Dall’Inghilterra: “Belotti prima scelta United per sostituire Ibrahimovic”

Dall’Inghilterra: “Belotti prima scelta United per sostituire Ibrahimovic”

La voce / Yahoo Sports delinea gli scenari dopo la futura partenza dell’asso svedese dall’Old Trafford

di Redazione tvvarna

Riparte il calciomercato e ripartono le voci di mercato con al centro Andrea Belotti, il centravanti e capitano del Torino. Dall’Inghilterra arriva , che sul proprio sito web delinea gli scenari successivi alla partenza di Zlatan Ibrahimovic dal Manchester United. L’asso svedese, riporta il portale inglese, è destinato a lasciare Old Trafford, a gennaio (ha richiesta da Stati Uniti e Cina) o tutt’al più a giugno, essendo in scadenza di contratto. Ecco, dunque, che il club starebbe già pensando alle strategie da adottare in seguito alla sua dipartita, partendo dalla considerazione per cui Mourinho ha già a disposizione Romelu Lukaku, acquistato la scorsa estate dall’Everton per una cifra di circa 85 milioni di Euro.

In cima alle preferenze del Manchester United ci sarebbe Andrea Belotti, l’attaccante del Torino, che rimarrebbe un obiettivo di alto livello nonostante le difficoltà che il Gallo sta vivendo in questa stagione, con soli quattro gol segnati in campionato. Solo dopo arrivano le altre opzioni: la seconda sarebbe quella di puntare su Martial o Rashford come centravanti; la terza, l’acquisto di un giovane di prospettiva che possa crescere alle spalle di Lukaku. La scelta della soluzione, secondo Yahoo Sports, dipenderà dai fondi stanziati dal CdA del club e dalle risorse che verranno spese per gli acquisti in altre zone del campo. Come noto, Belotti è legato al Torino da un contratto sino al 2021, con clausola rescissoria di 100 milioni valida solo per i club non italiani.

18 Commenta qui
  1. LoviR - 8 mesi fa

    Il Belotti è potenzialmente come Pulici e Pulici Voi lo vendereste ?
    Nemmeno a 100 milioni è da vendere!
    Casomai occorre prendergli un gemello adeguato indovinando bene l’acquisto senza spendere un’esagerazione come fece Pianelli con Graziani e qualche buon centrocampista che gli faccia degli assist!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 8 mesi fa

      PULICI dal TORO è andato via a fine carriera ed a malincuore, per LUI non è mai stata una questione economica, LUI alla maglia ci teneva eccome.
      oggi se non li cedi a fronte di certe offerte sia di cartellino che d’ingaggio te li ritrovi scazzati in squadra.
      purtroppo sono cambiati non solo i tempi ma anche gli interpreti: ai vecchi tempi prima c’era l’uomo e poi il calciatore, oggi và già di lusso se trovi almeno il calciatore. altri tempi…altra tempra…. :-(

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 8 mesi fa

        Giusto. Se vuole andare via che vada, preferibilmente a giugno e naturalmente per 100 mln. Se cairo ne investe anche solo la metà è grasso che cola. D altronde se i giocatori sono professionisti e vanno Dove li pagano meglio, noi tifosi dobbiamo evitare di legarci a loro. Il Toro prima di tutto, i calciatori vanno e vengono

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 8 mesi fa

    Mi da di bufaletta. Ma a 100 MLN, se investiti, lo venderei senza dannarmi l’anima che ho già perso tredici anni fa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Torodasempre - 8 mesi fa

    Beh, notizie buttateli, tanto per suscitare un po’ di casino.Se non si e’ fatto avanti nesduno coi 100 mil in estate, dopo una bellastagione, dubito succeda adesso.In oltre, almeno adesso abbiamo la consapevolezza di poter fare risultati anche senza Andrea in campo, mi pare. Dovesse essere venduto il cartellino, basterebbe riinvestire almeno un po’ dei proventi per uno o due buoni giocatori in grado di rafforzare la squadra.Tutto qui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. abatta68 - 8 mesi fa

    Certo… e come no! 100milioni non li ha tirati fuori nessuno quando Belotti faceva 26 goal in un campionato, al meglio della condizione fisica, titolare in nazionale in corsa per giocarsi i mondiali e li tirano fuori adesso, con 4 goal in croce e un ginocchio reduce da due infortuni importanti? Belotti rientra in una lista dei 20-30 attaccanti attualmente più forti, non è “l’attaccante più forte al mondo”! a sentire certe notizie sembra che ci sia solo lui, quando non è cosi nemmeno per il Toro, figuriamoci per i top club europei…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Kaimano - 8 mesi fa

    A 100 si deve vendere punto e basta. Nessun giocatore al mondo, tranne Messi e Ronaldo, vale quella cifra. Il prezzo del Gallo è pompato e lo sappiamo tutti. Se avessimo intascato anche solo la metà di 100 milioni, a quest’ora avremmo un attacco formato da Zapata e il Cholito, mentre adesso ci troviamo con Falque capocannoniere e il Gallo con la metà dei suoi gol. Ovviamente non sarebbe semplice sostituirlo visto la pochezza che c’è in giro ma 100 milioni sono tanta roba.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Graffio - 8 mesi fa

    Ma ragazzi xò non capisco, è normale oggi che uno come il gallo va a giocare in un top club dai ,poi sempre a parlare di Cairo qua, Cairo di la , Cairo non compra ma basta il calcio è cambiato se non ve ne siete accorti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Spygor - 8 mesi fa

    Il problema non è il “Gallo”che partià,il punto è quando andrà in un altro club che pagherà una bella cifra a Cairo,quali saranno gli investimenti per sostiutuirlo?Siamo sempre alle solite,i club che vendono un giocatore forte e che hanno fatto un’affare,vedi Zamparini con Belotti,dopo non hanno fatto nulla…non hanno investito in altri giocatori…Credo che Cairo possa guadagnare a sufficienza,ma deve costruire una squadra all’altezza con i proventi,altrimenti facciamo come le squadre che per campare,vendono i loro gioielli per mantenersi…Ma così non raggiungeremo mai dei traguardi…Possiamo dare la lettura che vogliamo,ma il risultato non cambia…se non si investe,non si possono avere dei giocatori all’altezza e quindi ci possiamo solo accontentare di arrivare 7/8/9 in campionato,nulla di più….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. torojl - 8 mesi fa

    Non è Cairo il problema. Il problema è il calcio moderno.
    Cairo vuole fatturare, è giusto anche così, ma non minaccia i giocatori ad andarsene.
    Dobbiamo capire che i Totti, non esistono più. Esistono ragazzi di 24 che hanno già tutto, e che vogliono ancora di più.
    Vogliono andare in un “big club” (per loro…) a giocarsi la Champions.
    Peccato che poi faranno tantissima panchina, e se torneranno con la coda nelle gambe in Italia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luke90 - 8 mesi fa

      I Totti “che sanno come farsi pagare” perché sanno che corde toccare.
      Più che i Totti penserei ai DiNatale…. quello si…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. magnetic00 - 8 mesi fa

        d’accordissimo con Luke90

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. janlucas197_866 - 8 mesi fa

    a 100 dipende solo dal Gallo, Cairo non può dire nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Aiax76 - 8 mesi fa

    Se arrivano con 100 dipende dal Gallo. Cairo è obbligato a vendere. Se no quale sarebbe il senso della clausola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Pimpa - 8 mesi fa

    Si,comunque se domani arriverà il Manchester con 100 milioni di euro,valutazione del tutto congrua rispetto alle valutazioni correnti,voglio vedere se Cairo non lo cedera’,menchemeno se lui rifiuterà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. prawn - 8 mesi fa

    Bene, tanto abbiamo super-Niang no? :-)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. starman - 8 mesi fa

    Ecco che ricominciano a pompare le valutazioni dei giocatori: basta citare alcune “fantomatiche” voci (magari inventate di sana pianta) e poi si inizia a far rimbalzare la cosa su internet, senza che nessuno verifichi la veridicità delle notizie. Cairo sa come “creare” l’affare, non per nulla controlla buona parte del mondo editoriale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. enrygranata - 8 mesi fa

      hai ragione condivido !!!!!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy