Contro il Benevento un Toro vittorioso e convincente. Ma occhio a non illudersi

Contro il Benevento un Toro vittorioso e convincente. Ma occhio a non illudersi

L’editoriale di Gino Strippoli / Granata al tris di gol che scaccia le streghe

7 commenti

Può esser facile analizzare una vittoria con tre gol di scarto, perché sembrerebbe che la partita sia stata a senso unico e stradominata. In realtà se la si giudica obiettivamente la verità sta a metà: è vero che il Toro ha strameritato la vittoria, ma il Benevento ha giocato a viso aperto e ha messo più volte in difficoltà i granata sin quando si è giocato in undici contro undici. Bravo dunque De Zerbi ad aver dato alla squadra una sua identità a centrocampo sopratutto grazie ai due esterni D’Alessandro e Guilherme, che hanno preso più volte in velocità i centrocampisti granata. Male però la retroguardia del Benevento che ha sicuramente agevolato i gol di Iago Falque e compagni.

Diciamo che il Toro ha finalmente giocato trovando il giusto equilibrio, soprattutto a centrocampo, con un Obi davvero superlativo e un Baselli che saputo cucire bene i buchi che ogni tanto saltavano fuori. Ancora non bene invece il venezuelano Rincon, che proprio nel ruolo di centrale, non riesce a dare quello che sa fare come interno. É piaciuta molto l’intesa tra Falque e Berenguer. I due spagnoli si sono cercati e trovati più volte con lanci lunghi da destra a sinistra e viceversa e guarda caso il primo gol granata realizzato da Falque, al 9 gol in campionato, è nato proprio dalla sincronia tra i due. In più Berenguer sta dimostrando sempre più di essere un giocatore e non un oggetto misterioso come poteva sembrare nella prima parte della stagione. Ma d’altronde chi lo aveva mai visto in campo?

Mazzarri sta lavorando bene è l’ordine con cui il Toro gioca, senza sprecare troppi palloni sia in difesa che a centrocampo, è sicuramente merito suo. C’è ancora molto da lavorare, ma l’allenatore toscano è talmente meticoloso e preparato che sicuramente può solo far migliorare la squadra granata. Una vittoria che è ha avuto anche Niang e Belotti come protagonisti perché se il primo ha timbrato il secondo gol con una bella girata ed è al terzo gol stagionale, sicuramente uno stimolo in più a far bene, il secondo è finalmente uscito dal tunnel dell’infortunio rientrando in campo. È vero, il gallo ha avuto poche possibilità di mettersi in mostra ma il suo colpo di testa, su un lancio di un compagno, entrando in contrasto con un avversario, la dice tutta sulla sua voglia di ritornare il cannoniere che il Toro sta aspettando da diverso tempo.

Una sola riflessione può venire in mente: quando rientrerà Belotti, con un Njang che ha ritrovato il gol, un Falque che è il capocannoniere granata e vede sempre la porta, con Berenguer che da il giusto equilibrio alla squadra, chi rimarrà fuori? Ricordando che c’è anche un certo Ljajic che si sta sedendo in panchina già da tre partite con i rumors di mercato che  lo danno in partenza sempre più forti. Un bel quesito che solo Mazzarri saprà sbrogliare.

7 commenti

7 commenti

  1. drino-san - 3 settimane fa

    Obi superlativo avrà toccato 4 palloni, a centrocampo abbiamo fatto pena contro una squadra non di categoria. Non é che hai sbagliato canale?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 3 settimane fa

      Se scrivi questo non.hai minimamente visto.la partita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. cerdrifix - 3 settimane fa

        Concordo. Obi uno dei migliori in campo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alexku65 - 3 settimane fa

    A volte ho l impressione che il tifoso granata, anche quando illustre, cada in forme di autocompiacimento o automiserazione. Dire che la partita di ieri è stata convincente è opera francamente del “diavolo” perchè, per come la vedo io, l unica partita convincente dove Mazzarri non aveva ancora messo nulla dentro (a differenza di diversi commenti giornalisitici e non ugualmente autocompiaciuti) è stata quella col Bologna. Le ultime due partite col Sassuolo e Benevento dimostrano secondo me una fortissima involuzione di stile venturiano. Per anni abbiamo sentito l assenza di un gioco che esaltasse un pò anche gli animi dei tifosi e ora torniamo, mesti mesti, al tiki taka con imbucata.Tutto il mondo dei tifosi e dei giornalisti/commentatori (anche quelli che capiscono come Serino) si è scagliato contro Miha. Può darsi che abbiano tutti ragione. Al suo arrivo però abbiamo visto un Toro che finalmente piegava anche le grandi squadre (vedi Roma l anno scorso) e che a parte i gobbi e il Napoli non ha mai veramente subito nessuno. Ieri siamo riusciti a non emergere neanche con il Benevento sotto di due goal e in 10. Grande spettacolo. Speriamo che questo giocare più accorti (se cosi si può dire) produca sempre risultati. Domenica con la samp avremo il responso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. cerdrifix - 3 settimane fa

    Convincente? Non ho sentito, ne allo stadio ne sul pullman di rientro, un tifoso che fosse minimamente contento di questa partita. In 11 contro 10 non siamo riusciti a proporre un minimo di gioco. Invece di pensare a come impiegare Belotti con Niang con Falque con Berenguer con Edera con Boye, pensiamo a come far girare la palla velocemente, con il minor numero di tocchi e soprattutto verticalizzando in modo rapido ed efficace. Vergogna! Non alla squadra, non all’allenatore che non ha ancora avuto modo di trasmettere un nuovo sistema, ma a questo ordine di giornalisti che, invece di analizzare in modo sensato le cose, fanno del qualunquismo, come se non avessero idea di cosa si stia parlando.

    Baselli?? L’ectoplasma dei ghostbusters avrebbe giocato in maniera più propositiva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13726000 - 3 settimane fa

    Gino????Mettici più tabacco…Gino…!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. tric - 3 settimane fa

    Convincente???!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy