Calciomercato: il Torino studia l’ultimo rilancio per Niang

Calciomercato: il Torino studia l’ultimo rilancio per Niang

In entrata / Il Milan non vuole scendere più in basso di quanto aveva offerto lo Spartak. Difficile arrivare a 18 milioni, ma un aumento della proposta è possibile

18 commenti

Il Torino studia un difficile rilancio per Mbaye Niang. La situazione sull’attaccante esterno rossonero è nota: il Milan era d’accordo con lo Spartak Mosca per una cifra intorno ai 18 milioni, il ragazzo – come confermato anche dall’agente Mino Raiola – ha rifiutato, riluttante all’idea di giocare in Russia. Desidera restare in Italia e, preso atto di non rientrare più nei piani del Milan, lo alletterebbe raggiungere Sinisa Mihajlovic a Torino. Con il tecnico granata, il francese classe 1994 ha vissuto i momenti migliori della carriera a Milano.

Il Milan non vuole cedere: se è arrivata un’offerta da 18 milioni, ragionano Fassone e Mirabelli, non ci sono motivi per accettarne una inferiore. E il Torino farebbe già uno sforzo non da poco a toccare i 12 milioni proposti nel corso dell’estate. L’affare resta in salita, eccome, se ricordiamo che il più costoso acquisto dell’era Cairo è stato Adem Ljajic, arrivato dalla Roma per circa 9 milioni. Su queste colonne lo ricordiamo da giorni. Un rilancio di Urbano Cairo, però, non è da escludere. Niang piace a tutti i livelli, nel Torino, e il saldo delle operazioni di mercato concluse nell’ultimo anno è ancora ampiamente in attivo. Il club granata sta studiando la fattibilità dell’operazione. Difficile arrivare a 18 milioni, anzi improbabile: ma il Toro studia un’ulteriore offerta da proporre al Milan. Che aspetta a braccia aperte un’occasione per cedere il giocatore, senza però svalutarlo oltre il dovuto. Come si uscirà da questo braccio di ferro? All’ultima settimana di mercato, l’ardua sentenza

18 commenti

18 commenti

  1. abatta68 - 3 mesi fa

    Noi non abbiamo un giocatore tecnico e veloce come Njang, non abbiamo quel livello di qualità dai tempi di Lentini… Al toro serve quello che al Milan in questo momento non serve più… Se la chiudono a 15 milioni ė un bel colpo di mercato… Ma sarà dura farglieli scucire a Cairo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pimpa - 3 mesi fa

    Vorrei essere d’accordo con robert ma non posso.
    Il motivo è questo:come tutti i tirchi,quando spende,spende male.
    Come insegna il caso Ljaic,che viene sbandierato come indicativo di cordoni di borsa laschi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 mesi fa

      Ah beh certo… Darmian 3 milioni rivenduto a 20… Gli 3 rivenduto a 11… Cerci 7 rivenduto a 16… Immobile 4 venduto a 12… Peres 3 venduto a 14…. Belotti 8 e rivendibile a non meno di 100… Sarà tirchio… Ma credo sia il presidente che compra meglio di tutti!!! Non credo che gli serva Pimpa per fare la imprenditore, questo ė poco ma sicuro! Piuttosto che sfrutti al meglio il profitto che ha generato con la sua abilità di imprenditore, questo chiede il tifoso….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gianluca.fabri_643 - 3 mesi fa

    Se una squadra vuole andare in europa deve fare il salto di qualità spendendo cifre anche alte ( ma oculate !) per ottimi giocatori che ti fanno fare il salto di qualità , ma se continui a comprare giocatori da 4 soldi , puoi salvarti ma i sogni di gloria lasciamoli agli altri..o pensiamo che Valdifiori sia come Pirlo ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. robert - 3 mesi fa

    Ma pensate davvero che Cairo spenda 18 ml g?Tirchio come è toglietevelo pure dalla testa e accontentatevi di quel negretto che non ricordo il suo nome .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. iugen - 3 mesi fa

    Spendere tutti quei soldi per Niang è da TSO!
    Soprattutto se non è una cifra che solitamente spendi, ma un grosso sacrificio. A quelle cifre c’è gente migliore e molto più affidabile! L’unico al mondo che lo vuole è Miha, un motivo ci sarà.
    Convincere Cairo a spendere così tanti soldi e buttarli poi per Niang sarebbe un grosso spreco.
    In realtà cmq non credo li spenderà, a meno che non parta Belotti; ma il punto non cambia: no a tutti quei soldi per Niang!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Marco Toro - 3 mesi fa

    Rony Lopes lo lascerei li dov’è, non tanto per le qualità del ragazzo che sono indiscutibilmente di alto profilo quanto per “non svegliare il can che dorme” non vorrei rischiare brutte sorprese con il Monaco! Piuttosto penso che il meglio Niang lo ha mostrato con Mihailovic (che a me come tecnico non piace molto) che a quel punto con sulla trequarti Niang, Ljiaic, Falque e in attacco Belotti non avrebbe più scuse.. Mihailovic al Milan aveva una difesa inferiore alla nostra (portiere a parte) un centrocampo simile al nostro è un attacco molto inferiore al nostro è cmq arrivò vicino al Europa League.. Quindi se gli prendessero Niang non vedo perché non dovrebbe centrare l’Europa con noi.. Se non ci riuscirà non avrà più scuse e andrà esonerato. In ogni caso vince il Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pimpa - 3 mesi fa

    A parte il fatto che Niang più lontano sta da noi e meglio è,dico:come si può anche solo pensare di andare in Europa se si vuole pagare per un giocatore al massimo dieci milioni e se quando decidi di farlo compri Ljaic?
    Dieci milioni,capite,quanto la Viola ci ha pagato quel brodo di Benassi? E infatti tutto torna nel nostro caso,purtroppo.
    Questi vogliono andare in Europa con Niang e la tigre serba..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. C'eraunavoltailToro - 3 mesi fa

      Qualcuno sa qual’e il mestiere di un amministratore delegato? Passa la giornata a tenere bassi i costi ( stipendi) e a generare profitto (valenze). Se si va in Europa in maniera stabile i costi si alzano vertiginosamente ( stipendi) e non si comprano più i giocatori a 3 ml per poi venderli a 20ml. Iniziamo anche noi a prendere i Gabigol… CAIRO è un ottimo amministratore nessuno glielo può negare ma per noi tifosi il problema è proprio lì. Guarda caso in Europa ci siamo finiti per caso quando il Parma è fallito dopo averle provate tutte per non andarci (il rigore di cerci tirato in bocca al portiere all ultimo minuto). E adesso mi raccomando sotto con i non mi piace…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. LeoJunior - 3 mesi fa

        io mi chiedo: possiamo andare in EL con 9.000 abbonati? e non mi si dica che è per la campagna acquisti …. solito giochino dell’uovo e della gallina. Un tifoso si abbona a prescindere e 9.000 per il toro sono una miseria. Ricordiamo anche i “pienoni” fatti nelle gare di EL….. le cose uno deve anche meritarsele. Genoa e Samp che hanno molte meno possibilità di andarci e escono da una campagna acquisti da incubo, sono ben sopra. e allora?! sempre colpa di Cairo? Chi non ha peccato scagli la prima pietra

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Marco Toro - 3 mesi fa

          Il problema è che il bacino d’utenza del Torino è destinato a diminuire sempre di più! Bisogna vincere! Le vittorie portano i tifosi e i tifosi fanno alzare il fatturato! Non può essere il contrario! Non parlo di noi psicopatici innamorati ma dei ragazzini Piemontesi che (eccezioni a parte) tiferanno sempre più le merde e sempre meno il Torino! Il paragone con Genoa o Sampdoria non regge perché entrambe condividono la città con una squadra più o meno allo stesso livello rendendo la scelta più ecqua.. Lo stesso vale per Roma Lazio, Milan-Inter…
          Noi condividiamo la città con la squadra che aimè vince più di tutti e quindi l’unico modo per portare dalla nostra i giovani appassionati è vincere qualcosa, non dico quanto le merde è impossibile (anche perché non accetterei mai di vincere come fanno loro) ma per almeno vincere una coppetta ogni tanto. Io ringrazio Cairo per averci riportato nella parte sinistra della classifica e per la gestione oculata di questi anni ma ora è arrivato il momento del salto, il momento di rischiare oppure tifosi e di conseguenza fatturato saranno destinati a scendere di pari passo. Questa è l’unica realtà dei fatti, le vittorie portano tifosi e i tifosi portano soldi che di conseguenza alzano il fatturato. Non può essere il contrario! Prima devono arrivare le vittorie.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mik - 3 mesi fa

            Totalmente d’accordo! Un vero tifoso deve abbonarsi a prescindere ma dove sta scritto?! Potrei citarne a pacchi di annate passate dove i tifosi allo stadio erano ben più degli investimenti fatti e dello spettacolo proposto. Quindi non ml stancherò mai di dire che siamo a credito da anni, e che credito! Adesso é ora di ricevere ma non mi sembra che stiamo ricevendo chissà quanto. I pienoni allo stadio con il toro di Cairo in Europa lo abbiamo fatti, anche in campionato. Non mi pare che dopo quella stagione le cose siano andate meglio. Da un settimo posto a un nono e poi a un dodicesimo. Io non so se qui si pensa che viviamo sulla luna e siamo tutti marziani. Allo stadio la gente va a vedere quel rettangolo verde e i 22 che ci corrono dentro dietro a una palla. Quello attira, quello fa tutto. Nessun scudetto del bilancio. Solo dannatamente quello. Ne più ne meno!

            Mi piace Non mi piace
  8. LeoJunior - 3 mesi fa

    e se l’offerta dello Spartak con relativo teatrino a contorno fosse solo un modo per far salire il prezzo?! Su questo Cairo ha poco da imparare e quindi farà la sua offerta. In ogni caso, a 7 giorni dalla fine del mercato, con la posizione presa dal giocatore, 9 su 10 va a finire che l’accordo si trova. Film già visto. Niang è nostro.
    Quello che sarà dopo …. chi lo sa? le potenzialità sono enormi e se per un qualunque motivo dovesse raddrizzare la testa, sarebbe un bel botto. L’attacco sarebbe davvero da paura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. stevetoro - 3 mesi fa

    non è un affare,molto piu azzeccato prendere rony lopes dal monaco,o in alternativa zapata, niang manda i certificati come maksi.non sono professionisti e con questi giocatori hai solo da perdere. oltre a fare le primedonne….le affianchi ad un altra primadonna(ljalic?)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 3 mesi fa

      Guarda caso sia Niang che Balotelli sono gestiti dallo stesso agente : della serie dimmi con chi vai e ti dirò chi sei.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Tecnicamente Niang è un giocatore di ottimo livello con evidenti limiti caratteriali. Nessuno dei clubs dove è stato in prestito lo ha riscattato:ci sarà pure un motivo!Detto questo sarebbe per noi un profilo interessante in quanto può ricoprire due ruoli ed allora a mio parere in questo caso non sarebbe male ricorrere alla “specialità della Casa” prestito con riscatto obbligatorio al raggiungimento di un tot di partite ad una valutazione intorno ai 14\15 miln. E’ una valutazione molto alta in linea però con le cifre folli di questo mercato.D’altro canto nemmeno Belotti vale 100mln! Chi la fa l’aspetti!!!!!FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granat....iere di Sardegna - 3 mesi fa

    Speriamo non ci mettano 1 settimana a studiare sta offerta…Per il nostro presidente dev essere peggio di 1 estrazione dal dentista

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 mesi fa

      Eh sì… Ma guarda che il giochino ė proprio quello.. li tieni sulla corda fino al punto in cui accettano i soldi che gli offrì… Nel caso Njang chi ha il coltello dalla parte del manico ė il toro, non il Milan..

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy