Calciomercato Torino, Aramu rifiuta la Serie C: si cerca una squadra estera

Calciomercato Torino, Aramu rifiuta la Serie C: si cerca una squadra estera

Calciomercato / Il classe 1995 ha rifiutato le proposte provenienti dalla Serie C, ma difficilmente resterà in granata fino a gennaio

di Nicolò Muggianu

AAA Cercasi squadra per Mattia Aramu. Ancora in granata dopo la chiusura del mercato di Serie A e Serie B, il classe 1995 rimane in cima alla lista dei partenti. Come riportato su queste colonne, nelle scorse settimane si era palesato nei suoi confronti l’interesse concreto da parte di diverse squadre di Serie C: Renate, Piacenza e Cavese su tutti. Dopo i prestiti in Serie B a Trapani, Livorno, Pro Vercelli ed Entella però, il prodotto del settore giovanile del Torino avrebbe manifestato la volontà di non scendere ulteriormente di categoria rifiutando, di conseguenza, tutte le proposte provenienti dalla Serie C.

Calciomercato Torino, Aramu verso la Serie C: ci sono Renate, Piacenza e Cavese

PISTA ESTERA – Ora il Torino dovrà dunque guardarsi intorno, alla ricerca di opportunità all’estero. Al momento si guarda in particolare tra Svizzera, Spagna e Cipro, dove nel corso del calciomercato Aramu aveva ricevuto qualche sondaggio e apprezzamento. Una cosa ad oggi sembra pressoché certa: difficilmente il classe 1995 resterà in granata fino a gennaio, nonostante per ora abbia rifiutato tutte le proposte provenienti dalla Serie C. Meno di 48 ore per trovare una destinazione gradita, poi il Torino potrebbe ritrovarsi a dover gestire un esubero di troppo.

SCADENZA – Il contratto che lega il giocatore alla società di Via dell’Arcivescovado intanto scadrà al termine della stagione corrente (30 giugno 2019) e, di conseguenza, i granata a prescindere dal destino del ragazzo dovranno valutare attentamente la formula di un eventuale trasferimento. La situazione è in continua evoluzione ma, secondo quanto emerso nelle ultime ore, per Aramu potrebbe aprirsi una pista estera nelle ultime ore di mercato.

9 Commenta qui
  1. peter1 - 3 mesi fa

    Per Aramu giocare all’estero può essere una svolta nella sua carriera per poi magari tornare più forte e maturo al Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Turin2.0 - 3 mesi fa

    Aramu fa bene a rifiutare la C che significherebbe un passo indietro fine carriera. Speriamo faccia molto bene e possa tornare a vestirsi di granata e come lui anche Fiordaliso Coppola e Buongiorno: se non riusciamo a trasmettere che essere del Toro è altro rispetto a quanto fatto fino ad oggi dalla società che essere del Toro significa preferire un ragazzo del Fila i Balon boys ad uno scarto gobbo che ciò che fanno a Bilbao noi lo facevamo prima e deve essere quello il nostro futuro: l’unico modo x riprenderci la nostra storia è volgere uno sguardo al passato e ricordarci di nuovo chi siamo stati noi dobbiamo tornare ad essere quelli che i ragazzi che sudano la maglia se li crescono in casa basta mercenari che non hanno idea di quale maglia indossano!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13911127 - 3 mesi fa

    Parigini è stato usato, e ha reso bene, come esterno o terzino sinistro da Mazzarri. Considerando che con l’infortunio di Ansaldi rimangono solo Desi, Aina e Berenguer, ci sarà d’aiuto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14003131 - 3 mesi fa

    Auguri Mattia, persona seria, di te ne parlava bene Longo. Non è andata bene, ma certe volte le carriere prendono svolte strane, impredicibili. Meglio l’estero sicuramente alla C.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. iard68 - 3 mesi fa

    Basta prestiti, non è esploso, probabilmente non lo farà mai. Da cedere a titolo definitivo, in ogni caso, con tanti auguri per la carriera e soprattutto per la vita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    Nell’organigramma della squadra Aramu e Parigini sono conteggiati come centrocampisti, così come anche Berenguer.
    In attacco risultano attualmente 7 giocatori, Belotti, Zaza, Falque, Ljajic, Edera, Damascan e Niang, che è in partenza per Rennes.
    Quattro titolari, Belotti Zaza Falque Ljajic; una riserva, Edera; un jolly per la Primavera e per la prima squadra, Damascan.
    Non dimentichiamo che Ljajic può anche essere conteggiato nel centrocampo.
    I numeri quadrano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. da sempre Toro - 3 mesi fa

    Per Parigini il discorso é diverso. Il ragazzo ha la possibilità di scalare la sua posizione in società come candidato al ruolo di esterno sinistro, specialnente ora che Ansaldi si é infortunato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. prawn - 3 mesi fa

    Potrebbe finire con la risoluzione consensuale del contratto…

    Cmq vi dimenticate che pure Parigini è ancora col gruppo.

    Sono sette gli attaccanti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione2 - 3 mesi fa

      E mi pare opzione probabile, se rifiuta l’estero a giugno va dove vuole e gratis

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy