Toro così non va! Ti manca la consapevolezza di essere forte

Toro così non va! Ti manca la consapevolezza di essere forte

L’editoriale di Gino Strippoli / La partita del riscatto del dopo derby: contro il Verona è un flop

16 commenti

Si potrà nuovamente dire che questa squadra se fosse rimasta in 11 contro 11 contro il Verona avrebbe vinto la partita, ma invece bisogna guardare in faccia la realtà. La realtà è quella che vede un Toro che, oggi come oggi, non ha la maturità per andare in Europa. Probabilmente, e lo si auspica, nel prosieguo del campionato la squadra granata riuscirà a trovare il giusto equilibrio e arrivare a fine stagione al tanto sospirato 7 posto, ma oggi vedendo Belotti e compagni in campo si può dire il contrario. È infatti la scarsa maturità dei ragazzi di Mihajlovic e il non saper gestire in 10 un vantaggio di 2-0 a pochi minuti dalla fine partita a essere un problema. Granata disattenti e ingenui, questo al di là del Var.

È un vero peccato perché dopo un primo tempo giocato bene e con intelligenza tattica, il Torino sembrava avviato verso una goleada. Se una squadra vince per due reti a zero contro un’altra che fin lì aveva segnato solo una rete in campionato, si può solo pensare ad una prossima goleada. Il Verona dopo i primi 45 minuti sembrava una vittima designata ed invece ancora una volta il Toro, come spesso è successo in passato, è riuscito nell’intento di resuscitare un Verona “morto”. Se guardiamo il campionato granata sinora possiamo far un’analisi: la classifica e i punti ancora premiano il cammino del Toro, ma il gioco di certo non fa brillare gli occhi dei tifosi. Se pensiamo che contro il Bologna, il Sassuolo, il Benevento, la Sampdoria e il Verona il Toro ha in alcuni casi faticato e in altri deluso, contro la Juventus ha sbiellato completamente, ci si accorge che l’unica partita in cui ha veramente convinto é stata contro l’Udinese, seppur rischiando il pareggio all’ultimo minuto.

TURIN, ITALY – OCTOBER 01: Tomas Rincon of Torino FC looks dejected at the end of the Serie A match between Torino FC and Hellas Verona FC at Stadio Olimpico di Torino on October 01, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il Toro deve ritrovare se stesso e Mihajlovic deve trovare la strada e indicare ai suoi ragazzi la via verso una brillantezza di gioco che oggi non ha. La partita di ieri è stata anche dura negli scontri e, rispetto al Verona, il Toro in quei momenti è sparito nonostante la differenza di tecnica e qualità dovesse far prendere il sopravvento al Torino. I granata, invece, si sono ritrovati con un Rincon ammonito e quindi diffidato per la prossima partita, con un Belotti uscito malconcio a fine partita e con un pareggio-beffa frutto di vere ingenuità su cui Mihajlovic deve lavorare per far crescere questa squadra che sicuramente ha qualità importanti ma per il momento ha anche tante lacune nel sistema difensivo. Partendo da un centrocampo che non tampona e non filtra mai lasciando la difesa sempre in pericolo. Il risveglio di Niang – al di là del gol – e l’estro di lago non sono bastati per portar i tre punti, un vero peccato. A questa squadra manca la consapevolezza di essere forte contro le squadre più deboli e quindi la mancata capacità di chiudere le partite. Intanto la differenza reti piange: sono già 11 le reti subite, rispetto alle 12 reti fatte.

16 commenti

16 commenti

  1. Scott - 3 settimane fa

    Io vedo gravi carenze tecniche a centrocampo, dove dovrebbe giocarsi la gestione del risultato. Anche l’impatto fisico è, in mediana, mediocre. Certo più evidente con le squadre di altra categoria, ma preoccupa che emerga con la penultima in classifica. Lo dico con estrema tranquillità : non si può pensare di far cassa positivamente e migliorare la classifica. Non si può affrontare la serie A, per non parare di EL, con quattro centrocampisti effettivi. Dobbiamo volare più logicamente bassi e andare allo stadio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. silviot64 - 3 settimane fa

    No, hai la presunzione di essere forte e non lo sei affatto altrimenti certi palloni pronti da buttare in rete non finirebbero in curva che “tanto si vince lo stesso”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Athletic - 3 settimane fa

    Ma va là, è l’opposto semmai. Serve la consapevolezza fi essere una squadra buona ma non eccezionale, che deve lottare duramente e con la massima concentrazione per centrare l’obiettivo. Ma prima ancora, serve un allenatore, è un punto imprescindibile e bisogna farlo immediatamente, abbiamo già quasi perso un giorno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. giogiota_27 - 3 settimane fa

    Torello ancora allo stato brado, con difesa lenta e pasticciona che ripete retropassaggi a non finire,con un centrocampo leggero e incapace di creare azioni. L’attacco anche se ha in Belotti il suo principale finalizzatore non incide mai. Niang dopo sei giornate anche se ieri ha segnato, non convince e mi chiedo perchè Cairo abbia ceduto Maxi Lopez.E come se non bastasse Lijajc è sempre avulso dal gioco, quando ha tre avversari invece di scaricare palla velocemente sui compagni cerca sempre testardamente l’azione personale e ieri è sparito calciando punizioni nella curva. Non si vede grinta e voglia di vincere.L’unica partita che mi entusiasmò lo scorso anno fu Torino-Roma e dopo buio totale.No caro Mihailovic questo torello non va proprio,anche se sono cambiati alcuni elementi, restano le pecche della passata stagione e come finale me lo immagino già. Sempre oltre metà classifica e la zona UEFA resta un miraggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FVCG'59 - 3 settimane fa

    Purtroppo non manca la consapevolezza ma ieri:
    – fisicità e doti atletiche (Valdifiori, Rincon)
    – forma (Niang, Belotti)
    – testa (Molinaro)
    – qualità (Gustafson)
    e soprattutto un gioco di SQUADRA, anziché vivere sulle iniziative dei singoli!
    Ricordiamoci che, gobbi a parte (e ci hanno umiliato), non abbiamo ancora incontrato squadre “più forti” di noi: cosa succederà a breve se non si trovano soluzioni?!?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Grande Torino - 3 settimane fa

    A parte l’allenatore che sta palesando tutti i suoi limiti, credo che la rosa andrebbe sfoltita di giocatori scarsi,
    ce ne sono almeno 5 o 6 tra maturi e giovani mancate promesse. Sui giovani bisogna fare come ai vecchi tempi, pescare quando occorre dalla Primavere,in rosa solo un paio su cui si punta veramente, gli altri tutti in pista in B e C a farsi le ossa. Quando parlo di giovani mi riferisco solo a under 20, se a 21 anni non si è fatto un campionato intero e non sei emerso, anche in serie minore, è difficile poi crescere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. wendok - 3 settimane fa

    Sinceramente tutto questo “essere forte” della squadra, nn lo vedo. Quantomeno nn lo vedo ancora. Io una singola partita della quale quest anno essere soddistatto del gioco, dell agonismo, della cattiveria agonistica, nn l ho ancora vista. Una pena incredibile per si più cn squadre diciamo comprimarie al campionato. Vedo giocare l atalanta e mi chiedo come sia possibile cn la rosa che abbiamo fare simili figure (reiterate) di m. Per nn parlare di come giocano lazio, fiorentina etc… secondo me anni luce più avanti. E prepariamo il pallottoliere per il mese prossimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 3 settimane fa

      spero che tu abbia torto marcio, anche se ho paura che di imbarcate ne piglieremo ancora. comunque hai ragione…il gioco latita e la condizione è approssimativa. per questo spero che possiamo solo migliorare, visto che peggio al momento mi sembra difficile :-(

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. FVCG-70 - 3 settimane fa

    Ieri all’uscita dallo stadio ero più inc..to che dopo il derby!
    Il Verona è una squadra inguardabile e noi non lo abbiamo battuto.
    Al secondo anno di Mihailovic, per la prima volta, anche lui mi ha stancato: la squadra non ha nè gioco nè palle.
    Perchè ha tolto Niang a 20′ dalla fine?
    Perchè un centrocampista (Gustafson!!!!) al posto di Iago? Giochiamo a tre a centrocampo con il Verona e a due con la Giuvemerda????
    Boyè è inguardabile, è al secondo anno qui e peggiora invece che migliorare; non tiene un Pallone, fa giochetti da circo e perde palla. Ma metti Edera…
    Speriamo solo che l’infortunio del Gallo non sia grave…

    Scoramento totale. FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 3 settimane fa

      purtroppo e’ la verita’. Se dobbiamo aspettare 2-3 che giocatori come Boye migliorino siamo a posto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrizio - 3 settimane fa

        2-3 anni :-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. iugen - 3 settimane fa

    L’unica cosa che manca è un allenatore decente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 3 settimane fa

      e qualche giocatore capace anche. non solo giovani promesse e vecchietti sulla via del tramonto. Ovviamente per competere per la Europa league. Altrimenti, per un modesto campionato di centro classifica e salvezza tranquilla, questa squadra e’ perfetta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maraton - 3 settimane fa

        mi spiace, ma i vari messi e ronaldo non sono in vendita. certo c’era Neymar questa estate da prendere, ma cairo si sà….non spende

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dukow79 - 3 settimane fa

    Secondo me invece è proprio il contrario. Al di la del derby perso malamente con 4 reti al passivo ( 2 reti subite nelle ultime 3 gare con Sampdoria, Udinese e Verona), questa squadra non è all’altezza, altro che mancanza di consapevolezza di essere forte ( semmai denota scarsa cattiveria agonistica). In tutto questo pesanti responsabilità vanno addebitate a Mihajlović che continua a prendere in giro il ragazzino( ipse dixit Sadiq) quando è stato il primo a volere l’allontanamento di Maxi. Senza contare il mancato intervento sul mercato per rafforzare la zona nevralgica del campo, nonostante ieri il buon Valdifiori non abbia per nulla demeritato. In definitiva si tratterà della solita stagione inutile di galleggiamento a meta classifica che si concluderà con le valenze tanto amate dal nostro presidente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 3 settimane fa

      per certi versi concordo, per altri non riesco a seguirti: “stagione inutile di galleggiamento a meta classifica che si concluderà con le valenze tanto amate dal nostro presidente”. ma di cosa parli? le valenze le ottieni se uno o più giocatori si distinguono o si dimostrano di un certo livello. se fai figure di merda a ripetizione o non metti i giocatori in grado di esprimersi al loro meglio fai minusvalenze. poi in una certa logica (tanto peggio, tanto meglio) ovvio che tutto fà brodo per tirare acqua al proprio mulino 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy