Calciomercato Torino, tante richieste per Boyè, si decide il futuro

Calciomercato Torino, tante richieste per Boyè, si decide il futuro

In uscita / L’argentino dovrebbe accasarsi in prestito: in pole il Celta Vigo, ma ci sono anche Bologna, Benevento e Verona

di Redazione tvvarna

Lucas Boyè verso l’uscita in prestito dal Torino: la sovrabbondanza nel ruolo di esterni e la prima parte di stagione non eccellente del giovane argentino induce il Toro a valutare tutte le offerte che sono pervenute per il giocatore. Che non sono poche, segno che sono in tanti a ritenere “El Toro” un giocatore di qualità. In ordine cronologico, la società che ha sempre richiesto Boyè è il Verona del diesse Fusco, noto estimatore del ragazzo. In un’ intervista a Sportitalia, ha confermato di seguire il giocatore, nonostante in attacco gli scaligeri abbiano già concluso le operazioni Petkovic e Matos. “A noi piace, gli daremmo un minutaggio sicuramente maggiore del Torino: decideranno i granata cosa fare con il loro giocatore”.

Al momento però è il Celta Vigo ad essere in pole position nel gradimento del ragazzo, che vedrebbe di buon occhio un trasferimento nel calcio spagnolo. Il Torino è disposto a ragionare sulla base di una formula che permetta di mantenere il controllo sul giocatore: prestito secco, o con riscatto e controriscatto. Gli spagnoli appaiono in vantaggio nelle trattative, ma ci sono altre proposte sul tavolo dei granata: quella del Bologna e quella del Benevento, per esempio. L’argentino classe 1996 è attualmente in vacanza a casa sua in Argentina, ma attende novità sul futuro, mentre il suo entourage e il club granata restano a stretto contatto.

11 Commenta qui
  1. user-13720890 - 11 mesi fa

    Boye è un giocatore da serie B, non oltre. La sua specialità è tentare dribbling alla rinfusa, senza avere chiara l’idea di quello che sta facendo. Se lo vuole il Verona, chiediamo in cambio Bessa o Donsah in modo da sistemare il centrocampo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. brusbi - 11 mesi fa

      Nelle pochissime apparizioni di quest’anno può certamente dirsi che il ragazzo, nella foga di farsi notare, abbia ecceduto nel cercare lo spunto personale (a chi è nato stanco come Niang non può certo accadere).
      Tuttavia chi sa guardare (come i tanti che lo cercano) nota che il tocco di palla (anche di suola) rivela maestria (insolita in serie B) e che la potenza fisica è notevole, specie perchè unita ad una certa grazia nei movimenti.
      Il giocatore è pure attento ai movimenti di squadra come si nota nel 3^ gol di Falque contro il Bologna, dove il ragazzo è lestissimo nel passare di prima il non facile assist a Falque.
      Ci sono ancora altre cose da vedere, come il tiro da fuori e il colpo di testa per dare un giudizio completo.
      Quando vedrò che di testa la prende come Niang e che tira da fuori come Lijaic, non esiterò anch’io a giudicarlo uno di serie B.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dennislaw - 11 mesi fa

    sarebbe meglio dare in prestito Boyè, piuttosto che Edera, per farlo giocare con continuità, almeno si vedrà che cosa vale realmente. Ma si sa, il calio mercato ha le sue regole e bisogna vedere se qualcuno lo vuole veramente e a quali condizioni. Comunque ripeto quanto già scritto in un altro post: meglio non fare niente che fare danni , anche in entrata ( danni economici), poi a giugno si ragiona, può partire anche il Gallo se ci danno 70 milioni, bisogna vedere la strategia complessiva che non sia soltanto fare valeze. Ricordiamoci della Juvetus , di Zidane e di Pogba.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 11 mesi fa

      il gallo ad 80 milioni lo porto anche io a destinazione. è un buon giocatore, non è un fenomeno. l’importante è prenderne uno che non sia una scommessa al suo posto. e qui la vedo un pò difficile…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gud_74 - 11 mesi fa

    Lucas ha sicuramente bisogno di giocare e ritrovare fiducia, io non credo che sia un “pacco”. Però deve trovare continuità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. brusbi - 11 mesi fa

      I “pacchi” si chiamano Niang e Lijaic che infatti, diversamente da Boyè, nessuno ci chiede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maraton - 11 mesi fa

        beh…chiamare pacco uno come Lijaic è indubbiamente da coraggiosi, nonchè da totali sprovveduti nella scienza pallonara 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Luke90 - 11 mesi fa

    “La prima parte di stagione non eccellente del giovane argentino” … ma di quanti potremmo non dire la stessa cosa .. e in proporzione all’utilizzo poi, in un contesto nel quale tutti hanno reso, chi più meno, molto meno delle attese.
    Personalmente penso che il vecchio allenatore non abbia saputo trarre il meglio dai suoi uomini.. e ci sarà un motivo se tante squadre stanno dietro a Lucas .. tutti stupidi …ovviamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Grande Torino - 11 mesi fa

    Bologna, soprattutto se va via Verdi, mi sembra la soluzione migliore per il ragazzo ed il Toro. Potremmo anche richiedere un’opzione su Donsah da esercitare eventualmente in futuro..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maraton - 11 mesi fa

      sono d’accordo. assolutamente da dare solo in prestito secco, al massimo con un piccolo premio in base al minutaggio. inoltre inutile darlo in prestito in spagna in un campionato molto meno tattico del nostro. deve far vedere quello che vale qui in italia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pimpa - 11 mesi fa

    Mah,è un bel casino con un pisquano del genere.
    Al momento,non saprei davvero cosa fare,voglio dire che qualsiasi soluzione potrebb’essere quella giusta:venderlo,prestarlo,vederlo.
    A me quello che deciderà Mazzarri andrà bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy