Dal calcio a misura di tifoso, ai prezzi inaccessibili. E tutti parlano di fatturati…

Dal calcio a misura di tifoso, ai prezzi inaccessibili. E tutti parlano di fatturati…

Riceviamo e pubblichiamo una lunga riflessione di Anthony Weatherill: l’opinionista analizza l’evoluzione del rapporto tra società e tifosi.

8 commenti

PREZZI INACCESSIBILI

BRIGHTON, ENGLAND – OCTOBER 29: Two Brighton and Hove Albion fans look on prior to the Premier League match between Brighton and Hove Albion and Southampton at Amex Stadium on October 29, 2017 in Brighton, England. (Photo by Steve Bardens/Getty Images)

Qualche mese fa, su queste colonne, avevamo avuto l’onore e il piacere di ospitare una lunga lettera aperta indirizzata all’Uefa (leggi qui) di Anthony Wheatherill, nipote del celebre alleanatore del Manchester United Matt Busby. Weatherill – sulla falsa riga della lettera da noi pubblicata – continua la propria analisi sull’evoluzione del rapporto tra società e tifosi, raccontando – passo dopo passo – come in Inghilterra il calcio abbia abbandonato i meno abbienti, rendendo inaccessibile ai più un biglietto per assistere ad una partita di Premier.

Secondo recenti studi statistici, il reddito mensile di un volenteroso appartenente alla working class inglese (recentemente  ribattezzata tristemente  “working poor” , a causa dell’alto costo della vita di città come Londra, Brighton e Oxford) si aggirerebbe intorno alle 1200 euro. Questa notizia letta casualmente su un giornale economico, mi ha rifatto venire in mente alcuni scambi di opinioni avuti con alcuni tifosi del Manchester United, che si chiedevano come fosse possibile per un cameriere (stipendio medio annuo di 16.000 euro) o un cassiere di banca (stipendio medio annuo 17.000 euro) permettersi un biglietto dal costo minimo(e sottolineo minimo) di 100 euro per assistere ad una partita all’Old Trafford. La conclusione, un po’ rabbiosa un po’ malinconica, fu che un tipico stipendio medio inglese ormai lo United lo poteva vedere solo in televisione, rievocando con amici e parenti come era bello andare all’Old Trafford a vedere le gesta di George Best o Bobby Charlton. Allora, siccome un ricordo porta con sé un altro ricordo, ho tirato fuori da uno di quei cassetti dimenticati nel tempo, il testo integrale del “Rapporto Taylor”, commissionato nel 1990 dal governo presieduto da Margaret Thatcher. Era l’aprile del 1989, quando 96 persone perirono, schiacciati verso le recinzioni e le pareti dell’Hillsborugh Stadium di Sheffield, nel corso della semifinale dell’ FA Cup tra Liverpool e Nottingham Forest. Il dolore che attraversò l’ opinione pubblica inglese fu del tenore di quelli dei giorni più dolorosi che hanno attraversato la storia dell’Isola, un dolore che il primo ministro non poteva e non voleva ignorare. Margaret Thatcher, che non amava molto il mondo del calcio,  decise che la misura era colma e diede ordine di istituire una commissione inchiesta presieduta dal giudice Lord Peter Taylor di Gosforth.

I risultati dell’inchiesta, contenuti in quello che passerà alla storia come Rapporto Taylor, convinse il governo di Sua Maestà che il calcio inglese andava completamente ripensato. Da quel momento fu stabilito che gli stadi, che ricordiamo in Inghilterra essere di proprietà dei club, dovessero obbligatoriamente essere completamente ristrutturati e dotati di posti esclusivamente a sedere. Inoltre, per ragioni di sicurezza, tutti i settori degli impianti dovevano essere coperti da telecamere di sorveglianza. E’ stato bello, sia chiaro, che gli stadi inglesi abbiano assunto il tono e la fisicità di luoghi confortevoli e sicuri, ma tutto questo è stato l’inizio di una profonda divaricazione tra chi gestisce le società di calcio e i suoi tifosi. Tralascio in questa sede come i club si finanziarono per ammodernare i loro stadi (semmai sarà occasione di una qualche mia prossima riflessione sul mondo del calcio), perché vorrei concentrarmi su due punti del Rapporto Taylor che furono completamente disattesi.

8 commenti

8 commenti

  1. ALESSANDRO 69 - 3 settimane fa

    Il calcio è uno sport che viene dalla strada, i campioni che ne hanno segnato la storia sono cresciuti nelle periferie e nei quartieri popolari, spesso fra le botte e gli spintoni durante le infinite partite pomeridiane negli oratori o nei cortili polverosi. Escludere dal calcio le classi medio basse significa distruggere le fondamenta su cui sì è sempre poggiato questo bellissimo sport, significa togliere sangue e ossigeno fondamentali al proprio mantenimento e quindi avrà come conseguenza la morte totale di tutto il sistema. Conoscendo il cretinismo epidemico dilagante nel nostro pianeta penso che ci arriveremo presto….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giova85 - 3 settimane fa

    Tutto va in quella direzione, gli stadi sono tutti pietosamente mezzi vuoti, anche il gobbodromo si svuotera’ col passare del tempo… I biglietti costano cari e solo il senso di appartenenza ti dà la voglia di fare ”sacrifici” per la squadra del cuore.
    minore è il potere d’acquisto dei tifosi veri minore sarà l’affluenza negli impianti e gli abbonamenti alle Pay tv!
    questa enorme bolla del cazzo implodera’ e forse le cose torneranno ”normali”.
    a volte penso che per noi del TORO sia una ”fortuna” non avere uno stadio salotto di proprietà! se mai accadrà spero che non si prenda la piega dei gobbi di merda che spendono uno stipendio per 3 o 4 partite in curva…
    Forza TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sempregranata - 3 settimane fa

    Aggiungo solo un’altra cosa. Tutto questo porterà al graduale disinteresse delle giovani generazioni e distruggerà la corretta competizione agonistica. In Europa saranno 5/6 squadre a comandare e difenderanno sempre più i loro interessi e privilegi. Vedi come è andata a finire la storia del fair play con il PSG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Sempregranata - 3 settimane fa

    Interessante e profetico. Gli stadi saranno sempre più piccoli e accessibili a pochi, i biglietti e gli abbonamenti sempre più cari e i tifosi a pagare tv e Co. La diseguaglianza tra le squadre e i tifosi ricchi e le squadre e i tifosi meno abbienti crescerà sempre più. E’ contrario alla logica ed all’etica sportiva e sociale. Bravo l’opinionista!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dukow79 - 3 settimane fa

      In realtà manco più le pay tv si pagano. Con il proliferare del fenomeno delle ipv tv se non hai soldi da buttare col cavolo che regali a Berlusca 10 o peggio 15€ per comprarti una partita peraltro con telecronisti venduti e partigiani che hanno occhi solo per le strisciate…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rogerfederer - 3 settimane fa

    Ed io un ideina su chi sia stato il responsabile principale per l Italia di questo mercimonio negli ultimi trent’anni ce l’avrei…comincia per B….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rogerfederer - 3 settimane fa

    Perfetto e condividibile al 1000 x 100…. E aggiungiamoci anche cose tipo GLI ALLENAMENTI A PORTE CHIUSE al Fila ed il quadro è completo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Grande Torino - 3 settimane fa

    Hanno mercificato anche i sogni e le passioni in nome del Dio business. E le squadre di calcio sono diventate aziende collaterali per sviluppare interessi diversi da quelli originari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy