Lettera a mio padre

Lettera a mio padre

Lettere alla redazione / Riflessioni, considerazioni, spunti, pensieri dei lettori: inviateli al Direttore e alla Redazione

di Redazione tvvarna
Le pagelle di Torino-Atalanta

La redazione di tvvarna torna ad aprire le colonne della prima e più grande testata on-line dedicata al Torino FC ai suoi lettori, i quali da sempre meritano di avere spazio. Gli indirizzi di riferimento a cui mandare le vostre lettere sono le stesse:  o [email protected] Gli articoli su qualsiasi argomento legato al mondo Toro: i più meritevoli e significativi saranno settimanalmente pubblicati sul nostro sito. Oggi tocca a Giovanni Tavecchia, affezionato tifoso granata che vuole ricordare il padre scomparso, ripercorrendo alcune bellissime tappe del cammino del Toro ed allegando alcune foto del caro, ritratto al Toro Club Saronno.


Ciao pà.

Quando Andrea (mio fratello) ed io abbiamo dovuto scegliere il tuo ultimo vestito, non abbiamo avuto dubbi: una polo color granata …. il tuo colore, il nostro colore!

Infinite volte abbiamo gioito o imprecato insieme per il nostro amato Toro: allo stadio, davanti alla TV o, prima ancora, accanto alla radiolina.

Purtroppo la malattia (pressoché analoga a quella del “sergente di ferro” – anche lui classe 1935 – Gigi Radice) da un paio d’anni ti aveva impedito di condividere insieme a noi figli la passione per il Toro.

Spesso però ci chiedevi il risultato delle partite ed eri felice in caso di vittoria.

Ti ricordi quante volte, per tenerti desto, abbiamo ripassato insieme le formazioni del Toro? Quella degli Invincibili, dello scudetto o del tremendismo granata.

Ed era proprio quello il Toro che preferivi; il Toro di Ferrini, di Cereser, di Fossati, di Agroppi, di Rampanti, di Sala, di Pulici. Uomini veri, innamorati della maglia granata, che ad ogni partita davano il 110% e ai quali solo i “poteri forti”, nel 1971-72, scipparono uno scudetto meritato.

Sono stati i Valori di quel Toro “operaio” che hai insegnato a noi figli: l’onestà, l’aiuto reciproco, il non sottrarsi alle responsabilità, l’impegno totale in ogni circostanza …. perché tifare Toro è uno stile di vita.

Quante volte ci hai parlato dei tuoi campioni, su tutti: capitan Ferrini (la grinta), Meroni (l’estro), Pulici (la potenza).

Quante volte, commosso, ci hai narrato la vittoria per 4–0 nel derby del 22 ottobre 1967, una settimana dopo la scomparsa di Meroni, con tripletta di Combin e gol di Carelli o la palombella di Meroni a San Siro contro l’Inter, in cui ridicolizzò Facchetti (1966 – 2-1 per il Toro).

Quante volte ci siamo confrontati sulle migliori squadre di sempre. Per te al primo posto c’era il Toro del tremendismo di Giagnoni, un gradino sotto quello olandese dello scudetto e dei 50 punti, poi quello in versione samba del 1984-85 (peccato per la partita stregata col Verona in casa, successiva alle 2 fantastiche vittorie col Milan – punizione stellare di Junior – e al derby, Serena al 90°) e poi quello dei dribbling di Lentini e dei 3 maledetti legni di Amsterdam.

Ora ti voglio immaginare felice, insieme agli amici del Torino Club Saronno che ti hanno preceduto, mentre nel Filadelfia dei cieli assisti agli allenamenti degli Invincibili, della Farfalla granata e di capitan Ferrini.

A proposito, che emozione lo scorso 27 maggio leggere il tuo nome nel pannello n° 8 del mitico stadio Filadelfia.

Mi sarebbe piaciuto portarti a vederlo e spesso te lo promettevo quando ti accompagnavo a letto…. pur sapendo però che le tue condizioni non l’avrebbero mai permesso.

L’ultimo sabato di agosto te ne sei andato in punta di piedi.

Che tenerezza quando due giorni prima, mentre ti riaccompagnavo a casa di ritorno dal Centro Diurno mi hai detto: “Men dì chèn tò ul Bacigalupo in porta (Mi hanno detto che abbiamo acquistato Bacigalupo in porta)”. Ed io, con i lucciconi agli occhi: “No papà. Bacigalupo c’era lo scorso anno. Adesso abbiamo Sirigu; è forte anche lui!”.

Ora il portiere degli Invincibili, dopo averlo ammirato in gioventù a Busto Arsizio in un Toro-Pro Patria, lo incontrerai nel Filadelfia dei cieli.

Ciao pà, sarai sempre nel cuore mio, di Andrea, dei tuoi cari e dei tanti tuoi amici.

Giovanni Tavecchia

12 Commenta qui
  1. Cristian Ras - 11 mesi fa

    Onore al grande Antonio Tavecchia che ha “contagiato” di Toro mio papà, quindi mio papà me e io mio figlio: Antonio è dunque “responsabile” di una certa diffusione di granatismo nel Varesotto. E tante volte l’ho ricordato a chi negli anni mi ha chiesto perchè tifassi Toro. Perchè il Toro, attraverso Antonio e mio padre, ha scelto me.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. byfolko - 1 anno fa

    Per adesso gli unici ad aver dimostrato attaccamento alla maglia sono Belotti, Liajic , Falque e Sirigu. Belotti è proprio uno da Toro, e non meritava l’umiliazione all’ultimo derby, non la meritava davvero. Liajic ha capito come giocare nel Toro, si sacrifica, torna, ruba palloni. Falque parla poco e corre tanto, mentre Sirigu si conferma portiere di qualità internazionale. Ma non bastano questi 4, ci vuole tutto il resto, ma purtroppo vedo il solo Lyanco essere in potenza un vero giocatore per ambire a certi traguardi. Ha fisico, è veloce, ha carattere ed è intraprendente, si vede che ha stoffa. Salvo anche Ansaldi, per me è buono. In ogni caso senza centrocampo non si va da nessuna parte, e noi siamo messi male proprio li’. Acquah non ha i piedi, Baselli è inaffidabile, Obi è sempre rotto, Gustafsson e Valdifiori non sono all’altezza, Rincon è rivedibile. Bah…iniziamo a salvarci…poi speriamo in un dignitoso centro-classifica, più in là non si andrà.
    Un applauso all’autore della lettera, dovrebbero tatuarsela sull’avambraccio tutti i giocatori del Toro, in modo da poterla leggere prima di mettere piede in campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FVCG-70 - 1 anno fa

    Bellissima lettera.
    Complimenti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. quando c'era claudio sala - 1 anno fa

    Pensieri di storia così dovrebbero essere appesi alla porta dello spogliatoio. E’ fondamentale che la dirigenza e i giocatori di oggi incrocino sempre, con gli occhi, certi ricordi, prima di entrare in campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 1 anno fa

      proprio così. Parole e pensieri di questo tipo (magnifici, complimenti. Papà è in buona compagnia non temere. Si divertirà a vedere gli invincibili palleggiare insieme con gli altri Eroi della storia granata) sono l’essenza. Non entreranno mai nei cuori dei giocatori di oggi, purtroppo. Ma se una piccola percentuale dei sentimenti che ci sono in questa lettera entrasse nei loro cuori, forse un mezzo passo in più nel pressare, una corsa, un tiro, un fallo ne uscirebbero. Ma non è un problema solo nostro ma del calcio tutto. Custodiamo i ricordi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alberto Fava - 1 anno fa

    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. CivitaToro - 1 anno fa

    Oggi è il mio compleanno e mi hai fatto un bel rwgalo……pieno di sentimenti veri,e l’amore che un genitore ha verso i propri figli…..e per un club unico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 anno fa

    Il Toro per cui ho iniziato a tifare è in questa lettera.
    Oggi tifo per quel ricordo.
    Quel Toro non c’è più. Quel l’essenza granata se ne è andata molto tempo prima del padre di Giovanni, e tutto questo è molto triste, perché non era solo calcio, non era solo una squadra.
    Grazie per avermela fatta rivivere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. angelo - 1 anno fa

    Grazie. Un abbraccio forte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Akatoro - 1 anno fa

    L’essenza Granata in una lettera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Bazza - 1 anno fa

    Caro Giovanni la lettera al tuo papà è meravigliosa.
    I ricordi granata della mia famiglia si sono inevitabilmente intrecciati ai tuoi.
    Il vostro papà può davvero essere orgoglioso di voi.
    Con rispetto e ammirazione.
    Davide da Trento con i propri figli, Andrea e Giovanni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. torotranquillo - 1 anno fa

    Stupendo. commovente, incredibilmente toccante. Un complimento alla sensibilità della testata e naturalmente dello scrittore della lettera. Quel che dovrebbe essere questa testata, portatrice sana di emozioni e di voglia di ricordare e di tornare grandi. Senza rancore, senza insulti a quello o l’altro giocatore. Una famiglia, un’unica forza, un’unica emozione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy