La quaterna romana trita il Toro

La quaterna romana trita il Toro

L’editoriale di Gino Strippoli / Granata mai incisivi, sconfitti meritatamente

7 commenti

Quando giochi solo per 20 minuti su 93 in una partita e perdi difficilmente si può dire e scriver che hai perso con onore, sopratutto dopo aver preso 4 gol.

MIHAJLOVIC COMMENTA ROMA-TORINO: “HO VISTO UN BUON TORO”

Inutile elencare le problematiche di questa squadra, che sono le stesse in ogni partita. Ieri però per buoni 20 minuti del secondo tempo il Torino ha avuto qualche squarcio di gioco, qualche lampo di luce, grazie ad un Lukic sempre più vero perno del centrocampo granata. Da lui sono partite le verticalizzazioni per i compagni che hanno messo in difficoltà i giallorossi; per di più il ragazzo, oltre che costruire, sa anche distruggere le trame di gioco avversarie. Oggi e fino a fine campionato il Toro e Mihajlovic devono scommettere su questo giovane regista che, mettendo nelle gambe minuti e partite e facendo esperienza, potrà essere pronto per fare il regista titolare per la prossima stagione.

Buona la partita di Zappacosta che ha servito l’ unico vero assist per la rete di Maxi Lopez. Già, l’ argentino, che non ha perso il vizio del gol, ha “centrifugato”, dopo un primo tentativo, la rete giallorossa, incrociando bene palla e portiere. La classe non è acqua d’altronde.

LE PAGELLE DI ROMA-TORINO 4-1

Ma il vero punto e che il gol granata è arrivato proprio su una verticalizzazione di Zappacosta e non su un’azione corale. Uno potrebbe dire: e allora ? Basta che si segni! Verissimo, ma è altrettanto vero che il Toro che nei primi 20 minuti della ripresa stava giocando bene, manovrando e giostrando bene anche sul 3 a 0, insomma stava – al di là del risultato – facendo una prestazione dignitosa. Poi è arrivato il cambio di Boyé per Benassi. Il risultato? Il Toro si ferma nuovamente, non gioca più, e la Roma riprende a macinare gioco e occasioni.

ROME, ITALY – FEBRUARY 19: Maxi Lopez of FC Torino scores the team’s first goal during the Serie A match between AS Roma and FC Torino at Stadio Olimpico on February 19, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

ALTRE IMMAGINI DI ROMA-TORINO? LA NOSTRA FOTOGALLERY

In quel momento il Toro aveva in campo Belotti, Boyé, Iturbe e Ljajic. Ma come si può sperare che mettendo un attaccante in più in campo si possa pensare di pareggiare una partita del genere? Il gol granata di cui ho già scritto è nato di certo non per avere schierato 4 attaccanti. Ognuno però giustamente fa le sue considerazioni, e l’ allenatore granata avrà fatto le sue.

Noi facciamo le nostre e così non può funzionare l’equilibrio di una squadra.

ZAPPACOSTA: “IL RISULTATO È TROPPO SEVERO”

Per di più si è fatto uscire Falque per far entrare Iturbe quando Ljajic ha latitato almeno per 65 minuti sui 73 giocati. Per tutto il secondo tempo il numero 10 granata non ha toccato palla.

In questa partita il Toro ha resistito alla Roma per soli 9 minuti, davvero troppo pochi, poi per i giallorossi si è aperta la strada di una vittoria tranquilla. La fase  difensiva granata ha sempre dato troppo spazio agli esterni, Salah da una parte e Emerson dall’altra. In più si è visto ancora una volta come i difensori granata non sappiano marcare gli uomini. Il primo e il secondo gol sono esempi lampanti di questo problema. Il Toro non si è mosso male ma è sempre mancato di profondità. Già detto di Ljajic, (che ha perso svogliatamente un pallone a centrocampo dando il via ad un contropiede sventato dal bravo Lukic), Falque ha fatto bene fin quando è stato in campo, Iturbe, a parte un dribbling in area, non si è mai visto,e Belotti oggi non è stato mai messo nelle condizioni di segnare e tanto meno essere servito.

ROME, ITALY – FEBRUARY 19: Adem Ljajic of FC Torino gestures during the Serie A match between AS Roma and FC Torino at Stadio Olimpico on February 19, 2017 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Si dirà: ma il Toro aveva la Roma davanti! Certo! Ma anche con una squadra forte non si può pensare di giocare e fare il primo tiro in porta al 79′ con Maxi Lopez.

SPALLETTI: “BRAVI A LEGGERE LE INSIDIE DEL TORO”

Si può giocare contro qualsiasi grande squadra e essere inferiori qualitativamente, ma non si può essere così passivi nel cercare il tiro in porta. 40 sono i gol presi dal Toro sinora e sono davvero troppi, come troppo si paga il non aver dato all’allenatore granata giocatori di livello per la difesa. L’unico vero baluardo oggi è ancora Moretti, all’età di 36 anni! Grande campione in ogni senso, lui sì è un grande esempio.

7 commenti

7 commenti

  1. VG - 9 mesi fa

    Tutti commettono errori, calciatori, allenatori e tifosi quando la lobotomizzazione non fa vedere il principale responsabile: braccino. Se i giocatori non hanno testa e cuore in campo è colpa anche della società a cui frega nulla del risultato, i due obiettivi sono rimanere in serie A – braccino dopo tanti anni di b ha capito che le valenze di alcuni giocatori lievitano enormemente, fin quando avrà la fortuna di trovare gioielli come Belotti – e pensare alle valenze. Per dodici anni ha dimostrato di comportarsi come un presidente in malafede, appena è sbocciata una promessa , giusto il tempo per farla maturare un po’ di più e a lui ben poco importa se noi tifosi ci affezioniamo, l’ha puntualmente venduta. Questo è il nostro futuro, affrontare campionati da metà classifica e se a rotazione arriveranno ottimi bomber, centrocampisti o difensori per riempire le tasche dell’alessandrino, meglio ancora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. osvaldo - 9 mesi fa

    Caro Gino è ormai da novembre che la squadra non risponde e, solo l’innesto di 3 buone pedine a gennaio avrebbe potuto tenere in piedi una baracca nata male e probabilmente finirà peggio!
    Per ieri io avevo esortato di non farci umiliare dalla Roma che,suo malgrado, in scioltezza!!! non ha potuto fare a meno di rifilarci 4 gol ma, avevo anche chiesto a grand voce di non umiliarci noi stessi!
    Purtroppo abbiamo assistito ad una partita penosa,giocatori svoglati,ognuno per sè,vuoti nella mente e nelle gambe (vuoti,nel cuore granata lo sono sempre stati! eccetto 3/4) e, continuo a chiedere per quale motivo Lijac deve sempre scendere in campo al posto di stare in tribuna o,meglio,ad allenarsi assieme a qualcun altro compagno? Vi è una clausola misteriosa dove vi è scritto che deve SEMPRE scendere in campo per danneggiare la squadra?
    oppure l’allenatore non vuole accettare la grande sconfitta che 2 dei 3 giocatori voluti strenuamente da lui si sono rivelati due inguardabili di cui uno addirittura INDISPONENTE! Due persone che nemmeno in oratorio il parroco li farebbe giocare!
    Oltre alla fiacca dei giocatori dobbiamo chiamare in causa il mister che,pur con la scusante che la società,quale?(SIC!) non gli ha comperato 2-3 giocatori con caratteristiche da lui richiesti,ha sbagliato tutto: dalla preparazione (da novembre tutte le squadre incontrate,dopo 30/40 minuti,si sono dimostrate più squadra e più svegli di noi e, a fine partita, pur se i nostri hanno macinato più KM,lo hanno fatto a vuoto perchè gli avversari arrivano sempre prima sul pallone;dalla lettura tattica delle partite,sempre lo stesso spartito e mai che un cambio si sia rivelato vincente e, non credo sia solo colpa della coperta troppo corta; gestione dello spogliatoio,certe uscite vanno bene se dette una volta ma, se ripetute creano malumori e tensioni.
    Nella grande delusione per una società non all’altezza per quella crescita tanto sbandierata da ben 11 anni,annovero purtroppo a malincure, la delusione sul mister che settimanalmente mostra sempre gli stessi limiti,oggi acuiti ancora di più da una palese rassegnazione(“abbiamo fatto quello che potevamo! La Roma è più forte!”) e, dagli obiettivi qualificazione EL e Coppa Italia,siamo passati all’obiettivo di fare più punti del girone di andata(sarebbe dovuto essere facile visto il calendario che ci proponeva; ben 11 partite a Torino(derby compreso in casa gobbi) e solo 8 fuori dove abbiamo sempre fatto pietà,escluso a Palermo! Appena ci si è accorti che quasi certamente tale obiettivo è già diventato utopia,si è passati al confronto punti rispetto all’orribile scorso anno,cosa che incomincio a vederla abbastanza difficile.
    Sinisa e Cairo DUE GRANDI FALLIMENTI! il primo(ormai mi sono convinto) almeno ha la scusante che non gli hanno messi a disposizione i giocatori richiesti (ma un buon allenatore deve saper adattare, gestire bene e far rendere al massimo il mnateriale che passa la baracca!),il secondo invece farebbe bene ad andarsene,non ne posso più di sentire e leggere le sue interviste sulle spese sostenute e MAI sugli incassi!, BASTA X FAVORE!
    Senpre con il Toro
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BannatoGranata - 9 mesi fa

      Mi chiedo come mai solo Osvaldo, io e altri 5 o 6 nel forum se ne sono accorti a Novembre.
      Non la societa’ e non tanti lecca lecca qua nel forum sempre a difendere tutto e tutti.

      Ma le vedete le partite?

      Come scritto un milione di volte con nick diversi (e si mi bannate ma non me ne vado!!!!) C’E’ UN CALO GENERALE DA OTTOBRE / NOVEMBRE IL CALO E’ SENZA SOSTA SI STA ANDANDO GIU’ A PICCO.

      S*V*E*G*L*I*A

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabrizio - 9 mesi fa

        Il calo e’ iniziato 2 stagioni fa

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BannatoGranata - 9 mesi fa

    Bravo Gino, articolo condivisibile, che tra l’altro puoi copiare e incollare e riutilizzare per le prossime 10 partite, niente cambia nella testa di Miha.
    Distruggere il centrocampo, insistere sugli interpreti sbagliati, 4 attaccanti. Sempre la stessa storia. Stampalo e mandaglielo come regalo di compleanno.
    Il mercato ha fatto pettare, ottavi sarebbe il massimo risultato ma ora giocano per arrivare 15i.
    SVEGLIA CAZZO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CHC Bull - 9 mesi fa

    Al Toro di ieri – prima, durante e dopo la partita – rimprovero di aver accettato la sconfitta come un inevitabile fenomeno cosmico.
    E per questo hanno stesse responsabilità presidente, allenatore e giocatori. I ragazzi sono scesi in campo con la stessa consapevolezza con cui scendevano nell’arena i cristiano con i leoni.
    La società sta smarrendo la sua essenza.
    Il TORO non ha paura… Ricordatevi che davanti avrete solo 11 giocatori: 11 come voi. Ma VOI siete il TORO, loro NO!!” (Paolino Pulici)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      perchè : esiste una società ? Compare a sprazzi quando a fine mercato conta le valenze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy