A Udine il Toro è pronto a stupire

A Udine il Toro è pronto a stupire

L’editoriale di Gino Strippoli / Mazzarri ritrova i Pozzo e ‘medita’ solo vittoria

di Gino Strippoli

A volte i matrimoni durano molto e a volte poco: quello di Walter Mazzarri con la famiglia Pozzo e con il Watford è durato pochissimo e probabilmente si è concluso con l’amaro in bocca per l’allenatore granata. Il tecnico granata si presenta a Udine con il suo Toro carico e voglioso di vincere e confermare ciò che si è visto dall’inizio di questo campionato, ovvero una squadra unita in ogni reparto, molto equilibrata e capace di affondare colpi pesanti in rete, ma soprattutto in grado nei momenti di difficoltà di saper reagire con forza (quello che ha dimostrato sia con la Roma che con l’Inter). Adesso il mister granata ha la sua squadra e la sta cercando di modellare al meglio per realizzare una stagione da protagonisti.

La partita contro l’Udinese arriva dopo la pausa per la  Nazionale e il Toro avrà ancora indisponibili Ola Aina – in ripresa e convocato – e Ansaldi, e per questo sulla fascia sinistra Mazzarri sarà dovrà probabilmente adattare ancora una volta Berenguer che proprio terzino non è, visto che ha nelle sue capacità tecniche quelle di affondare in avanti con buona velocità e dribbling piuttosto che difendere sugli avanti avversari, anche perché poco sorretto da prestanza fisica. Il ragazzo è un buon giocatore e Mazzarri sta cercando di completarlo come calciatore proprio sulla fase difensiva, un po’ come fece a Napoli con Maggio, che nacque esterno alto e divenne un ottimo cursore di fascia capace di offendere e difendere. Vedremo.

La squadra allenata da Velazquez ha gli stessi punti del Toro e la stessa differenza reti, 3 fatte e 3 subite: sicuramente come organico e come gioco il Toro è superiore, ma quella bianconera non è compagine da sottovalutare, anzi sono proprio queste le partite cui diffidare. Se la difesa granata, compreso Sirigu, sembra ben registrata ancora manca qualcosa a quello che potenzialmente può dare il centrocampo granata, visti gli elementi di qualità e quantità che ha in organico.

Non dispiacerebbe provare a vedere un Baselli nelle vesti di regista in mezzo al campo a dettare schemi di gioco con al suo fianco Meitè e Rincon. In attesa di vedere magari il trio d’attacco Falque-Belotti-Zaza, già a Udine Mazzarri potrebbe utilizzare Soriano al fianco dello spagnolo con il Gallo unica punta. Chiaro che l’ex Villareal dovrebbe sacrificarsi e in fase di non possesso mettersi in mediana aiutando Baselli e Meitè. Un modulo, quello dei due trequartisti e un’unica punta, che consentirebbe al Toro di mantenere gli equilibri a centrocampo ma anche di creare più occasioni da gol.

4 Commenta qui
  1. user-13940067 - 3 mesi fa

    Ola Aina e indisponibile ma viene convocato??? Allora è disponibile…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 3 mesi fa

    Purtroppo non credo che stupiremo ma l’Udinese sara’ arroccata e il gioco non sara’ dei migliori.

    In ogni caso piu’ che altro io vorrei vedere classe in mezzo, tenendo Rincon fuori e facendo giocare Meite Baselli e Soriano…

    Forse pero’ vedremo Lukic, cmq interessante vedere questa squadra senza Rincon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Kalokagathia - 3 mesi fa

    Mi piacerebbe tanto vedere le potenzialità della coppia falque-soriano come trequartisti. Per il buon Zaza il campionato ancora é lungo e Mazzarri sta rivelando un importante livello di personalità nel perseguire i suoi schemi senza farsi intimorire dalle pressioni della piazza golosa di vedere all’opera tutti i giocattoli nuovi: bene!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-14003131 - 3 mesi fa

      Concordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy