Mister Mazzarri, la miglior difesa non è (solo) la difesa!

Mister Mazzarri, la miglior difesa non è (solo) la difesa!

Il Granata della Porta Accanto / Torna la rubrica di Alessandro Costantino: “Riuscirà l’allenatore toscano a risolvere il rebus tattico dell’impiego in campo del maggior numero possibile di giocatori dai “piedi buoni” senza perdere compattezza difensiva?”

di Alessandro Costantino

Un campionato che comincia con una sconfitta di solito lascia sempre la porta aperta a grossi dubbi sulle
reali qualità della squadra che perde: insinua il sospetto, erode l’entusiasmo, smorza gli slanci. Non è, per
fortuna, quello che è accaduto al Toro uscito dalla sua prima partita stagionale di Serie A a mani vuote,
beffato sul filo di lana dal gran gol di Dzeko, leader di una Roma che ambisce a recitare un ruolo da
protagonista nella lotta scudetto.
Certo le polemiche non sono mancate, la VAR ha tolto in maniera severa (ma giusta) un gol a Iago e poi
non è intervenuta in occasione della spinta subita dallo stesso spagnolo in area di rigore, così come la
sfortuna non ha mancato di presentarsi puntuale al Grande Torino facendo perdere a Mazzarri due
difensori per infortunio ed impedendogli quindi di usare i cambi per provare a piazzare la zampata giusta
sulla partita. Insomma, nonostante la rabbia, le polemiche e un pizzico di iella, il bicchiere in casa granata
è comunque mezzo pieno e non mezzo vuoto. Perchè?
Innanzitutto perchè la squadra ha dimostrato una notevole compattezza sul campo, non venendo messa
sotto da una compagine forte come la Roma, frutto, questo, del buon lavoro che Mazzarri sta facendo
dall’inizio della stagione, specialmente sui meccanismi difensivi. In secondo luogo perchè le prime
impressioni sui nuovi innesti sono state positive,a partire da Izzo, passando per Meitè e includendo
Bremer e Ola Aina (Soriano ha giocato troppo poco per poter essere seriamente valutato). Infine, un’altra
nota positiva è data dalla sensazione che la squadra, se più convinta e sciolta, possa poter esprimere un
discreto potenziale anche in fase offensiva. Ed è questo forse il punto che ci deve far riflettere
maggiormente. La campagna acquisti, stitica per gran parte del suo svolgimento, ha avuto un’impennata
finale con gli arrivi pesanti di Zaza e Soriano, due giocatori che sulla carta dovrebbero alzare il livello
qualitativo delle giocate in fase di attacco. Da queste due mosse scaturiscono però due problemi da
gestire: uno, più semplice, cioè il sovraffollamento dell’attacco, risolvibile con la cessione di uno o due
elementi (Niang e, speriamo di no, Falque o Ljajic), l’altro, più complesso, la coesistenza in campo del
maggior numero possibile di calciatori dai “piedi buoni”.
Sul primo problema non mi soffermo neppure, sebbene condivida il pensiero di chi sostiene che per
puntare a certi obiettivi sia necessaria una rosa con alternative di pari livello, per cui starei attento a
sfrondare troppo, correndo magari il rischio di trovarci in difficoltà ai primi infortuni o squalifiche (tutti ci
ricordiamo cosa accadde l’anno scorso quando si fece male Belotti….). Sul secondo, invece, la patata
bollente passa a Mazzarri e qui si vedrà la vera abilità del tecnico toscano nel far rendere al meglio una
rosa che appare più forte (ma non completa…) rispetto a quella dell’anno scorso. Se il tecnico è noto per
essere un grande estimatore del 3-5-2 i giocatori che ha a disposizione sono in realtà quasi più adatti a
molti altri schemi e un po’ meno al 3-5-2. Un paradosso questo che adesso, ad inizio stagione, sembra un
limite, ma che con l’andare delle partite potrebbe diventare un vantaggio se il tecnico saprà mettere in
campo un Toro camaleontico, capace di passare da un modulo di gioco ad un altro, sia a seconda
dell’avversario, sia a seconda dei momenti della partita. Di sicuro quello che è palese è che con tutta la
qualità che abbiamo dalla metà campo in su, pensare solo a difenderci sarebbe quasi un delitto: concordo
che in Italia le squadre che ottengono più risultati sono quelle più quadrate difensivamente parlando, ma
non si può rinunciare a priori a giocarsela di più in attacco quando si hanno le possibilità di poter fare
male alle difese avversarie. Belotti, Zaza, Iago Falque, Ljajic, Soriano, Baselli sono giocatori che possono
garantire, complessivamente, una sessantina di gol a stagione: farne giocare (solo) tre alla volta vuol dire
avere una panchina ricca di alternative pesanti, trovare il modo di averne almeno quattro insieme in
campo senza perdere compattezza, difensivamente parlando, potrebbe essere, invece, la chiave per un
campionato al di sopra delle aspettative.
Ecco quindi che faccio un appello a Mazzarri: concordo con Lei, mister, che la miglior difesa non è
l’attacco, specialmente se scriteriato. Però mi auguro che la miglior difesa non sia per Lei solo la difesa:
abbiamo un “arsenale” dalla metà campo in su che va solo innescato nella miglior maniera possibile per
farlo diventare letale per gli avversari. A Lei il compito di risolvere questo rebus tattico, a noi quello di
sostenere la squadra e di godere delle vittorie che arriveranno copiose se davvero riuscirà a trovare il
bandolo della matassa.


Da tempo opinionista di tvvarna, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

40 Commenta qui
  1. robert - 2 mesi fa

    Troppe ipotesi,troppi calcoli,troppe opinioni a vanvera.Bisogna guardare la realtà e se Mazzarri va al Meazza per difendersi tutta la partita ha già perso in partenza.Il mio timore è che dopo due giornate di campionato i punti sono zero e recuperare sei punti alle più forti è quasi impossibile considerando che anche le squadre inferiori al Toro gli porteranno via parecchi punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14003131 - 2 mesi fa

    Non sono d’accordo con l’articolo. A parte che ci vuole ancora tempo per integrare i nuovi, mi sembra che Mazzarri stia lavorando bene. Non è un genio ma la squadra ha capo e coda e può pungere forte… vedremo. Nel campionato italiano vince chi prende meno goal, e’ quanto si è visto di massima anche al mondiale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

    Tanto per parlare, io aspetto il 3412, con centrocampo a rombo (Rincon/Meitè, Ansaldi, Aina, Meitè/Soriano), Ljajic, Zaza, Belotti con trequartista e senza mezze ali. penso che lo vedremo prima o poi, almeno ci spero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granata - 2 mesi fa

    “…Qui si vedrà la vera abilità del tecnico toscano nel far rendere al meglio una rosa che appare più forte…”. Giustisima osservazione. Sono d ‘accordo con la richiesta di “duttilità” nel modulo. Non è una questione di numeri (3-5-2, 3-4-3, 3-4-2-1) ma di far giocare gli uomini migliori. L’ho già scritto e lo ripeto, perchè vedo che qualcuno condivide questa mia idea. Il Toro di Radice giocava con Zaccarelli, Pecci, C.Sala, Graziani, Pulici e, primo in Italia, aveva adottato il modulo all’ alandese con il pressing alto: ottenne risultati eccezionali. Bisogna provare a uscire dai soliti schemi, dai ruoli precostituiti. Il Toro di Mazzarri ha a disposizione cinque giocatori di ottimo livello: Ljajic, Iago Falque, Soriano, Zaza, Belotti. Deve tentare una convivenza, non privilegiando seconde scelte come Berenguer e Baselli. Sono stato un estimatore di quest’ ultimo, ma anche contro la Roma è stato il meno brillante. Gli manca fisicità e coraggio. Può essere un buon subentrante. Su Berenguer non mi dilungo, mi ricorda giocatori come Sanchez Mino e Martinez. Spero di sbagliarmi. Si dice che contro la Roma si è visto un Torino combattivo e solido, ma alla fine si è perso. Tanto valeva osare e mandare in campo Ljajic, quando la Roma (nella ripresa) palesava difficoltà difensive. E’ stato il momento in cui Di Francesco ha osato e inserito due giocatori offensivi come Kluivert e Schick. Forse saremmo rimasti in 10 per le uscite forzate di Izzo e Rincon, ma forse avremmo segnato un gol prima di quello della Roma.
    Osare vuol dire anche trovare un ruolo inedito per il bravo Iago Falque. Ricordo che la Juventus di Ancelotti trasformò Zambrotta da esterno offensivo a difensore di fascia e che la stessa cosa ha fatto la Roma con Florenzi che di Iago Falque ha caratteristiche analoghe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 2 mesi fa

      Tutto ok. Però “..ma alla fine si è perso..” mi pare un po’ troppo “punitivo.
      Il toro ha giocato alla pari, potevamo vincere, abbiam preso un gol a partita finita per un errore di un ragazzino, che 15 minuti prima ha fatto il suo esordio, e la prodezza di uno dei più forti attaccanti del mondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

      Sono d’accordo sul dovevamo osare. Ma Mazzarri è questo. Spero si sia accorto, come ho scritto prima, che abbiamo finalmente gente che può costruire e non sempre ripartire con palle lunghe e pedalare… se poi deve pedalare solo Belotti che va su tuuuuutti in palloni e spesso lo tirano giù. Su Berenguer sono d’accordo. Paradossalmente sembra diventato più bravo a rompere le trame degli avversari che a costruire.
      Vedremo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

        Si sia accorto Mazzarri… mi riferivo a lui

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Kieft - 2 mesi fa

        Mazzarri giocava in contropiede anche a Napoli

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

    Ho visto due volte la partita con la Roma. Ho notato che quando abbiamo tentato di costruire difesa-centrocampo-attacco lo abbiamo fatto benissimo. Un vero piacere guardare. Quando Rincon ha piedi registrati, con Meité e Baselli, Falque che arretra un po’ pre costruire, c’è sufficiente qualità da poter evitare gli inguardabili lanci su Belotti direttamente dai centrali di difesa. Si sono visti due passaggi in verticale con l’esterno del piede (Rincon e Aina) che da soli valgono 1/4 del biglietto. C’è stato un bug in quella partita. Berenguer tanta velocità ma troppi errori in fase di passaggio, cross, etc. Stranamente dal punto di vista della qualità lo spagnolo è quello più debole quest’anno. Aumentiamo la forza a centrocampo con Ansaldi e Lollo sulle fasce, giochiamo con Meité e Rincon senza mezzali.potremo forse permetterci il trequartista dietro le due punte. Almeno nelle partite con le squadre più deboli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 2 mesi fa

      D’accordo su Berenguer, ed in generale sulla tua disamina. Ora l’importante è che si chiuda il mercato, per sapere chi parte e quindi i reali giocatori su cui poter contare. A quel punto, Mazzarri sarà a posto, e noi potremmo esaminare, supporre e commentare con meno dubbi di base.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. microbios - 2 mesi fa

    Possono giocare tutti, basta prevedere dei cambi a partita in corso, in modo da giocare sempre 14 giocatori, cosa che non ha potuto fare con la Roma. Far ruotare i giocatori, anche a partita in corso, nel calcio moderno, è fondamentale. Sul modulo, credo che spesso si giocherà con il trequartista dietro le punte, per cui l’unico esubero vero è Niang: considerato che Butic andrà via, Damascan è in primavera, rimarrebbero 5 attaccanti x 2/3 posti, un numero che va bene.
    Anzi, se Edera e Parigini andranno via a Gennaio, potrebbero addirittura diventare pochi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Custer7 - 2 mesi fa

    La soluzione potrebbe essere quella di giocare con un 343 con una linea di centrocampo composta da Ansaldi a sx, desilvestri a dx, soriano e Meité in mezzo ( appena uno dei due centrali si spompa subito pronto rincon per la sostituzione) e una linea di attacco formata da Zaza a sx ( suo ruolo naturale) belotti al centro e Iago a dx.
    Penso che questo modulo possa avere un suo equilibrio dato per scontato che la linea di attacco aiuti il centrocampo in fase di non possesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

      Con la variabile 3412 con Ljajic dietro Zaza/Iago e Botti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 2 mesi fa

      Rincon, x WM, in questo momento è giustamente inamovibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Vanni - 2 mesi fa

      Zaza ha sempre solo fatto la punta centrale, come Belotti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. marcocalzolari - 2 mesi fa

    D’accordissimo con SSFT.
    Il 3-5-2 non è un modulo difensivo a prescindere, dipende da interpreti e movimenti.
    Su Mihajlovic non mi esprimo, l’ho sopportato per un anno e mezzo, è un allenatore che ovunque ha collezionato solo esoneri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Mazzarri fa più un 5-3-2. I suoi laterali sono dei difensori aggiunti, poi ci sta che ogni tanto Desi faccua goal, ma non è un laterale di spinta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. jilali - 2 mesi fa

    mua’…quante chiacchiere…
    sulla carta siamo migliorati …andrò sicuramente controcorrente..ma mi sarebbe piaciuto vedere lo slavo con i vari Izzo, meite ,Soriano e Zaza a disposizione….Non è stato facile per lui giocare con Molinaro, valdifiori , aqua etc con il gallo che sembrava la sua brutta copia (e non la metteva dentro manco con le mani) e sopratutto contro una dirigenza perbenista che che non lo sopportava più dal periodo del caso Anna frank …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sysma_558 - 2 mesi fa

      Ancora che ritornate su Sinisa ?!?! Ci ha fatto buttare via almeno 20 milioni tra quella sega di niang e la mancata cessione di acqua. Incapace a leggere le partite, incapace a gestire lo spogliatoio (maxi Lopez scaldabagno ci faceva comodo col Gallo rotto!!!!), incapace nella preparazione atletica…….ma di che stai parlando……”merda e cioccolato” !!! Mazzarri al ritorno ,con lo spogliatoio a puttane grazie allo zingaro, ha fatto più punti!!!
      Fvcg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giankjc - 2 mesi fa

        Razzista. Ah ecco con chi abbiamo a che fare, altro che calcio.
        Spregevole.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. SSFT - 2 mesi fa

    Mah, la teoria per cui mettendo un giocatore offensivo in più i suoi gol si sommano a quelli degli altri attaccanti è un po’ semplicistica. Il miglior attacco dello scorso campionato é stato quello della lazio, che giocava con il 352. E non é che togliendo un giocatore più difensivo e mettendo un clone di immobile, a fine campionato avrebbe aggiunto 30 gol a quelli segnati dalla lazio con un solo immobile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 2 mesi fa

      L’allenatore bravo deve trovare il giusto equilibrio sfruttando e mettendo nelle migliori condizioni possibili i giocatori più bravi che ha a disposizione.
      Il pessimo allenatore è quello che ritiene il modulo di gran lunga prevalente rispetto alle ottime capacità individuali che vengono soppresse a favore dei Berlinguer di turno perché sono duttili, fanno due ruoli, ecc ma non servono ad una cippa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. SSFT - 2 mesi fa

        Quindi mazzarri è un pessimo allenatore?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giankjc - 2 mesi fa

          No. È uno che crepa lo spettacolo, fa catenaccio ed è prevenuto, oltre che un fossilizzato difensivista. Un top da clausura.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. sysma_558 - 2 mesi fa

        Ecco adesso abbiamo anche il prof di Coverciano.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giankjc - 2 mesi fa

          Tu hai opinioni o solo posizioni supine?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Giankjc - 2 mesi fa

    Costantino hai utilizzato un po’ di politichese ma il senso è chiaro e più che condivisibile.
    Anche se qualcuno già mette le mani avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. marcocalzolari - 2 mesi fa

    Io ho odiato il non gioco di Mihajlovic quando voleva insistere col 4-2-3-1 e invece con la Roma ma anche con Liverpool e il modesto Cosenza ho visto una squadra di calcio, giocare con movimenti, tagli, sovrapposizioni, con uscite difensive organizzare.
    Quindi mi fido di Mazzarri, tutti speriamo che riesca a far fare 30 goal a Belotti, 20 a Zaza e 20 a Falque, ma ci vuole pazienza e fiducia per oliare i meccanismi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 2 mesi fa

      Allucinazioni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sysma_558 - 2 mesi fa

        Con quello che hai scritto prima l’allucinazione forse la hai più tu. Anch’io mi fido di Mazzarri e vediamo fra 12/13 partite cosa abbiamo fatto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giankjc - 2 mesi fa

          Questa rosa dovrebbe fare bene, se in campo quelli bravi li tiene fuori …..
          Come li mette in campo l’abbiamo già visto o sei un non vedente?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. parodifran_273 - 2 mesi fa

    Non capisco il senso dell’articolo, neanche al Bar Sport si fanno certi discorsi.
    Mazzarri è un allenatore top, che in 6 mesi ha dato un’identità alla squadra, che adesso è solida, compatta e se la gioca alla pari con squadre come la Roma (semifinalista di Champions).
    Ora il signor Costantino dice che il 3-5-2 non è un modulo giusto, dall’alto di quale conoscenza calcistica?
    Vuole 5 punte in campo?
    Mihajlovic l’anno scorso a provato a far coesistere Belotti, Falque, Ljajic e Niang, con risultati disastrosi.
    Non è la prima volta che non mi trovo d’accordo con Costantino.
    Sono arrivati Zaza e Soriano, buoni giocatori, ma non campioni, e Mazzarri dovrà inserirli all’interno di un contesto dove già Niang e Ljajic faticavano per limiti tattici e di applicazione.
    Perché è vero che potenzialmente ci sono gol in rosa, ma è anche vero che facendo 80 gol e subendone 80 non si ottengono obiettivi.
    La squadra di Venaria ha venduto Higuain, perché non c’era posto con Ronaldo, e noi ci preoccupiamo che gente che non ha mai determinato nulla se ne stia in panca.
    Magari incolpando l’allenatore.
    Io sto con Mazzarri, che di sicuro ne capisce più di Costantino e di me.
    #SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vanni - 2 mesi fa

      Mazzarri e’ tutto meno che un allenatore TOP. O lo paragoni a Guardiola, Sarri, Conte,Klopp? Quelli sono TOP (relativo eh, l’allenatore vale un 10% della squadra, il resto lo fanno la dirigenza e giocatori).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giankjc - 2 mesi fa

        Questo ha capito che Costantino vuole 5 punte in campo e valuta il testün un allenatore TOP.
        In più già mette le mani avanti…
        Non hai bisogno che ti dica con chi abbiamo a che fare.
        Ciao Vanni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Giankjc - 2 mesi fa

        L’allenatore bravo deve trovare il giusto equilibrio sfruttando e mettendo nelle migliori condizioni possibili i giocatori più bravi che ha a disposizione.
        Il pessimo allenatore è quello che ritiene il modulo di gran lunga prevalente rispetto alle ottime capacità individuali che vengono soppresse a favore dei Berlinguer di turno perché sono duttili, fanno due ruoli, ecc ma non servono ad una cippa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giankjc - 2 mesi fa

      La squadra semifinalista di champions era quella dell’anno passato….e il Toro di miha, incapace, vinse a Roma buttandola fuori dalla CI.
      In campionato perse 0-1 a ottobre esattamente come la settimana scorsa. Ora va bene odiare a prescindere ma scrivere delle sciocchezze di tale livello squalifica brutalmente una opinione evidentemente preconcetta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Vanni - 2 mesi fa

    Bell’articolo. Ci sono anche giornalisti sportivi, non solo Rotoloni Regina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. parodifran_385 - 2 mesi fa

      Certo.
      Da domani N’Kolou in difesa poi Soriano – Baselli – Meite – Ljajic e davanti Falque – Zaza – Belotti – Edera e Niang.
      1-4–5.
      E vinciamo tutte le partite.
      Ma per favore..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vanni - 2 mesi fa

        Classico. Che ti puo’ rispondere uno?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giankjc - 2 mesi fa

          Abituati al 811 sarà dura…

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy