Voglio Anthony Weatherill presidente della FIGC!

Voglio Anthony Weatherill presidente della FIGC!

Il Granata della Porta Accanto / La rubrica di Alessandro Costantino: “Gli scritti del nipote di Sir Busby sarebbero un manifesto perfetto per la riforma del calcio. E anche per ispirare il presidente Cairo…”

di Alessandro Costantino

C’è poco da dire sul Toro inteso come squadra: situazione stagnante e obiettivi sistematicamente falliti anche quest’anno, a meno di considerare la salvezza fra gli obiettivi stagionali, nel qual caso bisogna esserne soddisfatti. A Bergamo si è chiusa l’ultima porta per l’ Europa, sebbene le speranze di raggiungere il settimo posto fossero comunque poche già prima. Francamente passa anche la voglia di doversi schierare con questa o quella fazione nel processo alla mediocrità di queste ultime annate. Voltiamo pagina, lasciamo perdere il rimpianto e cerchiamo di proiettarci su un futuro migliore: il pensiero positivo resta la nostra ultima e migliore risorsa.

E a proposito di pensiero che genera positività non posso non condividere con voi la stima e il rispetto che nutro per Anthony Weatherill, specialmente da quando leggo con vorace interesse i suoi bellissimi articoli qui su tvvarna. Fa specie pensare, e non me ne voglia il buon Anthony, che un inglese riesca a dipingere così bene il sentimento di tanta parte dei tifosi italiani (e presumo della stragrande maggioranza di quelli granata) riguardo la deriva assurda che sta prendendo il calcio nel periodo storico che stiamo vivendo. Leggendo i pezzi di “Loquor” (qui tutti gli articoli), così si chiama la sua rubrica, mi sono letteralmente innamorato sia della prosa del nipote del mitico Sir Matt Busby, forbita ed ironica, sia dei contenuti assolutamente profondi e lucidi. In periodo di carenze di personalità di spessore in Figc ed in Lega, se avessi voce in capitolo, non esiterei a sponsorizzare Weatherill come presidente: sarebbe una manna dal cielo e il segnale di una vera volontà di riforma del mondo del pallone.

Anthony Weatherill

Ovviamente ciò non si verificherà neanche nei miei più arditi sogni e “gattopardescamente” la situazione ai piani alti del governo del calcio cambierà così tanto affinché nulla cambi. Sappiamo tutti come funzionano certe dinamiche…

In tutto questo una tirata d’orecchie al presidente Cairo non posso evitarla. Nel suo spendersi per cercare nuovi attori da far scendere in campo nella partita sui diritti tv (gli spagnoli di Mediapro) è rimasto a metà del guado non battendosi né per una migliore e più equa distribuzione dei diritti televisivi, né per riformare la governance calcistica intaccando gli oligopoli esistenti. In sostanza ha optato per ingrandire la torta da spartirsi (quindi traendo un buon vantaggio, ma non trascendentale, anche per il Toro), ma non ha mosso un dito per modificare i ciriteri di ripartizione che sono poi il vero ostacolo ad una competitività maggiore nel campionato italiano. Una mossa assurda vista con gli occhi del tifoso, ma ben calibrata se valutata con i criteri politici: che si sia trattato di una “dimostrazione di abilità” prodroma ad una sua discesa in campo nella politica vera? Il paragone con un Lotito, che triga e briga in Federazione da anni, più a vantaggio della sua Lazio che di sue mire di prestigio personale, non può non saltare all’occhio. Per carità, non sto dicendo che Lotito sia meglio di Cairo, ma sto semplicemente facendo notare che il nostro presidente pur avendo tanti mezzi a disposizione (non dimentichiamoci che, ad esempio, è lui l’editore della Gazzetta dello Sport, il più autorevole quotidiano sportivo nazionale), non pare li voglia utilizzare per una crociata riformatrice del mondo del calcio e neppure più biecamente, se mi passate il termine, per accrescere il prestigio del Torino FC. Che poi basterebbe poco: solamente che Cairo prendesse ispirazione dagli articoli di Weatherill per le sue battaglie in Lega e per la gestione del nostro Toro…

Non ci resta, invece, che continuare a leggere la rubrica “Loquor” e rimpiangere il calcio che fu o sognarne un suo ritorno, aggiornato ai tempi che corrono, in un futuro il più prossimo possibile.


Da tempo opinionista di tvvarna, dò voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

3 Commenta qui
  1. bloodyhell - 8 mesi fa

    bellissima provocazione di Costantino, che chiama alle loro responsabilità i nostri inutili attuali dirigenti sportivi e il presidente del nostro amato toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Sempregranata - 8 mesi fa

    Fantastico, in tutti i sensi. Ottima proposta, lanciamo un movimento:-)), a patto che continui a scriverci i suoi bellissimi articoli anche da presidente della FIGC. Weatherill presidente, Costantino segretario generale e Pennisi capo della Comunicazione. Rivoluzione etica e potere ai tifosi!:-))

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 8 mesi fa

    Credo che Cairo sia capace solo di pensare al bilancio, si alza la mattina e pensa al bilancio, va a dormire la sera e pensa al bilancio, che siano sogni o incubi, sono di bilancio.
    Poco importa se è RCS o il Torino calcio, a lui importa solo sistemare i bilanci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy