Toro, è questa la strada giusta!

Toro, è questa la strada giusta!

Lo Psicologo Granata / Il nostro Riccardo Agnello parla del derby, e di un trend che se rispettato…

Commenta per primo!

Finalmente il Toro che fa il Toro! Quella vista allo Stadium è stata una squadra stoica che ha resistito agli attacchi della Juve riuscendo, con una prestazione di cuore e intensità, quasi ad insidiarne l’imbattibilità interna che dura ormai dalla notte dei tempi. Solo l’ennesima beffa oltre il 90′ minuto ha impedito ai ragazzi di espugnare finalmente quello stadio che fino ad ora ci aveva portato solo amarezze. E’ vero, fino ad ora, i derby in trasferta nel nuovo luccicante stadio juventino non sono stati molto piacevoli per noi granata ma, come mi ha fatto notare un mio paziente, dalla prima volta in assoluto (la serata del famoso intervento di capitan Glik) a sabato sera c’è stato un graduale e impercettibile miglioramento del risultato (non tenendo conto della sciagurata serata di Coppa Italia).

Avendo poco altri spunti torosi su cui confrontarci, abbiamo deciso di ripercorrere i 5 derby giocati dal ritorno in serie A del 2011 fino a oggi; ovviamente non abbiamo considerato il 4-0 in Coppa Italia:

-Stagione 2012/2013: sconfitta netta, ineccepibile; un neopromosso Toro resiste per un tempo ma poi in 10 si scioglie come neve al sole e incassa 3 gol. 3-0 senza appello.

-Stagione 2013/2014: un Toro più maturo e forte si presenta in casa dei cugini carico ma riesce a incidere poco e alla Juve basta un solo gol per liquidarci, anche se pesa il rigore negato da Rocchi a El Kadduri nel finale. 1-0 il finale.

-Stagione 2014/2015: è la partita del ritorno al gol in un derby con la sgroppata di Bruno Peres; è il gol dell’1-1; dopo il pari il Toro però si “spaventa” e lascia alla Juve sempre più campo fino alla beffa finale al 93′ con quel tiro di Pirlo da casa sua. 2-1.

-Stagione 2015/2016: il Toro che non ti aspetti fa la voce grossa in casa della Juve: pareggia lo svantaggio iniziale e poi crea diverse occasione che fanno tremare i cuginetti; ma loro, si sa, hanno sempre un asso nella manica e per il secondo anno di fila ci beffano al 93′ con Quadrado. 2-1 il punteggio ma sta volta non si merita la sconfitta.

-Stagione 2016/2017: E’ storia recentissima e sappiamo tutti come è andata: prima volta senza perdere con annessa beffa in zona Cesarini. 1-1.

Beh se immaginiamo una specie di grafico dei risultati vien da sé che il prossimo step deve essere uno solo ma ho promesso al mio paziente, che è piuttosto scaramantico, che non l’avrei scritto, anche se ovviamente l’avrete capito.


Laureato in Economia, gestisco un negozio di caffè che trasformo clandestinamente in uno studio in cui esercito la professione di psicologo dedicato ai miei compagni di tifo; 30 anni, da 24 abbonato in maratona ho imparato a comprendere il comportamento di ogni singolo fenotipo di tifoso del Toro e mi diverto ad analizzarlo. Al quinto anno sulle colonne di TN, ecco a voi lo Psicologo del Toro!

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy