da un periodo caratterizzato da sofferenze e privazioni. In quanto tale, quindi, da archiviare come un momento meramente restauratore, cioè come un canto elegiaco dei bei tempi andati.

Urbano Cairo e il debito

Nessuno, tra i dirigenti sportivi italici, sembra avere come riferimento il “destino”, questa strana cosa che, come scrive Marcello Veneziani, “conferisce senso all’accadere, indica il disegno intelligente del divenire”. Ecco allora come tutto finisca per diventare solo il destino sostituito dal progresso, a provocare una preoccupante, nelle vicende umane, carenza di senso. “L’estrema modernità – scrive sempre Veneziani – ha dichiarato guerra al destino in ogni sua forma:natura, limite, obbligo, ordine, necessità, fedeltà”, riducendo tutto a pura parvenza, cioè al fantasma del niente. “Solo il fato li vinse”, recita un celebre epitaffio dedicato agl’Invincibili, e mai epitaffio fu più azzeccato, perché è proprio in quell’epitaffio che gli italiani colsero, e potrebbero continuare a cogliere, il senso del proprio stare al mondo. Quella squadra che gli italiani con i capelli bianchi, non esclusivamente tifosi del Toro, insistono a ricordare forse in modo a tratti confuso ma non senza qualche lacrima di commozione, continua ad essere un punto di riferimento della memoria di un Paese tenacemente teso a ritornare ad ottenere quella dignità che le era stata sottratta. Ricordare quei giorni culminanti nel tragico 4 maggio 1949, vuol dire onorare un destino che si è compiuto affinché i posteri potessero avere sempre l’occasione di riannodare un filo con la propria storia. Ignorare ostentatamente ciò, manifesta il tentativo maldestro dell’attuale classe dirigente di rimuovere forzatamente un passato ritenuto evidentemente fastidioso. E allora a questi, l’attuale classe dirigente, pare evidentemente normale calpestare con ferocia indifferenza il sacrificio massimo che il destino impose a quei giocatori e alle loro famiglie. Ma nessuno pensi che questa ferocia indifferenza sia frutto del caso o di una banale dimenticanza, è piuttosto, a mio parere, parte del piano di quel pragmatismo culturale di cui tutta l’Europa ormai si sta volutamente dotando, pensando improvvidamente di poterne ricavare un nuovo sol dell’avvenire. Questo pragmatismo culturale pervicacemente perseguito dalle classi dirigente europee, con una sorprendente connotazione tenace da parte della classe dirigente italiana, ha come obiettivo abbattere la tradizione, cioè l’ordine delle cose. La smodata varietà dei messaggi mediatici e comportamentali ai quali siamo sottoposti, ci hanno indotti a ritenere la tradizione non come un valore trascendente, e quindi dalla potente componente nostalgica elevata al suo massimo valore positivo, ma come un inutile orpello da rimuovere  al fine di vivere l’unica cosa che importi in quest’era talmente svuotata di contenuti: l’odiernità. Questo neologismo descrive perfettamente l’animus attuale della società contemporanea(un mondo contemporaneo al quale per la prima volta nella storia non si riesce a dare un nome), che si è fatta dimentica della tradizione come valore di ordine delle cose, quindi di bellezza. “La società contemporanea, abbandonando il parallelismo tra ordine e bellezza ha perduto il desiderio di realtà”, c’è scritto in un libro di un filosofo inglese letto qualche tempo fa, in un tentativo di sostenere come il concetto di ordine e bellezza, da un certo momento in poi, ha vissuto nella società contemporanea una sorta di scissione. Lo si vede nell’arte, lo si sta vedendo anche nello sport. Il fatto che una cosa per acquisire una sua rilevanza non abbia più la necessità di seguire un ordine, che da Platone in poi rimanda ad una realtà trascendente, apre la strada allo scardinamento e alla decostruzione di tutto ciò che fino ad oggi abbiamo conosciuto, amato e ricordato. Per essere estremamente chiari, in questo momento è in corso una distruzione di una civiltà e di una visione fondata su un ordine prestabilito. Non a caso la parola “cosmos”, in greco antico, intende l’ordine delle cose che per i greci era anche sinonimo per descrivere la bellezza (da qui discende la parola “cosmetici”, che come è noto servono per abbellirci). Ma i dirigenti sportivi europei, in questa occasione quelli italiani, hanno deciso di farci imboccare la strada del caos, che in greco sta ad indicare l’esatto contrario dell’ordine prefigurato dalla parola cosmos. Ma la storia degli uomini ci ha abituato alle cosiddette pietre d’inciampo, a quegli imprevisti che riescono a mettere in crisi anche i più famelici piani.

Urbano Cairo e il debito, parte 2

Nel momento in cui uno pensa, in questo caso me medesimo, come tutto ormai stia sprofondando nel cinismo più assoluto, e al diavolo la bellezza e l’ordine delle cose, ecco sulla rete montare la protesta della quasi totalità dei tifosi del Toro, a partire da quelli che frequentano il covo storico del tifo granata: la Curva Maratona. Questi tifosi, o almeno la maggioranza di essi, proprio non ci stanno a giocare il derby il giorno in cui vogliono commemorare ciò che di più caro hanno nella loro memoria. E allora hanno cominciato a prefigurare ogni forma di tipo di protesta, affinché la Lega A prenda in esame di spostare il giorno dello svolgimento del Derby della Mole. Alcuni di questi tifosi, addirittura, hanno invitato il presidente Cairo, nel caso la Lega A persistesse nel voler far giocare il derby il 4 maggio, di non far scendere in campo la squadra, accettando l’idea di perdere dei possibili punti a tavolino. La cosa mi ha fatto venire un sussulto positivo di sorpresa come non ne avevo da tempo, perché so bene quanto i punti, in questo momento cruciale della stagione, siano necessari alla squadra granata per arrivare a centrare il sogno Europa League. Ma per questi tifosi, verso i quali il mio stato d’animo invia un sincero ringraziamento, stanno dimostrando fattivamente come non tutto può essere in vendita, nemmeno per il sogno di una partecipazione ad un coppa europea. Altri tifosi granata stanno invitando a non andare allo stadio, altri si rifiuteranno, nel caso, di vedere la partita in televisione. Questi tifosi, quel giorno del 4 maggio, vorranno fare una sola cosa: ricordare ed onorare il loro passato. Questo fatto, almeno a me, mette ottimismo e fa pensare come forse il caos ancora non abbia vinto definitivamente sul cosmos. Questa reazione dei tifosi del Toro è un grido al mondo che non tutti sono stati anestetizzati sull’altare del calcio spettacolo prefigurato in qualche stanza oscura, è una speranza per un Paese, l’Italia, bisognosa di ritrovare qualche bagliore di luce in fondo ad un tunnel da incubo. Per cui voglio ringraziare i tifosi del Toro per l’istante di buon umore che mi stanno regalando e per il monito lanciato. Perché proprio non auguro, a tutti noi, di finire nello stato d’animo di Saganarello, servo dell’impenitente Don Giovanni di Moliere, che dopo aver visto sprofondare il suo padrone tra le fiamme dentro una voragine, urla disperato:“Il mio  salario! Per carità, e i miei salari? Vorreste che vi seguissi all’inferno per farmi pagare”? No, credo proprio che non meritiamo una fine così. Credo proprio che gli uomini abbiano la possibilità di cavalcare altri orizzonti. Il cinismo dell’odiernità, voglio credere, non cancellerà il nostro passato e non impedirà di consegnare un futuro degno ai nostri posteri. Questo insegna il destino del Grande Torino, questa insegna la storia di tutti gli uomini migliori che ci hanno preceduto.

(ha collaborato Carmelo Pennisi)


Anthony Weatherhill, originario di Manchester e nipote dello storico coach Matt Busby, si occupa da tempo di politica sportiva. E’ il vero ideatore della Tessera del Tifoso, poi arrivata in Italia sulla base di tutt’altri presupposti e intendimenti.

 

20 Commenta qui
  1. user-14142151 - 2 settimane fa

    applausi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Grande Anthony come sempre!La Storia e la Dignità non si svendono per “un piatto di lenticchie” anche se i “mercanti del tempio” ci hanno definito dei “piagnoni”.Auspico che Cairo tenga il punto e non si pieghi ad una distorta “ragion di stato”.Il 3 maggio potrebbe essere una ipotesi sensata oppure si faccia slittare la partità dopo l’ultima giornata di calendario:gli innominabili saranno già scudettati da tempo e per noi potrebbe diventare una partita cruciale da giocare “a tutta”Vedremo fino a che punto si spingeranno arroganza e cinismo di certi personaggi.A mio parere il 4 maggio NON SI DEVE GIOCARE A PRESCINDERE!!!!FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. RobyMorgan - 2 settimane fa

    Sempre belli e soprattutto pieni di concetti intelligenti i suoi articoli, chi non li capisce è perché….
    Il modo più bello di onorare il Grande Torino sarebbe di giocare il derby con lo spirito e la convinzione di rappresentare quegli Eroi dai nostri giocatori, e aldilà di qualunque sia il giorno della partita, di vincerla o almeno giocare con la stessa passione e grinta di chi vuole assolutamente vincerla, che il Destino ci riservi questa sorpresa?
    FVCG sempre!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 2 settimane fa

    non riesco a fare un commento preciso,aspettero’ la data ufficiale.
    gli articoli di questo gioralista,li leggo sempre,danno sempre spunti riflessivi non banali

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Carlin - 2 settimane fa

    IL 4 MAGGIO NON SI GIOCA PUNTO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toro Nel Cuore - 2 settimane fa

    Nei giorni passati avevo espresso la mia opinione dichiarando che si doveva giocare il 4 maggio a prescindere da chi incontravamo. Premetto che seguo assiduamente il Toro da ormai 45 anni e ne ho viste di tutti i colori. Pero’ l’altro giorno al Filadelfia un vecchietto con il quale parlavo mi ha fatto scendere una lacrima raccontando le sue personali esperienze nel giorno della tragedia.
    Ecco io dico che solo gli stupidi non cambiano idea e io l’ho cambiata : il 4 maggio non si gioca ne nello stadio dei ladroni ne altrove.Si commemora e ci si unisce tutti insieme in un abbraccio ai nostri eroi.
    Lega italiana , federcalcio fatevene una ragione : noi abbiamo dei valori che altre squadre non hanno , essere del toro e’ stile di vita e lotta contro i sorprusi e le arroganze quotidiane dei potenti.
    Anche te direttore di Sky fattene una ragione e stai insieme ai tuoi 4 cialtroni della redazione che non sono altro che servi della cacca di venaria.
    Il 4 maggio non si tocca! L’unico meritevole di menzione e’ Buffa che ha fatto una puntata bellissima sul Grande Torino , gli altri non sono da menzionare ma da buttare nel cesso.
    Sempre Forza Toro e sempre onore agli Invincibili!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 settimane fa

      Bravo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. André - 2 settimane fa

      Grande!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Nemo - 2 settimane fa

      Concordo su tutta la linea, anche io ho cambiato idea, perché a questo punto, ora più che mai, è diventata una questione di principio e non possiamo lasciarla passare liscia… Mi sono organizzato ed il 4 maggio non sarò né allo stadio, né al bar a vedere la partita, il 4 maggio mi aspetta Superga ed il suo bagno di tifosi e di ricordi… Spero di vederci anche la squadra lì quel giorno, diversamente sarà la prima partita che mi perdo del campionato, pazienza… Certe cose non si svendono così facilmente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. apuano - 2 settimane fa

    Io penso che se si può spostare si deve ma se proprio bisogna giocare deve essere giocata per fare in modo che nessuno scordi più quella data con le buone e con le cattive da toro.undici contro tutti.e’ il nostro sport(contro tutti).e a partita finita con il sangue alle ginocchia.silenzio stampa.forza toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. robertozanabon_821 - 2 settimane fa

    Bravissimo Anthony, non tutto è in vendita. In ogni caso spetta a Noi decidere il come, il dove e il quando. I patti si mantengono con chi rispetta le regole e non con chi sistematicamente le infrange con arroganza e delirio di onnipotenza, nella certezza dell’impunità. Queste sono le regole dello Sport e del Rispetto, e non possono essere mediate con chi, da sempre, le calpesta. FVCG !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13967438 - 2 settimane fa

    Posso?
    4.5.1952 Sampdoria – Torino 1-0
    4.5.1958 Vicenza – Torino 1-1
    4.5.1969 Bologna – Torino 2-0
    4.5.1975 Torino – Napoli 1-1
    4.5.1980 Torino – Lazio 1-0
    4.5.1986 Torino – Torino 1976 (esibizione celebrativa) 7-2 (il campionato era finito la domenica prima, visto che c’erano gli splendidi mondiali di Mexico 86)
    4.5.2008 Torino – Napoli 2-1
    4.5.2014 Chievo – Torino 0-1

    Dunque, salvo un match di esibizione a campionato finito, quando è caduto il 4 maggio un impegno ufficiale il Toro ha sempre giocato (fonte Archiviotoro.it).
    Quindi altri avversari vanno bene e i maiali supremi no?
    Fatemi capire in modo semplice la differenza (almeno astratta e sportiva) tra Chievo 2014 (ladri taroccatori di bilanci) e J***us 2019 (male assoluto innominabile).
    Ma vanno bene anche gli altri avversari di impegni ufficiali…
    Perché il principio primo della sportività è onorare gli impegni ufficiali (sempre fatto fino a ieri), sennò si è uguali ai porchi totali (retrocessi per illecito strutturale, questa la definizione della loro operatività sportiva in atti ufficiali, è bene ricordarlo ai distratti).
    I tempi cambieranno.
    Tra qualche anno il calcio potrebbe essere un gioco dimenticato… le vittorie di cartone del momento avute ieri e oggi dagli stercorari rubamerda non saranno ricordate da nessuno… il Grande Torino è già in libri e qualche film, nessuno lo scorderà.

    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. MV - 2 settimane fa

      Non mi risulta che nessuna delle società affrontate il 4 maggio nel passato abbia tra i suoi dirigenti uno che ha fatto entrare allo stadio uno striscione che insultava gli Invincibili.
      Mattia D’angelo è ancora al suo posto, e Andrea Agnelli, per dirla alla francese, se ne è sbattuto le palle delle nostre proteste.
      Mi pare che come motivo per non giocare contro le merde (e a casa loro) basti e avanzi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. LeoJunior - 2 settimane fa

      Se abbiamo sbagliato fino ad ora non vuole dire che dobbiamo farlo in futuro. Questa può e deve essere l’occasione per fissare un principio. Il 4 maggio va oltre ogni regolamento. NOI NON GIOCHIAMO. Come dice l’autore, i simboli valgono più di ogni altra cosa e sono quelli ai quali potremmo aggrapparci quando questa folle corsa verso il nulla finirà. Non retrocediamo e anzi avanziamo per rinforzare queste tradizioni. Non dimentichiamo mai che senza la nostra storia non saremmo nulla e se gli altri vogliono sminuire i nostri simboli è proprio per renderci normali e quindi farci sparire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13687521 - 2 settimane fa

    Mi alzo in Piedi.
    Compliment.
    FoRzA ToRo i

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Akatoro - 2 settimane fa

    Fino a quando ci sarà almeno un cuore granata, il Grande Torino, Gli invincibili, restano lì e non si toccano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13973712 - 2 settimane fa

    infine….l’analisi dell’articolista è lucida e tristemente veritiera, spietata e veritiera. A volte espressa con linguaggio non immediato, ma azzeccata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-13973712 - 2 settimane fa

    per molti beceri commentatori televisivi, fra cui quell’emerito ignorante e presuntuoso direttore di sky, noi tifosi granata siamo solo dei piagnoni legati esclusivamente al passato. E purtroppo alcuni nostri tifosi, probabilmente illusi o ingenui, vorrebbero giocare proprio il 4 maggio convinti che la squadra possa onorare il ricordo degli invincibili andando a conquistare la Vittoria nel covo dei ladri….ladri autorizzati a rubare dal sistema, con giornali e TV asserviti e senza il minimo coraggio di parlare dell’ovvio, cioè del furto che assurge a regola. E noi il 4 maggio dovremmo andarci a sporcare in quella fogna? per me la risposta è no

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ACT1906 - 2 settimane fa

    ONORIAMOLI, come sempre come da 70 anni il 4 maggio nessuno di noi in quella m… a di stadio a venaria
    FORZA TORO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Rayo - 2 settimane fa

    Bellissimo articolo. Completamente d’accordo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy