È stata tua la colpa e adesso che vuoi?

È stata tua la colpa e adesso che vuoi?

Prima che sia troppo Tardy / Gli errori ripetuti della squadra nella gestione delle partite hanno un unico responsabile o le colpe vanno equamente suddivise tra tutti?

di Enrico Tardy

Sinceramente lo sfogo del mister nel dopo gara mi è sembrato eccessivo, come altre sue uscite in conferenze stampa passate, pugno al cartellone condito dai riferimenti agli attributi mancanti (dunque non “allenabili”) in alcuni giocatori.

Penso che se è vero che la squadra ha dei limiti, li ho spesso evidenziati nei miei articoli, e la società delle responsabilità, penso sia giunto il momento anche per il tecnico di fare un bagno di umiltà e di espressioni oxfordiane.

Dico questo anche in ragione del suo passato, visto che come allenatore non ha collezionato titoli o coppe, anzi prima del suo approdo al Toro aveva vissuto poche stagioni indimenticabili; dunque questo scarico di responsabilità una volta verso la società un’altra verso i giocatori non mi pare, come “l’acqua” al sapore di limone, “brillante”.

Senza essere degli “aziendalisti” esasperati, forse qualche volta fare da schermo nei confronti della squadra può far bene a tutti.

Belotti, emblema solo saltuariamente imitato, di dedizione, amore per il lavoro e la fatica, potrebbe concludere ogni partita e dirne di ogni a tizio o caio, ma giustamente ed ovviamente preferisce essere un esempio sul campo e non con le parole.

Sia chiaro, non penso il Toro abbia dei risultati “poco europei” per colpa dell’allenatore (che ha anche i suoi meriti), ritengo però giusto che la critica non sia diretta  verso un’unica componente del team ma diventi un valore aggiunto se condivisa tra tutti.

Curioso che dopo i riferimenti agli attributi mancanti dei giocatori il Torino cerchi di acquistare un calciatore dal nome Castro…

9 Commenta qui
  1. claudio sala 68 - 1 anno fa

    Se leggiamo le statistiche, Miha sta facendo un buon lavoro, poi se ci sono almeno 6 squadre superiori come rosa, non è solo colpa sua. La rosa limitata non permette molte variazioni di schemi, oltretutto si è visto che i giocatori non sono in grado di gestire la palla quando siamo in vantaggio ma solo di abbassarsi , e quando Miha parla di attributi si riferisce a quello. Mi sembra un mister che si prenda le sue responsabilità poi che ci siano tecnici migliori è indiscutibile. Saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. VecchiaQuercia52 - 1 anno fa

    Cercare di cambiare modulo a partita in corso è cosa da provare ed esercitare quando la situazione lo richiede, per cui non è sbagliato passare dal 4-3-3 al 4-2-3-1.

    Sappiamo che abbiamo giocatori a centrocampo con poca qualità ed anche in difesa stiamo messi così-così. Quindi occorre supplire con cambiamenti in attacco ai limiti che si mostrano durante una partita. Baselli e Benassi sono buoni, Valdifiori se è in forma è buono, ma se non gira molto e se gli avversari hanno un centrocampo aggressivo, allora Baselli non basta più e Obi non regge mai una partita intera, oltre che essere solo generoso nella cra ma poco di qualità nelle giocate. Taciamo di Acquah che è forse anche peggio di Obi. L9o scorso anno rappresentavano una scommessa che possiamo dire che è stata persa: riserve senza capacità tecniche adeguate.

    Uno come Castro ci farebbe comodo, ma a quel prezzo si potrebbe forse prendere un Kucka dal Milan. Secondo me a gennaio non riusciremo a risolvere il problema, e rischiamo di prendere un altro Iturbe che sarà meglio non riscattare a Giugno, dato che non vale di sicuro 12 milioni. Vale la pena insistere su quelli che abbiamo prese la scorsa estate e Mihajlovic deve cercare di fare cambi più azzeccati. Carlao al posto di Bovo in difesa può andare, se Rossettini impara a non fare cazzate in area. Sono per il riscatto di Castan a giugno.

    Sinisa mi piace sanguigno com’è.

    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. miele - 1 anno fa

    Nei mesi scorsi ho commentato più volte criticamente la tendenza di Mihajlovich sia ad essere troppo spavaldo in certe ottimistiche previsioni, sia ad esternare troppo bruscamente in occasione di deludenti prestazioni. Purtroppo, ultimamente, ha accentuato questa sua abitudine e certe accuse dirette ed aperte nei confronti dei giocatori, anche se motivate, non contribuiscono certo a rasserenare il clima all’interno della squadra. Non dimentichiamo poi che alcuni dei giocatori che avrebbero dovuto essere un valore aggiunto ed invece si stanno rivelando una zavorra, li ha voluti lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. blubba - 1 anno fa

    Nn mi dilungo sul suo modo di fare e di esprimersi.Onestamente però mi deve spiegare perchè l’unico cambio che conosce è quello di giocare a due in mezzo per avere quattro attaccanti. Nn serve a nulla se nn a consegnare il reparto agli avversari,forse dovrebbe fare un bagno di umiltà e correggere il tiro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. luthor - 1 anno fa

    Ma come si voleva un’allenatore sanguineo tutto CuoreToro, ed ora diciamo che stà esagerando???
    se Ljajic metteva dentro quel rigore non stavamo quà a piangerci addosso ma a lodare questo e quello!!!
    quando Mondonico ad Amsterdam alzò la sedia al cielo,Ventura fece il gesto del tagliagole non ricordo di lamentele da parte delle verginelle del web?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. uggi69 - 1 anno fa

    Si anche io penso che il nostro caro mister stia esagerando. Ho trovato del tutto inappropriate le uscite di giudizio pubbliche fatte , per esempio a baselli e a lijaich. Considerando la realta’ di oggi dove i media non aspettano altro per avere materiale su cui scrivere perche’ i giornalisti qualificati che sanno veramente parlare di calcio in modo onesto e competente ormai si contano sulle dita di una mano e quindi riescono solamente a scrivere su gossip o situazioni ritenute tali, il parlare prima con i giornalisti immediatamente dopo la partita invece di averlo fatto prima con i giocatori interessati, lo trovo un modo scorretto e non produttivo per cercare di aiutare il calciatore a spronarsi e tirare fuori gli attributi. Vale per me sempre e comunque la buona regola della nonna che diceva che i panni sporchi si lavano in casa…..Anche perche’ mi sembra che come stia facendo, Miha non sta ottenendo risultati…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Simone - 1 anno fa

    I meriti dei primi 45′ giocati alla grande sono sicuramente merito dell’allenatore come sono sue le colpe dei restanti 45 x non aver apportato modifiche ad una squadra in evidente difficoltà a centrocampo.
    Non solo, preso dalla foga, sul 2-2 decide di giocare con 2 soli centrocampisti.
    Follia pura!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ex calciatore - 1 anno fa

    Finalmente qualcuno che dice la verità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. digeppe - 1 anno fa

    Condivido perfettamente l’analisi di Enrico Tardy. Dall’inizio campionato sostengo che Miha è l’allenatore sbagliato per il Torino. La squadra si è disgregata alla fine di Novembre. L’allenatore continua a chiedere, forse non a torto, nuovi giocatori, ma uno dei compiti dell’allenatore è quello di valorizzare e motivare i calciatori a sua disposizione, il nostro mister non è capace di farlo!!! Spero che Cairo lo capisca presto e prenda provvedimenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy