Calciomercato, Donsah-Torino e Acquah-Birmingham: si può fare dopo Bologna

Calciomercato, Donsah-Torino e Acquah-Birmingham: si può fare dopo Bologna

Il punto / E’ pronto il cambio tra ghanesi. Il Toro deciderà lunedì sull’offerta del Birmingham, mentre il classe 1996 aspetta solo un cenno per andare a vestire il granata

18 commenti

Un ghanese per un altro. Una doppia mossa collegata per il calciomercato del Torino, che ha ottime possibilità di concretizzarsi a partire dalla prossima settimana. Domenica è in programma Bologna-Torino, la prima di campionato, con Afriyie Acquah che può essere ancora utile a Mihajlovic vista la possibile assenza di Daniele Baselli. Dopo la partita in maglia granata, potrà prendere il volo per l’Inghilterra: il ghanese ha già dato l’assenso di massima al trasferimento in Inghilterra, sua meta desiderata da tempo. Il Birmingham (club retrocesso in Championship ma che ha l’intenzione di fare un pronto ritorno in Premier League) ha sciolto le riserve dopo che, come riporta la BBC,   all’obiettivo alternativo di Redknapp, Ogenyi Onazi del Trabzonspor (che pure si era di fatto offerto pubblicamente alla squadra inglese), mentre il Torino deciderà lunedì se dare il via libera o meno alla cessione. Ma si respira grande ottimismo: l’offerta inglese è buona (tra i 7 e gli 8 milioni di Euro) e il sostituto di Acquah è già pronto: si tratta di un altro ghanese.

Già, quel Godfred Donsah che da settimane aspetta solo di poter vestire il granata. L’ultimo tassello che manca, per l’approdo del classe 1996 in granata, è proprio la cessione del connazionale e amico. Come da giorni vi raccontiamo, le due situazioni sono collegate: non appena Acquah partirà, arriverà in granata Donsah, che andrà a far parte del gruppo di alternative disponibili per Mihajlovic a centrocampo insieme a Rincon, Baselli, Obi e Valdifiori. Un profilo, quello del giovane mediano classe 1996, che il Torino insegue sin dall’ultimo mercato di gennaio, e che dovrebbe arrivare a titolo definitivo o al massimo in prestito con obbligo di riscatto: dettagli ancora da definire, ma il cartellino diventerà granata per una cifra tra i 5 e i 6 milioni di Euro. La prudenza, quando si tratta di calciomercato, è d’obbligo finchè non ci sono le firme. Ma in questo caso si può azzardare un minimo di sicurezza: tra lunedì e martedì la “sostituzione” tra ghanesi dovrebbe diventare realtà.

18 commenti

18 commenti

  1. Pimpa - 1 mese fa

    Ogni partita una mano di poker.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ale_gran79 - 1 mese fa

    Resto dell’idea che l’operazione di cambio Acquah-Donsah porta solo una magra valenza e molte incognite tecniche. Se pero’ Acquah e’ davvero intenzionato ad andarsene e’ meglio che l’affare si faccia piuttosto che tenere in squadra un piantagrane per una stagione intera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Brawler Demon - 1 mese fa

    Per me, deve rimanere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. WGranata76 - 1 mese fa

    Se non si acquista anche un altro elemento in mediana è un grossissimo rischio.
    Resteremmo in mediana con giocatori con le seguenti statistiche:

    – Baselli: al momento infortunato al ginocchio senza data certa di rientro. La sua storia medica parla di un infortunio che lo tiene lontano circa un mese ogni anno degli ultimi tre anni. Inoltre ogni anno ha raggiunto una volta la squalifica per somma di ammonizione. Infine è entrato nel giro della nazionale che genera potenziali infortuni e stanchezza extra. In media quindi salta 5-6 partite l’anno, due sicure al momento.

    – Rincon: al momento sano, ma ha una brutta cronaca infortuni e mediamente salta 50 giorni all’anno infortunato per vari motivi. Inoltre è un giocatore che non tira indietro la gamba e tende a prendere cartellini, passi l’ultimo anno dove le scarse presenza e la protezione gobba lo ha aiutato, ma l’anno precedente due volte ha raggiunto la squalifica per somma di ammonizioni. Anche lui nazionale in sudamerica, quindi viaggi e stanchezza. Facile preventivare dalle 6-8 assenze.

    – Obi: al momento sano, ma sappiamo bene il tormento che sto povera ragazzo ha subito in termini di infortuni, che lo portano mediamente a saltare metà stagione l’anno. In termini di cartellini è molto poco sanzionato, a parte lo scorso anno un rosso diretto. In nazionale, ma senza troppa continuità. Non glielo auguro, ma facile preventivare circa 10 di assenze.

    – Valdifiori: dubbi sulla sua posizione e rendimento con questo modulo. Al momento infortunato al ginocchio e data di rientro ipotetica dopo la pausa nazionali. Giocatore in linea di massima integro, solo qualche infortunio muscolare di lievissima entità. Molto sanzionato, certo giocando nell’Empoli era penalizzato, ma ha sempre raggiunto la squalifica ogni anno, in un caso due volte. Si possono ipotizzare 3-4 giornate di assenza (contandone già 2 sicure)

    – Donsah: al momento sano, ma anche lui ha sofferto di parecchi stop per la sua giovane età e in media salta 6 partite l’anno. Problemi anche di ernia al disco da monitorare. Molto poco sanzionato e nazionale col Ghana. Si possono ragionevolmente ipotizzare 2-3 giornate di assenza vista l’età.

    A questo punto siamo davvero convinti che sia logico dare via Acquah e prendere Donsah in sostituzione, senza prevedere un altro rinforzo e senza Lukic, che poteva essere un buon tampone?

    Acquah certo era spesso sanzionato con la doppia ammonizione, ma abbastanza integro e nell’insieme a mio avviso serve bene alla causa.
    Se va in porto questa operazione e rimane questa mediana, si giocherà d’azzardo sulla speranza che non si ripetano gli infortuni degli anni passati ai singoli giocatori e non ci sia forte concomitanza di squalifiche e impegni con le nazionali durante le degenze.
    Per puntare concretamente all’europa l’azzardo va minimizzato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 1 mese fa

      Azzz stai tirando gufate su gufate!!!!
      Se continuo a leggerti mi viene l’orchite.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iugen - 1 mese fa

        Non mi sembrano gufate. Sommate sono 30 giornate di assenza, divise per cinque giocatori, ci si potrebbe tranquillamente coprire tutto il campionato senza patemi. Sarebbe da metterci la firma, altroché, a condizione ovviamente che non avvengano contemporaneamente

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. WGranata76 - 1 mese fa

        Non sono gufate, sono solo valutazioni che una società deve fare. Come dicono più sotto ci stanno anche una media di 5-6 assenza a giocatore nel reparto, a patto che non siano in contemporanea con squalifiche, impegni nazionali ecc.
        Poi però esiste anche la coppa italia da giocare e non va sottovalutata perchè potrebbe essere una via alternativa per l’europa.
        Io non gufo, anzi spero che siano tutti sani, ma se si pianifica e programma queste considerazioni devono esser fatte.
        Spero che la società ne tenga conto e prenda altri giocatori.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iugen - 1 mese fa

      Teoricamente cinque giocatori per due posti basterebbero, il problema è che uno è Obi, che alla fine conta come mezzo, purtroppo, e un altro è Valdifiori, la cui utilità in questo modulo è tutta da valutare. Con Lukic al suo posto sarei stato un po’ più tranquillo, mi sembrava più adatto al modulo perché corre e copre più di Valdifiori, altre a essere più giovane e più integro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. WGranata76 - 1 mese fa

        Sono d’accordo, avrei tenuto Lukic e provato a vendere Valdifiori.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Akatoro - 1 mese fa

    Io lo terrei. Donsah è una scommessa al momento mentre acquah, pur non avendo piedi fini, resta molto affidabile e utile per il gioco di miha. In più rincon avrà anche dei cali fisici, non potrà reggere 40 partite a far legna in un centrocampo a due,
    oltre ai gialli che un modulo del genere comporta . Ricordiamoci che donsah faceva panchina al Bologna non al Real

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Fabio - 1 mese fa

    Io non lo cederei

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. stevetoro - 1 mese fa

    adesso la squadra si completa dopo la prima giornata di campionato? ho capito………dopo la vittoria contro il bologna che è disastrato …si puo dire ..siamo forti come siamo e ole’………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Lello66 - 1 mese fa

    Scusate, errore T9…solo perché ha manifestato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Lello66 - 1 mese fa

    Non capisco tutta questa fretta che TN ha per vendere Acquah, solo le che ha manifestato che gli piacerebbe giocare nella premier league, e soprattutto, Acquah ê disposto a giocare in una squadra di serie B inglese. Pregherei la redazione di dare certe notizie a cessione avvenuta, e non di giocare al fantacalcio, grazie.
    Chiederei inoltre alla redazione, quando sono coinvolti nella discussione, di intervenire, giustificando la notizia pubblicata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. daunavitagranata51 - 1 mese fa

      giustissimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. daunavitagranata51 - 1 mese fa

      giusto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. skrunk - 1 mese fa

      Concordo Lello66…
      Suggerirei anche alla Redazione di contattare i tecnici web e mettere il sito in https… così è più sicura la connessione e evitiamo la rottura al login (sito non sicuro, ecc.), per conferma provare a mettere https://tvvarna.info, viene fuori:

      Questa connessione non è sicura

      Il gestore di http://tvvarna.info ha configurato il sito in modo non corretto. Per evitare potenziali furti di informazioni Firefox ha interrotto la connessione.

      Si fa in fretta a provvedere…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. skrunk - 1 mese fa

      Concordo Lello66, sarebbe meglio se restasse, bisogna però vedere se Acquah vuol rimanere, se volesse veramente andare al Birmingham, sarebbe più saggio assecondarlo, tenerlo controvoglia non avrebbe senso…
      Ho inviato una mail alla redazione chiedendo di mettere in sicurezza il sito, in https…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy