Mazzarri – Nicola, occhi puntati sui rispettivi obiettivi

Mazzarri – Nicola, occhi puntati sui rispettivi obiettivi

Focus on / Tra Torino e Udinese punti importanti in palio. I due allenatori in allerta, vietato sbagliare.

di Roberto Bianco

Domenica Mazzarri e Nicola si incroceranno per la seconda volta da allenatori. L’unico precedente, datato novembre 2013, vide il toscano, allora alla guida dell’Inter, avere la meglio per 2 a 0 sul Livorno neopromosso in Serie A grazie alla mano del giovane mister piemontese. La sfida si rinnova: da una parte un allenatore che sta cercando di cucire la trama del Toro a sua immagine e somiglianza, dall’altra un ex giocatore che i colori granata li porta dentro e che finora, a parte il discutibile esonero a Bari, ha saputo fare bene ovunque è stato. I numeri giocano comunque a favore del Toro, imbattuto da sei partite con l’Udinese e capace di mantenere inviolata la propria porta in cinque delle ultime sette gare interne giocate con i friulani (statistiche e curiosità qui).

Torino-Udinese, perché si e perché no: incide il fattore casa, ma il forfait di Nkoulou…

OBIETTIVI – Originario del pinerolese, 46 anni a inizio marzo, Nicola sarà l’unico ex del match. Subentrato lo scorso novembre all’evanescente Velazquez con il compito di portare l’Udinese fuori dal pantano della zona retrocessione, in dieci partite ha raccolto due vittorie – con la Roma, all’esordio, e contro il Cagliari, sempre in casa – e quattro pareggi. Il gioco però latita, la terzultima piazza resta a soli due punti di distanza e Bologna ed Empoli incombono, situazione dura da digerire per una piazza in subbuglio che da 24 anni è realtà del massimo campionato. Dall’altra parte della barricata, Mazzarri guarda in alto, alla manciata di punti che manca al Toro – un paio lasciati proprio sul campo dell’Udinese all’andata, con gol regolare di Berenguer annullato dal VAR – per staccare un biglietto per l’Europa, sogno e frustrazione della tifoseria. Entrambi votati all’obiettivo finale, Mazzarri e Nicola sanno di poter centrare il risultato, a partire dal match di domenica.

TURIN, ITALY – APRIL 02: Andrea Belotti (R) of FC Torino in action against Emmanuel Badu (R) and Jakub Jankto of Udinese Calcio during the Serie A match between FC Torino and Udinese Calcio at Stadio Olimpico di Torino on April 2, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

VARIABILI – In campo entrambe le squadre con la linea a tre, Mazzarri non si discosterà dal suo credo nemmeno di fronte all’assenza dello squalificato Nkoulou. Nicola, dal canto suo, abituato al 4-4-2, deve adattarsi alla rosa a disposizione, a cui si aggiungono le assenze pesanti di Behrami e Barak. Spazio quindi alla difesa che nella scorsa giornata ha fermato la Fiorentina sul pareggio, con De Maio, Nuytink ed Ekong, Mandragora davanti alla difesa, Fofana e De Paul in mezzo. In avanti, per sopperire alla scarsa vena realizzativa (media di 0,8 gol a partita e peggior percentuale di tiri nella specchio della porta del campionato), spazio a Lasagna e Pussetto, con Okaka, neoacquisto che in carriera ha già fatto male al Toro, pronto a dire la sua. Problema con il gol patito dal Toro stesso, che si aggrappa una volta in più al suo capitano, solitamente scatenato con l’Udinese. Lo assisterà Iago Falque, mentre Zaza torna in panchina. A centrocampo, oltre all’imprescindibile Rincon, spazio a Meitè e Baselli, con quest’ultimo chiamato a portare qualità sulla trequarti, e Ansaldi pronto a soffiare il posto a De Silvestri sulla corsia. Facile immaginare un’Udinese attendista e pronta alle ripartenze veloci. Il Toro è chiamato a fare la partita, una partita attenta ed efficace.

7 Commenta qui
  1. [email protected] - 2 mesi fa

    intervista inutile e scontata il fenomeno parla come un libro stampato sempre le stesse cose l’udinese di turno è fortissima si deve salvare ha un tecnico preparatissimo non come il toro e via per superarli dovremo fare la partita della vita e se perdiamo la colpa è dell’arbitro del var del quarto uomo del guardalinee ecc ecc ecc ma basta stia almeno zitto dice sempre le stesse cose e basta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. INDOMITO - 2 mesi fa

    ISTRUZIONI SU COME METTERSI UN NICK SUL PROFILO:

    1)cliccare in alto a destra sull’ometto nero vicino alla lente di ricerca.
    2) Una volta cliccato scegliere “PROFILO”
    3) siete sulla pagina scritto “Benvenuto su GAZZANET”
    4) cliccate su “PROFILO” a destra di “le tue passioni”
    5) dove c’e’ scritto NIckname mettete quello che vi piace, compilate il resto e al fondo date “Salva e prosegui la navigazione”
    molto semplice
    Poi tornate su toronews.net

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14057417 - 2 mesi fa

    ma quali obiettivi diversi l’Udinese deve salvarsi noi come al solito perché è questo il nostro livello non dobbiamo farci sfuggire il decimo posto ci spetta di diritto. mazzarri stendiamo un velo pietoso. è insopportabile è impresentabile pure nelle interviste.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

    Ma la conferenza del nostro grande tecnico Uolter Testadighisa? Hanno messo il bavaglio a mister porte chiuse?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      Ok, ho scoperto su altro sito che alle 18 ci delizierà anche a sto giro con le sue meravigliose perle. Non vedo l’ora.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 2 mesi fa

    Il gol dell’andata non lo ha annullato la var, e Zaza non torna in panchina perché è squalificato.
    Complimenti a chi ha scritto l’articolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 2 mesi fa

      Veramente indecente!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy