Toro, con l’Atalanta un pareggio da fischi

Toro, con l’Atalanta un pareggio da fischi

L’ Editoriale di Gino Strippoli / Toro non sai più vincere, e arriva il quarto pareggio consecutivo e ottavo complessivo: è record europeo

9 commenti

Ancora una prestazione incolore quella del Toro, un granata sempre più sbiadito. Se il pareggio può considerarsi giusto per le occasioni create da entrambe le squadre c’è da sottolineare che il Toro ha nuovamente non giocato. Mai due passaggi consecutivi effettuati: in effetti le occasioni gol create dai granata sono state estemponaee, frutto o di azioni personali o da calci da fermo. Siamo alle solite: il Toro non sa più vincere e con questa X è arrivato all’ottavo pareggio ( quarto consecutivo) di questo campionato, un record italiano ma anche europeo in questa stagione.

LEGGI Le pagelle di Torino-Atalanta 1-1: Ljajic e Falque si sciolgono come la neve

L’ Atalanta si è mossa bene in campo e ha fatto prevalere la sua maggior organizzazione con i granata spesso sorpresi dai tagli veloci nello stretto dei nerazzurri e da lanci da destra a sinistra e viceversa che hanno sempre disorientato il centrocampo del Toro. Malissimo De Silvestri che ha sbagliato l’impossibile con palloni buttati fuori in maniera davvero clamorosa, impedendo spesso le ripartenze per il Toro. Se il centrocampo è andato spesso in difficoltà e altrettanto vero dire che Obi è stato l’unico in campo a sapersi muovere senza palla, proponendosi in ogni momento, male Baselli e Rincon. Nel primo tempo le due squadre hanno faticato a giocare, condizionate entrambe dal campo letteralmente ghiacciato. Il gol è arrivato allo scadere dei primi 45 minuti, gol davvero bello di N’Koulou che ha svettato di testa anticipando difensori e portiere su corner di Ljajic, poi nel secondo tempo un’Atalanta più determinata ha raggiunto il pareggio meritato con Ilicic sfiorando più volte il gol del vantaggio mancato per un non nulla.

Toro che quindi non riesce a vincere e adesso arriveranno Lazio e Napoli e l’ Europa sembra sempre più lontana. Tra l’altro negli uno contro uno i giocatori dell’ Atalanta hanno sempre avuto la meglio sui granata. Belotti è sembrato in crescita, si è impegnato molto ma ancora poco determinato sotto porta, sebbene c’è da dire che il Gallo ha avuto pochi servizi a disposizione per andare in gol.

Questa è ancora una grossa pecca che sembra ormai un ritornello granata:  non c’è nessuno che ha coraggio di fare delle giocate e di osare qualcosa di più del solito passaggio ordinario. Ljajic nonostante ha piedi fatati e votati a queste giocate è stato ancora al di sotto delle attese, per uno come lui con le sue qualità è davvero poca cosa il solo tiro che ha impegnato Berisha, da lui ci si aspetta molto di più. L’ uscita della squadra dal campo è sembrata la fotocopia di quella con il Chievo: ovvero fischi finali.

9 commenti

9 commenti

  1. fedeltoro49 - 2 settimane fa

    Preparazione fisica da far rabbrividire! Ma dove cazzo hanno studiato ‘sti preparatori?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marino - 2 settimane fa

      Sinisa si è portato dietro Tavana che ormai vive di glorie passate. E da lì in poi. Ora Sinisa lo voleva pure il Napoli al posto di Sarri, quindi ci stava prenderlo, il problema è persistere nell’errore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fedeltoro49 - 2 settimane fa

    Andate a farlo in culo tutti dal presidente all’ultimo dei magazzinieri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. jjc65 - 2 settimane fa

    Otto pareggi 8 punti, quattro vittorie e quattro sconfitte 12 punti,TORO pensaci!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. jjc65 - 2 settimane fa

    Otto pareggi 8 punti,meglio 4 vittorie e 4 sconfitte 12 punti,TORO pensaci!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 2 settimane fa

    X mesi abbiamo chiesto un ritorno al 4-3-3 xke questa squadra 2 soli centrocampisti non li regge. Ebbene ho l’impressione che non ne sostenga neanche 3 xke mentre da una parte è evidentemente che subiamo di.meno dall’altra CON QUESTI CENTROCAMPISTI non creiamo gioco. Mai una verticalizzazione, mai un uono saltato che possa creare superiorità numerica. L’unico che prova a far qualcosa è Obi mentre Baselli è meglio nella difensiva e rincon fa solo la fase difensiva. Da quest’ultimo in particolare mi aspettavo di più. Fa più o meno le stesse cose che faceva il buon Gazzi con gpv, non prova mai una conclusione,una proposizione in attacco, un passaggio filtrante, niente è praticamente un difensore aggiunto.
    A questo punto forse bisognerebbe provare un 4-3-1-2 con ljajic (l’unico in grado di inventare qualcosa se in giornata) dietro le punte anche xke con le punte larghe dovrebbero arrivare piogge di cross in area ed invece ne arrivano pochissimi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      si ma… con le punte “larghe”… per chi li fai sti cross? non è un problema di modulo, ma di come non si corre senza palla… la superiorità numerica la crei cosi. Poi ieri i tanti errori di impostazione sono stati causati dalle condizioni del campo ghiacciato, ma l’Atalanta, che questi movimenti li fa, si è mossa molto meglio di noi proprio per questo motivo. In questo non so quale sia il confine tra i demeriti del mister e quelli dei giocatori, certo è che cosi non funziona perchè alla fine si crea troppo poco, anche in relazione alla capacità realizzativa dei nostri attaccanti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 2 settimane fa

        belotti nn ti risulta sia un ottimo colpitore di testa?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rossogranata - 2 settimane fa

    Nelle ultime 10 partite una sola vittoria, e allora basta con questa manfrina di allenatore : OCCORRE UNA SVOLTA !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy