Sirigu: dall’interesse del Napoli alla voglia di portare in alto il Torino

Sirigu: dall’interesse del Napoli alla voglia di portare in alto il Torino

Focus / II portiere granata è stato al centro di insistenti voci di mercato che lo davano in direzione Napoli, avversario che il Toro dovrà affrontare domenica

di Roberto Bianco

Carisma da vendere, talento indiscusso, esperienza internazionale. Salvatore Sirigu ha ripreso la stagione 2018/19 da dove l’aveva lasciata, e cioè dagli altissimi livelli che lo hanno eletto pilastro della retroguardia granata e riportato in pianta stabile tra i convocati della Nazionale di Roberto Mancini. La splendida parata allo scadere di Inter-Torino su gran tiro di Ivan Perisic ne riassume i connotati ed evidenzia l’importanza che il giocatore ha in questo Toro in cerca di gloria e successi importanti.

Alzi la mano chi non vorrebbe un portiere del genere tra i pali della propria squadra. Un pensiero del genere lo ha fatto a suo tempo anche il Napoli, in cerca del degno sostituto di Pepe Reina. Con il senno di poi, visto il rendimento di chi è venuto dopo l’estremo difensore spagnolo – il tandem Ospina – Karnezis, aspettando Meret -, ai piedi del Vesuvio c’è chi si sta mangiando le mani.

Pallavicino: “Sirigu? Corsia preferenziale per una big”. Ma il Toro spinge per il rinnovo

Eppure sembrava potersi veramente concretizzare l’interessamento del club di De Laurentiis nei confronti del numero uno sardo con la fama del pararigori. A fine campionato scorso si fanno insistenti le voci di Sirigu al Napoli. Pure qualche dichiarazione di Carlo Pallavicino, uomo vicino al procuratore del portiere, Giovanni Branchini, agitano le acque in casa granata. “Ancelotti lo conosce bene – spiega – e ha capito che potrebbe essere il portiere più affidabile per il dopo Reina. E mi risulta che Sirigu potrebbe liberarsi in caso di chiamata di una grande squadra”. 

Potrebbe sembrare una storia già scritta. E invece il Torino alza il muro, la società propone all’ex Psg un rinnovo fino al 30 giugno 2022 e un ingaggio da  top player granata, di circa 1.7 milioni l’anno, il secondo più importante dopo il Gallo Belotti. Sirigu accetta, il Toro mette in buone mani la propria porta e per il Napoli e Ancelotti non resta che rivolgersi altrove.

Torino, Sirigu: “Ho rinnovato perchè c’è un progetto per il futuro”

Nell’epilogo della vicenda un ruolo fondamentale lo riveste la volontà del giocatore. “Qui c’è un progetto per il futuro”, spiega Sirigu dal ritiro di Bormio, di cui lui si sente pienamente protagonista. Come lo sarà, c’è da crederci, nella sfida casalinga di domenica contro l’armata di Carlo Ancelotti. Per il Toro le sue parate saranno ancora una volta determinanti, con buona pace di chi già lo vedeva giocare al fianco di Hamsik e compagni.

3 Commenta qui
  1. TOROHM - 4 settimane fa

    dai tempi di Marchegiani che mancava una garanzia così.
    Sirigu porterà minimo 6/7 punti alla squadra come se segnasse lui con le sue parate ed uscite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Granatissimo - 4 settimane fa

    Sirigu miglior portiere d’Italia e d’Europa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toro71 - 4 settimane fa

    Salvatore Sirigu grande professionista un esempio per tutti gli altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy