Il caso Benassi: quando l’attaccamento alla maglia non è sempre decisivo

Il caso Benassi: quando l’attaccamento alla maglia non è sempre decisivo

Il Granata della Porta Accanto / Toccanti parole d’addio del centrocampista: amare il Toro ed essergli tecnicamente utile non è un binomio facile

8 commenti

È stata sicuramente una delle cessioni più controverse degli ultimi anni, non tanto perché ha scatenato l’opinione pubblica quanto perché in ottica futura non si capisce se sia stato o meno un affare per il Toro.  Vado controcorrente e dico che Marco Benassi alla Fiorentina è stata un’operazione di quelle in cui alla fine ci guadagnano tutti: il Torino, che realizza l’ennesima valenza su di un calciatore poco visto dall’allenatore e sul quale si erano addensate troppe aspettative da quando era stato fatto capitano, il giocatore, che approda in un’ottima piazza dove potrà, senza troppe ansie, riprendere l’ascesa della sua carriera e la Fiorentina, che dopo aver tanto ceduto si rinforza con un ottimo elemento.

In realtà non è sull’aspetto tecnico della vicenda che vorrei soffermarmi: sono tra quelli che vedevano in Benassi un “gregario di lusso” nel senso che, pur ritenendolo un ottimo giocatore, non vedevano in lui quelle capacità tali dal punto di vista della personalità da permettergli di ricoprire un ruolo di leader in un progetto tecnico di squadra di vertice. Benassi ha un luminoso futuro perché è bravo ed è pure un professionista esemplare, ma non poteva essere la pietra su cui reggere l’undici che ha in mente Mihajlović del Toro del futuro.

Ad ogni modo ciò che più mi ha colpito della vicenda è stata la doppia lettera di commiato del ragazzo e della moglie. Parole assolutamente non di circostanza, specialmente quelle della signora Benassi. Abituati a lettere composte ad arte da qualche ufficio stampa o a sciocche invettive di chi blaterava di approdi nel calcio che conta, le righe vergate dai Benassi sono intrise di semplicità e di un unico messaggio di fondo sintetizzabile in: “cavolo, è veramente dura lasciare il Toro e Torino”. Noi tifosi granata ci riempiamo spesso la bocca del concetto di “attaccamento alla maglia”, ma poi, non conoscendo i giocatori di persona, facciamo fatica a percepire chi ci tiene davvero e chi no. Questo è in parte dovuto al fatto che il nostro giudizio è formato al 90% dall’atteggiamento che hanno sul campo e solo in piccola parte su ciò che pensano o provano davvero come uomini che giocano per il Toro. Benassi rientra in quella categoria di calciatori poco appariscenti anche fuori dal campo il cui attaccamento è stato molto più genuino di quello di tanti suoi colleghi ben più quotati.

Non mi strappo le vesti per la partenza di Benassi, però con amarezza mi accorgo di aver sottovalutato il suo sincero sentire la maglia granata. Eppure se avessimo una rosa di brocchi ancorché acesissimi tifosi del Toro immagino che non faremmo molta strada! La soluzione dunque è provare a bilanciare qualità tecniche adatte a fare del Toro una grande squadra e atteggiamento positivo ed entusiasta verso il club che noi tifosi amiamo. È importante avere i Moretti, i Vives, i Bianchi e in futuro anche i Barreca o i Parigini, gli Edera e gli Aramu che arrivano dal vivaio e sono cresciuti a pane e Toro. Arriva però un momento dove anche quelli meno “romantici”, ma tecnicamente più forti, sono da integrare nel gruppo per alzare il livello qualitativo complessivo.

La differenza in realtà dovrebbe farla l’ambiente. Se compri giocatori di un certo livello e li cali in un ambiente fortemente connotato di valori e prinicipi in linea con la storia ed il blasone di una squadra come il Torino, è più facile che si scateni una reazione di appartenenza in tali giocatori che potranno, quindi, lentamente imparare ad apprezzare e a ben volere quello che per loro è molto prosaicamente nient’altro che un “ luogo di lavoro”. Nel Torino del passato questo avveniva e sia grandi campioni che giocatori più modesti si sono innamorati del Toro e dai suoi tifosi sono stati amati.

E allora? Non ho personalmente una ricetta da offrire in questo senso. Il caso Benassi mi ha fatto riflettere su quanto spesso diverga il nostro giudizio tecnico da quello umano: amare il Toro ed essergli tecnicamente utili non è così scontato. Il Filadelfia spero ci aiuterà ad aumentare parallelamente il livello tecnico di chi indossa la maglia granata e il sentimento di amore verso i nostri colori che dovrebbe sgorgare dal cuore che pulsa sotto quella maglia.


Da tempo opinionista di tvvarna, dò voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita

8 commenti

8 commenti

  1. JoeBaker - 1 mese fa

    Mentre i fratelli di fede ne approfittano per soffiare sul fuoco delle polemiche, credo che Costantino abbia sollevato una questione non banale: meglio una squadra cresciuta al Fila, rigurgitante sangue granata, ma di incerta qualità, o, invece, una squadra più forte, ma con più “mercenari”?
    Personalmente, sono per la prima, ma ammetto che la seconda idea ha un suo fascino. A me lo ha insegnato il Toro di Borsano, che di ragazzi del Fila ne aveva pochi, ma col Mondo fece grandi risultati, fino alla finale di Amsterdam, giocando un bel calcio, ma anche esprimendo un certo tremendismo.
    Anche Benassi non è uscito dal Fila, ma credo che avesse tutte le qualità morali, caratteriali e pedatorie per poter essere “come se”, fino meritare la fascia e dare dimostrazioni importanti come al momento dell’addio. A me è sempre piaciuto, nonostante certi momenti sottotono, sia per i suoi modi equilibrati sia come calciatore: poche parole, mai polemico, molte prestazioni oneste, qualcuna super, qualche bel gol. Non un fuoriclasse, certo, ma da quando l’anno scorso il cambio di modulo lo ha un po’ messo ai margini, il Toro si è inceppato. Non credo fosse un caso.
    La cessione di Benassi è stata estremamente spiacevole e io non ne sono ancora convinto, ma ammetto che se si vuole tentare la via del centrocampo a due, poteva servire un tipo diverso di giocatore e che quindi la cessione potesse essere giusta sia per il Toro che per Marco. Poi, senza voler servire un assist ai detrattori del nostro Mister, ammetto che non capisco perché questo sia considerato da tutti i critici un acquisto importante per la Fiore, visto che Pioli adotta lo stesso identico modulo…
    Proprio perché è una cessione controversa, la mia opinione è che vorrei che si potessero ancora privilegiare i valori personali, incluso e per primo l’attaccamento alla maglia, almeno per, diciamo, 5/11.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ilpalodiBeruatto - 1 mese fa

    Mi associo ai fratelli ringraziando il più bravo allenatore del mondo che ci invidiano anche da Saturno… Ora che abbiano battuto 7-1 il Trapani tutto ci temeranno. La squadra è molto più equilibrata ma il.mister e mediocre!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. noolit - 1 mese fa

    Al momento molto deluso dalla cessione di Benassi!!!
    Molto deluso dall’acquisto di Rincon(altro gobbo,giocatore normale che ruba il posto ai giovani emergenti del Toro..vedi Molinaro)
    Approposito di ciò, voglio vedere quante partite ora che si è ripreso dall’infortunio farà Barreca!!
    Speriamo rimanga il Gallo, speriamo il serbo abbia il coraggio di dare spazio ai nostri giovani ( Aramu, Parigini, Edera, Barreca…),
    Speriamo Petrachi riesca a comprare un centrocampista ed una punta di livello!!!
    Ricordatevi le prestazioni di basso livello lo scorso anno senza il Gallo(fuori per infortunio)…siamo riusciti anche a perdere a Bologna!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 mese fa

      I Viola gli hanno fatto un quinquennale, saranno degli idioti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 1 mese fa

      Molinaro ha 34 anni ed è un ex gobbo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granata63 - 1 mese fa

    Ringraziano il nostro grande allenatore che in un anno ha sfasciato ciò che ha costruito ventura in 5 anni. Beninteso, c’è lo siamo meritati tutti, perché abbiamo criticato anche lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 1 mese fa

    Grazie Miha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Sirrobert - 1 mese fa

      Grazie di che?……

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy