Calciomercato Torino, il punto: da Donsah al mercato giovanile

Calciomercato Torino, il punto: da Donsah al mercato giovanile

Il resoconto / Saranno giorni decisivi per il destino del mediano ghanese. Nessuna novità per Rossettini e Acquah, dal Bassano arriva il giovane Kone

5 commenti

DONSAH

BOLOGNA, ITALY – MAY 14: Godfred Donsah # 17 of Bologna FC in action during the Serie A match between Bologna FC and Pescara Calcio at Stadio Renato Dall’Ara on May 14, 2017 in Bologna, Italy. (Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Torna anche oggi il consueto resoconto di mercato del Torino. Saranno giorni decisivi, i primi della prossima settimana, per il futuro di Godfred Donsah. Il ghanese classe 1996 non è stato convocato per la partita odierna di Coppa Italia del Bologna, contro il Cittadella: non essendoci problemi fisici di sorta, si tratta di un chiaro segnale di mercato. Il Torino è sempre vigile sulla situazione del giocatore: previsti nuovi incontri tra lunedì e martedì (qui i dettagli).

5 commenti

5 commenti

  1. JoeBaker - 1 mese fa

    L’obiettivo dovrebbe essere 2 giocatori in ogni ruolo per il 4-2-3-1 (che a me non convince, ma tant’è), ma magari anche adatti anche a giocare con l’attacco a due, quando servisse o si volesse variare.
    Mi pare che quasi ci siamo, pure con qualche miglioramento: allora non capisco perché cedere un giocatore buono a centrocampo (anche se a me non fa impazzire) e uno decente in difesa (ma integrato nel gruppo), per prenderne uno molto simile, più giovane ma da “mettere a posto”, e addirittura non avere alternative sul centrale, se non scommessone alla Paletta o Tonelli (e continuerebbe a mancare un mancino).
    Credo che ora bisognerebbe concentrarsi sulla punta che manca e piazzare prestiti ed esuberi, bene ma senza rinforzare concorrenti all’EL; il campionato è alle porte e sarebbe bello avere una fisionomia ben delineata per partire forte come l’anno scorso e poi tenere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. torotranquillo - 1 mese fa

    Raramente si è vista una squadra costituita sui desideri dell’allenatore. Con i limiti del braccio corto del presidente, si è prima deciso un modulo (per Liajc) e poi si sono scartati i giocatori non adatti e presi e tenuti quelli adatti. Ma ora mi chiedo se si fa male Liajc o Belotti? Urgono altre 2 punte se no ci precludiamo il fatto di giocare con due punte ricordando che ci sono gli infortuni. E urge un fantasista. Ora con tutti i soldi di Peres, Maksimovic ecc è cos’ difficile arrivare a Sadiq e ad esempio Nestorovski? Non dico Falcinelli e Zapata, ma dico giocatori minori ma affidabili. E come fantasista non ho idee ma scordiamoci che Liajc non venga squalificato o si faccia male o faccia qualche partita da indolente. I soldi ci sono spendiamone un po’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 1 mese fa

      Approposito di Palermo c è 1 centrocampista che non conoscevo anche se non sono 1 gran conoscitore di giocatori. Tale Gnaorè. Veramente forte, è 1 bestia ma Buona tecnica. Mi sento petrachi, non dovrebbe costare molto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granat....iere di Sardegna - 1 mese fa

    Sembrerebbe che ieri al Grande Torino Mirabelli abbia dichiarato a non so bene chi che Belotti non ce lo compra…A parte l arroganza, che peraltro pervade molti tifosi rossoneri di questi tempi, come se a decidere fosse solo lui, va benissimo così. E speriamo già che ci siamo di rompergli anche il culo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. JoeBaker - 1 mese fa

      Tranquillo, che non c’è neanche bisogno di rompre nulla: niente di più facile che tra due anni abbiano le pezze a coprirselo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy