Serie A, si va verso l’abolizione della tessera del tifoso

Serie A, si va verso l’abolizione della tessera del tifoso

Serie A / Il Presidente del Coni Malagò: “Venerdì l’incontro con le autorità, ci saranno novità per il prossimo anno”

Si va verso la progressiva abolizione della tessera del tifoso. A comunicarlo è il presidente del Coni Giovanni Malagò che contempla la possibilità di vedere, già a partire dal prossimo campionato, alcuni cambiamenti progressivi ma radicali. Se così fosse, sorgerebbe la possibilità per i tifosi di acquistare i biglietti negli stadi anche per le trasferte e pochi minuti prima del fischio d’inizio. Ferma restando la possibilità di restrizione da parte dell’Osservatorio per le manifestazioni sportive per le partite ritenute a rischio.

A comunicarlo è il Viminale che, di comune accordo con il ministero dello Sport, la Figc e il Coni, annuncia novità entro venerdì; quando alla riunione a cui prenderanno parte anche il presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio, il numero uno del Coni, Giovanni Malagò, ci sarà l’incontro con le autorità e i ministri Luca Lotti e Marco Minniti. Ed è proprio il presidente del Coni a dare le indicazioni più precise a Gazzetta dello Sport: “Venerdì ci sarà un incontro promosso dai massimi vertici delle autorità – esordisce Malagò – dal capo della Polizia, e dal capo dell’Osservatorio Daniela Stradiotto, penso ci saranno delle novità per la prossima stagione. Saranno novità importanti e positive sulla base dei risultati di questa stagione migliorati rispetto al passato”.

L’obiettivo del Viminale è quello di all’abolire completamente la tessera del tifoso, tramite un processo graduale ma radicale. Sono attese novità, ma la sensazione è che il documento tanto discusso potrebbe terminare presto la sua esistenza.

0 commenti

Commenta per primo!

Recupera Password

accettazione privacy